Prodotto aggiunto con successo al carrello.
Acquista

Far Germogliare i Semi di Cannabis

Ci sono tre modi di far germogliare i semi di cannabis

C'è una credenza diffusa che i semi più scuri (e luccicanti) siano una garanzia della buona qualità dei semi. Questo non è completamente vero; i semi di colori più chiari possono comunque essere di buona qualità. Ci sono attualmente tre tipi di semi disponibili:

  1. Regolari, possono contenere semi sia maschili che femminili
  2. Femminizzati, sono al 100% femminili, ma c'è sempre una piccola probabilità che sia presente un ermafrodita tra di essi.
  3. Autofiorenti, che sono al 100% femminilizzati.

Germogliare Semi di Cannabis

I semi Regolari possono essere sia maschili che femminili, ma le piante maschili sono uno spreco e possono rovinare il raccolto, a meno che non stiate tentando di produrre voi stessi dei semi (per questa ragione è conveniente far germinare 3-4 volte più semi del necessario, mettendo da conto qualche fallimento). Dovrebbe essere possibile distinguere se un seme Regolare sia maschio o femmina; non sappiamo se sia vero oppure no, ma non fa alcuna differenza per il processo di germinazione che lo sia o no.

Siete in grado di determinare il sesso dei semi di cannabis?

Con i Femminilizzati, ci sono il 100% di femmine e non c'è ragione di preoccuparsi di trovarsi con una pianta maschile. Ma c'è una piccola probabilità che succeda comunque di tanto in tanto che nasca un ermafrodita (caratteristiche maschili e femminili su una stessa pianta). Con entrambi i sessi presenti c'è pericolo di autofertilizzazione. I semi Femminilizzati prodotti senza cura hanno una probabilità di produrre un ermafrodita più alta dei semi Regolari.

Ora parleremo della germinazione.

Questa prima tecnica è quella che raccomandiamo. Vi consigliamo di usare sempre lo 'Smart Start' per germinare i vostri semi. Molti errori vengono normalmente commessi con la seconda e la terza tecnica di germinazione.

Ci sono tre modi di far germogliare dei semi

  1. semi direttamente nel terreno
  2. semi in un batuffolo di cotone/carta assorbente bagnata
  3. semi in un bicchiere d'acqua

1. Una varietà di semi germoglia più facilmente delle altre. Usare il terriccio speciale da germinazione non è essenziale. Possono essere piantate direttamente nel terreno normale. Questo metodo è il mio preferito. Le radichette sono estremamente vulnerabili e si danneggiano facilmente nel Semi nel terrenopassaggio dal cotone umido al terreno. E anche solo osservando la natura, si nota che i semi sono sottoterra, dove è tutto piacevole e scuro (da cui la mia preferenza verso il non esporre i semi alla luce). Piazzate semplicemente i semi nel terreno coperto da compost (a circa 0.5 cm di profondità), di nuovo facendo attenzione quando lo ricoprite. DOpo 3-7 giorni compariranno i primi germogli sul terreno. Nuovamente, non date nutrienti aggiuntivi per i primi giorni, anche se dello stimolante per radici potrebbe essere utile in questa fase. Quando le piante avranno raggiunto i 5-10 cm di altezza, potrete vedere chiaramente quali sono destinate a crescere più robuste delle altre! Muovetele in dei vasi più grandi o in terra e date acqua in abbondanza al principio (ma non troppa). Dopo 2-3 settimane potete iniziare lentamente a nutrirli; capirete quando è necessario guardando le foglie - i bordi inizieranno ad ingiallire. Non è consigliabile lasciare i semi di fronte ad una finestra, in quanto la temperatura deve restare attorno ai 20° C; il terriccio di fronte ad una finestra non raggiunge questa temperatura, tantomeno il cotone bagnato! E una buona temperatura è fondamentale per riuscire a germinare. Alcuni propongono temperature anche più alte; è vero che possono indurre ad una germinazione più rapida, ma ci sono indizi che una temperatura troppo calda possa aumentare la probabilità di sviluppo di piante maschio.

semi direttamente nel terreno

2. Qua troviamo di nuovo molte opinioni contrastanti, con alcuni a sostenere che vadano tenuti alla luce, e altri al buio. Noi siamo di quest'ultima opinione. Il modo più semplice è creare due strati di batuffoli di cotone o carta assorbente bagnata, piazzando i semi tra questi due strati (fate attenzione a controllare il grado di umidità ogni giorno; non troppo bagnato e assolutamente non Semi in un batuffolo di cotonetroppo secco). Alcuni (2-3) giorni dopo vedrete degli abbozzi di radici spuntare, quindi potrete procedere con la semina (con la radichetta puntata verso il basso) nel terriccio come descritto sopra. Quindi tenete il vaso umido e caldo, esponendolo a 18 ore di luce al giorno. Attenti, umido non significa ammollo! Nei primi giorni non date al seme nutrienti extra, limitatevi a della semplice acqua. Anche qua esistono modi diversi di procedere. Potete adagiare i due strati in un piatto, con un altro piatto rovesciato sopra di questo (dicono i sostenitori della germinazione al buio), e dopo 2-3 giorni i semi di apriranno. Altri prendono un piatto e lo coprono con della pellicola trasparente (con pochi buchi sparsi per il ricambio d'aria). Alcuni dei sostenitori della germinazione alla luce usano persino una lampada sopra al piatto. Potete anche comprare una piccola scatola di crescita (propagatore), disponibile nei negozi di agraria o nei centri giardinaggio (per 7-10 euro). Con questo arriviamo all'opzione numero tre.

semi in un batuffolo di cotone/carta assorbente bagnata

3. Potete semplicemente mettere i semi in un bicchiere d'acqua, cambiando l'acqua quotidianamente. Non c'è bisogno di fare altro. È consigliabile mantenere l'acqua a circa 20 gradi. Dopo pochi giorni (3-5) vedrete comparire piccole macchie bianche, con l'aprirsi del seme. Si tratta del primo abbozzo di radici, e quando avranno raggiunto la misura di circa 2-3 mm potrete estrarre il seme o i semi semi in un bicchiere d'acquadall'acqua e sistemarli nel terriccio da germinazione; questo terriccio speciale per la germinazione è disponibile nei negozi di agraria. Contiene elementi aggiunti e minerali. Piantate questi semi germinati con attenzione nel suolo, ognuno in un vaso separato, in un buco profondo circa mezzo centimetro e copritelo con attenzione con del terriccio. È importante non dargli troppa acqua, anzi, è un'ottima idea farlo con un vaporizzatore per un dosaggio più accorto, e servirà fornire dell'illuminazione extra sotto forma di lampade fluorescenti appese a poca distanza dal livello del vaso.

Esistono diverse opzioni per la profondità; alcuni sostengono che 0.5 cm sia sufficiente, mentre altri parlano di 2-3 cm. Personalmente mi atterrei agli 0.5 cm, in quanto una profondità maggiore rende difficile al germoglio emergere dal suolo. E se questo passa troppo tempo sottoterra aumenterà la probabilità di marcire. D'altro canto, lo svantaggio può essere che se il seme non è abbastanza profondo, lo stelo non si svilupperà in maniera sufficientemente robusta (non avendo dovuto lavorare duramente) e c'è una piccola probabilità che lo stelo sia fragile e si possa rompere (le famose "skinny blade", anche se sono solitamente causati dalla luce). In breve, tutti dovrebbero scegliere come provedere in base al proprio giudizio ed esperienza.

Per aggiungere un'ultima nota sulla germinazione in un bicchiere d'acqua, è possibile far germogliare dei semi in questo modo, anche se sembra illogico (potrebbe non esserci abbastanza ossigeno sott'acqua, ad esempio), ma in passato, con le nostre buffe idee, abbiamo spesso usato questo metodo, ed in effetti i semi germogliano (anche se non tutti). E non può essere più semplice di così!

Lo stesso risultato si può ottenere in maniera più efficace appoggiando i semi su dei batuffoli di cotone bagnati o su della carta assorbente bagnata.

semi in un bicchiere d'acqua

Il nostro suggerimento:

Sistemate i semi direttamente sul compost preparato con una lampada al di sopra. Se state lavorando col cotone bagnato, fatelo al buio, attorno ai 20-22 gradi (temperatura di suolo-acqua), quindi cambiate/aggiungete acqua ogni giorno. Per i primi giorni dopo la germogliazione usate solo acqua (non troppa) senza nutrienti aggiunti, ma potrebbe far comodo un po' di stimolante per radici. Quando le piantine sono alte circa 10 cm potete trapiantarle in un vaso più grande o in terra (all'aperto, attorno ad Aprile). Dopo 2-3 settimane potete gradualmente iniziare ad aggiungere nutrienti, affidandovi ai bordi delle foglie che diventeranno gialli quando è necessario questo supplemento.

 

Torna a Coltivazione- Le Basi

Torna a Guida alla coltivazione della cannabis

Semi di cannabis migliori