Prodotto aggiunto con successo al carrello.
Acquista

Guida Alla Coltivazione

Defogliazione delle Piante di Cannabis: Tutto Quello Che C'è Da Sapere

DEFOGLIAZIONE E CANNABIS

Defogliazione è un termine generico per indicare la rimozione di foglie dalle piante. Questa tecnica può essere applicata in modi diversi per ottenere numerosi effetti. Molte specie vegetali rispondono bene alla defogliazione, come il cotone, la chia (Salvia hispanica) e il trifoglio.

La defogliazione consiste nel rimuovere a mano le foglie dalle piante di cannabis per localizzare la produzione di resina e migliorare le rese al momento del raccolto. La cimatura o Topping, il Main-lining, il Lollipopping e le diramazioni eseguite a sequenze temporali (Schwazzing) sono alcune delle tante tecniche usate per la defogliazione. Anche la rimozione delle foglie gialle o danneggiate è una forma di defogliazione.

PERCHÉ DEFOGLIARE?

Con la defogliazione un coltivatore può manipolare la crescita della pianta per aumentare il flusso d'aria e la penetrazione della luce. Più nodi riceveranno la luce diretta e più fiori si svilupperanno, con maggiori quantità di resina. Anche il maggior flusso d'aria attraverso l'intera struttura della pianta aiuterà a prevenire gli attacchi di agenti patogeni e a promuovere un efficiente scambio di gas da parte degli stomi fogliari.

Le ragioni per cui la defogliazione aumenta le rese è ancora un mistero controintuitivo. Circolano alcune teorie piuttosto valide sui motivi per cui viene stimolata la crescita dei fiori, ma ciò che più testimonia l'efficacia della tecnica di defogliazione sono i grammi in più che si ottengono al momento del raccolto.

COME DEFOGLIARE LA CANNABIS

Per rimuovere le foglie da una pianta di cannabis è sufficiente tagliarle con un paio di forbici o pizzicare gli steli tra le unghie di pollice e indice. Molti coltivatori inorridiscono alla sola idea di defogliare, sostenendo che bisogna lasciar crescere le piante in modo naturale. Tuttavia, i test realizzati in campo dimostrano che le rese sono più elevate dopo una defogliazione. Il dibattito sugli eventuali svantaggi di una defogliazione ben fatta è ancora acceso.

Quando decidete di defogliare una pianta, la tecnica da applicare dipende solo da voi. Tutti possiamo aumentare le rese cambiando le sagome delle nostre piante. I fattori da considerare rimangono la genetica, la disponibilità di spazio dove coltivare e l'intensità della luce.

In generale, la defogliazione può essere usata anche su piante su cui non si è intervenuti piegando o potando i rami, il che consentirà ugualmente di aumentare la penetrazione della luce e il flusso d'aria, piuttosto di adottare qualsiasi altra tecnica specifica. Le foglie che impediscono la penetrazione della luce vengono rimosse durante la crescita della pianta a discrezione dei coltivatori, anche durante la fase di fioritura. Le cime di cannabis sono infatti incredibilmente efficaci nella fotosintesi ed hanno la capacità di riprendersi subito dopo una defogliazione.

La tecnica Main-lining consiste in una serie di defogliazioni radicali su giovani piante di marijuana. La cimatura, la rimozione dei rami più bassi e meno sviluppati e il taglio completo del nodo adottati in questa tecnica cambia completamente l'aspetto di qualsiasi fenotipo di pianta. Con il Main-lining si possono ottenere otto o più cime principali per pianta senza altre ramificazioni secondarie.

Il Lollipopping può essere applicato anche su piante cimate o piegate, o lasciate crescere naturalmente. Si tratta di eliminare tutte le ramificazioni più basse o defogliare tutto tranne le cime primarie di ogni ramo in fioritura. Il Lollipopping consiste nel convogliare le energie delle piante nella produzione di un minor numero di grappoli floreali, ma di dimensioni più grandi. Questa tecnica consente alle ramificazioni inferiori di ricevere molta più luce e migliora il flusso d'aria.

Lo Schwazzing è una tecnica dove la defogliazione viene eseguita in specifici momenti del ciclo di vita della pianta. Le piante vengono lasciate crescere in fase vegetativa senza alcun intervento. Tuttavia, prima di avviare il ciclo di luce 12-12, tutte le foglie più grandi a ventaglio vengono rimosse dal gambo principale e dai rami laterali. Le piante vengono così lasciate fiorire per tre settimane, trascorse le quali le nuove foglie a ventaglio e tutte quelle che ombreggiano le parti basse vengono nuovamente rimosse. A questo punto le piante possono maturare liberamente. Alcuni audaci coltivatori preferiscono applicare ancora una volta prima del raccolto lo Schwazzing (chiamato nei libri di coltivazione degli anni settanta "Miamimangoing"). Le foglie più grandi a ventaglio vengono così asportate ancora una volta la quinta o sesta settimana prima del raccolto.

COME FACCIO A SAPERE QUANDO IL TROPPO È TROPPO?

Per far sì che la defogliazione sia fatta correttamente senza compromettere la normale traspirazione delle piante bisogna acquisire qualche arte di stregoneria. Esagerare può creare sovraconcimazioni, stressando le piante per problemi nutrizionali. Quando vengono rimosse troppe foglie e viene interrotta la normale traspirazione, nelle zone radicali si possono formare accumuli di sostanze nutritive, bloccando la loro disponibilità e causando bruciature da fertilizzante. Gli apporti di sostanze nutritive dovranno essere adattati a piante meno esigenti, almeno fino al loro completo recupero. Alla fine sarà l'esperienza a indicarvi le corrette quantità di fogliame da asportare in una Grow Room.

Una buona regola è quella di lasciare indisturbata la crescita delle parti apicali delle piante, oltre alle due foglie a ventaglio più sviluppate. Defogliare con maggiore aggressività può rallentare la crescita della pianta. Potreste notare come le nuove parti apicali assumono colorazioni verde brillante a causa di stress nutrizionali e gli steli diventano leggermente rossi e viola. Questa risposta cromatica svanirà man mano che la pianta recupererà le forze nei successivi giorni. Tuttavia, il tempo impiegato per mostrare quello stadio di convalescenza si sarebbe potuto destinare alla crescita della pianta.

CIME, CIME OVUNQUE

Sebbene il meccanismo in sé non sia ancora del tutto chiaro, il trauma generato da una defogliazione stimola sensibilmente il vigore delle piante. Ognuna delle tecniche di defogliazione indicate in questo articolo hanno dimostrato di aumentare le quantità di fiori di cannabis maturi. La defogliazione ha anche il vantaggio di ridurre la fase di manicure post-raccolto, in quanto la metà delle foglie è già stata rimossa.

Le tecniche di defogliazione indoor o outdoor consentono ai coltivatori di cannabis di aumentare le rese. Se invece osserviamo le piante di cannabis dal punto di vista estetico, allora vi renderete conto del mare di cime di marijuana perfettamente mature e sapientemente defogliate. Buona coltivazione a tutti!