Product successfully added to your shopping cart.
Check out

Misura e piante di cannabis

pH meter sol

Misura è conoscenza

Alcuni coltivatori amano somministrare alle proprie piante femmine un vasto repertorio di supplementi, nel tentativo di ingrassare le loro piccole "gallinelle". Ma come è possibile lasciarsi prendere la mano trasformando una galline in un gallo da batteria ingrassato, è anche possibile nutrire troppo una pianta?

Per risponde a questa quesitone sulla nutrizione, diamo un'occhiata più da vicino alle differenze tra come si nutre una piante rispetto agli animali (e gli uomini). Cosa c'è o meno tra i nutrienti, e quali funzioni ed influenze hanno sulla pianta?

Composti

Per iniziare: i nutrienti della pianta consistono in minerali e sali, gli stessi che contribuiscono alla nutriente per le pianteconducibilità elettrica. Questi sono la somma totale di quel che la pianta assorbe, dissolti in acqua, tramite le sue radici. I sali sono il composto che si crea legando un metallo ad un non metallo. L'acqua dissolve questo legame e divide il sale in ioni. Queste sono piccole particelle che possono essere assorbite direttamente dalla pianta.

Il nostro cibo e quello degli animali contiene composti di carbonio, che sono composti troppo grandi per essere assorbiti dalle radici delle piante. Contengono carboidrati conbustibili e la loro energia (tramite la respirazione) è necessaria per creare i composti più complessi (creati nelle cellule) usati da animali e uomo.

I nutrienti della pianta non contengono combustibili e quindi non sono responsabili per le riserve energetiche della pianta. Per questo c'è la luce. Conclusione: potate ingrassare una gallina dandole tanto cibo da mangiare, ma non una pianta. In più, le galline di batteria non sono di buona qualità.

Se vogliamo "ingrassare" una pianta, non dobbiamo soltanto nutrirla di più, dobbiamo anche assicurarci di più fotosintesi all'opera. Per ottenere quest'ultimo effetto serve più luce e più CO2 per creare le giuste condizioni. In breve, molti di noi conoscono il significato del vecchio detto popolare "una catena è forte solo quanto il suo anello più debole", che significa che è l'elemento più debole nella catena di crescita a determinare quanto spedita procede.

Nutrienti extra

Possiamo estendere la nostra metafora dicendo che la catena non diventerà più forte rendendo più forte un singolo anello.

Tutti i nutrienti extra che la pianta non può usare, alla fine finiscono nel terreno come residuo che si accumula con progredire del processo di crescita - con molti effetti negativi! Il valore di conduttività elettrica del terreno può diventare troppo alto. Questo significa che c'è una concentrazione di sali troppo alta attorno alle radici della pianta, che ne vengono disidratate. Quindi, per dire, dovrete lavorare duramente per mantenere un livello ragionevole di idratazione nella pianta.

I sali in eccesso non vengono assorbiti dalla pianta a meno che la pianta non possa farne a meno (ci sono alcuni sali velenosi che la pianta assorbe per errore, e questi vengono spesso espulsi in qualche altra maniera innocua, ma al costo di molta energia per la pianta).

fotosintesiRicordate che la pianta ha bisogno comunque di assorbire molta acqua per muovere i sali al suo interno quando necessario. Siccome l'acqua evapora dalle foglie, si genera un potere di suzione che viene usato per risucchiare i sali fino alle foglie.

L'acqua è anche necessaria per la fotosintesi (CO2 + H2O = zucchero), ma il 95% dell'acqua assorvita dalla pianta viene usata per i bisogni di trasporto! Una conduttività elettrica troppo elevata tende ad impedirlo. È vero che la conduttività elettrica nel suolo può essere ragionevolmente alta senza creare alcun grosso problema, ma ha i suoi limiti. Risciacquare il suolo per eliminare i sali è una pessima scelta perché diventerebbe troppo bagnato, anche con dei fori alla base del vaso!

Un buon esempio di problema causato da una conduttività elettrica troppo elevata è dato da come i cloni appena attecchiti si adattano al nuovo terreno fertilizzato, non molto bene a causa delle bruciature. La conduttività elettrica nel suolo mette un freno allo sviluppo della pianta.

Se la conduttività elettrica è troppo elevata nel suolo ed anche il pH non è buono, sarà molto più difficile riportare il pH ad un buon livello che se la conduttività elettrica fosse stata ad un livello ragionevole. In pratica il suolo diventa acidificato troppo spesso tra i coltivatori di cannabis come risultato dell'eccessiva concimazione.

Piani di nutrimento

I produttori e fabbricanti di nutrienti minerali per cannabis spesso danno poche o nessuna spiegazione ai possibili effetti negativi conseguenti all'uso dei propri prodotti, ed i loro piani di nutrimento assumono che le piante siano sempre nelle migliori condizioni ed in rapida crescita. Quando non è più vero potete tranquillamente buttare via le piante, come suggerisce la pratica!

State anche in guardia verso i "nutrienti biominerali", che fanno credere si possa dare alla pianta il triplo della dose dichiarata sul flacone, ma non è il caso. In questi si trova la stessa quantità di nutrienti che nel buon becchio PK 13/14, e possono far aumentare drasticamente il pH se usati incautamente. Quindi misurate bene!

In un buon mix di terra (10 litri per pianta) con il giusto pH e la giusta quantita di acqua, è improbabile una carenza di nutrienti nella seconda settimana di crescita. Se vedete un ingiallimento o qualche problema simile, la causa è probabilmente da cercarsi non tra le carenze nutritive ma in qualche altro fattore.

In alcuni test che ho impostato, c'erano piante a cui non ho dato alcun nutriente aggiuntivo ed erano ancora in ottima forma nella terza settimana di crescita.

In breve: tutto gira attorno ai valori di pH e conduttività elettrica del suolo, e questi sono raramente gli stessi valori della vostra acqua. La misura è conoscenza, come ben sappiamo. Quindi crescere in terra non è esattamente facile; non si tratta certamente di un processo automatico, se capite cosa intendo!