Product successfully added to your shopping cart.
Check out

Coltivare cannabis tramite idroponica

Hydro

Chiunque scelga di coltivare con il sistema idroponico deve pensare attentamente al substrato che ha intenzione di usare. In questi giorni ci sono tantissimi tipi disponibili per i coltivatori. I tipi più comuni sono fibra di cocco, lana di roccia, argilla espansa, vari tipi di tappeti erbosi, pietre laviche, perlite e vermiculite. Ovviamente è importante scegliere il tipo che più rientra nelle esigenze del nostro sistema di coltivazione. Una domanda però sorge spontanea, abbiamo veramente bisogno di un substrato? Cosa fa il substrato, in pratica? Come funziona veramente?

PerliteC'è un'idea sbagliata tra i coltivatori che la funzione del substrato abbia solo a che fare con la relazione tra aria e acqua della radice della pianta. In realtà il ruolo del substrato è responsabile solamente del 15% della crescita della pianta, l'altro 85% è nelle mani del coltivatore.

Il substrato è un mezzo in cui cresce la pianta. Esso è principalmente è un singolo materiale, talvolta una combinazione di materiali, che gestiscono il supporto e l' aerazione trattenendo e distribuendo l'acqua per la pianta. In realtà, per quanto riguarda la pianta, il substrato deve contenere l'acqua, l'ossigeno e i nutrienti, drenare correttamente tutto e rimanere neutrale, in modo da non interferire con lo sviluppo della pianta. Per il coltivatore, il substrato deve avere una serie di altri fattori: deve punto interrogativoessere affidabile, economico da usare e leggero. Deve anche essere facile da lavorare e da smaltire. Idealmente non dovrebbe essere inquinante ed essere biodegradabili. E se sei un perfezionista, dovrebbe anche essere totalmente naturale.

Alcuni trovano tutti questi parametri molto noiosi da tenere a mente e a rispettarli. Quindi la domanda successiva è: quanto necessario è il substrato in ogni caso? Può funzionare senza, o almeno con una riduzione al minimo? È qui che l'aeroponica o l'aero-idroponica comincia a diventare interessante. Questa tecnologia fornisce una precisa risposta a queste domande, rispondendo rapidamente: No(O comunque molto poco), non è quasi più necessario il substrato! Non dovrai più trasportare su per le scale sacco dopo sacco di substrato, non più discariche abusive di materiali utilizzati, mai più infestazioni legate al substrato, non più masse enormi di roba da pulire e trascinare avanti e indietro.

COSA SONO l'aeroponica e l'aero-idroponica?

Hydroponics vs aeroponics

Ma che cosa sono l'aeroponica e l'aero-idroponica? Avete mai visto un sistema di coltivazione che spruzza la soluzione di alimentazione come se fosse una nebbiolina sottile rispetto al sistema di alimentazione di radici ? Questo è un sistema aeroponico, una tecnica mediante la quale acqua e sostanze nutritive sono consegnate tramite un ugello ad alta pressione. Questa tecnica non è molto usata nella sua forma pura. Anche se ad alcune aziende piace chiamare i loro sistemi "aeroponici", normalmente si vedono tali installazioni solo negli istituti di ricerca e nelle università.

L'aeroponica

L'aeroponica ha i propri vantaggi e svantaggi. Si satura la soluzione di alimentazione di ossigeno, dando alle radici un ambiente molto sano, e l'applicazione più interessante è il suo uso nella riproduzione vegetale. Ma se si vuole mantenere la pianta fino a quando è matura si noterà che la zona principale si sviluppa troppo in fretta e troppo abbondantemente, a scapito della parte a base d'aria della pianta.

Questo non è normalmente quello per cui noi coltiviamo - la cannabis non è un ortaggio da radice. Però nemmeno se si vuole far crescere ortaggi a radice è sempre pratico, perché con l'aeroponica, le radici tendono a rimanere morbide, al contrario di quello che succede quando sono costantemente immerse in acqua e non si sviluppano mai la qualità croccanti che cerchiamo in una radice, come la radice di liquirizia ..

L'aero-idroponica

L'aero-idroponica è una modifica della aeroponica. E 'effettivamente iniziata a metà degli anni '80, in California, dove Laurence Brooke ha deciso di cercare di portare l'aero-coltura idroponica per il ugello Mistmercato internazionale. Ha iniziato con la "EGS" (Ein Gedi System), poi un gruppo lo ha sviluppato presso l'Università di Davis, in California, per lo studio del livello di ossigeno nell' acqua, che Brooke ha trasformato nella migliore unità di propagazione fino ad oggi: la "Foresta pluviale". Questa unità spruzza acqua da un ugello sulle radici, ma non nella forma di nebbia, ma più come uno spruzzo girevole.

In questi giorni ci sono molte varianti del sistema aero-idroponico sul mercato, alcuni sono efficaci, altri meno, a seconda dell'esperienza e della conoscenza del produttore. È anche possibile costruire il proprio sistema aero-idroponico con un po' di aiuto da parte delle molte riviste e dei libri che ci sono in questi giorni nei negozi idroponici.

Nella aero-idroponica l'acqua si satura di ossigeno tramite un certo numero di metodi: spruzzatura, iniezione o cascata. Questi solitamente si basano su una pompa che comprime l'acqua attraverso dei tubi di irrigazione e irrigatori diversi, prima di cadere di nuovo nel serbatoio. Un sistema ben progettato di aero-idroponico deve trovare il perfetto equilibrio fra i diversi componenti e le corrette proporzioni tra le diverse correnti d'acqua e dalle forme delle varie parti (tubi, serbatoi, spruzzatori e dispositivi di irrigazione).

Substrato e aeroponica o Aero-idroponica

Né l'aeroponica né l'aero-coltura idroponica hanno bisogno di substrato(O comunque molto poco). Hanno solo bisogno di un modo per sostenere le piante, di solito sotto forma di piccoli vasi di cocco, vasi di coccoreti di plastica o dei semplici anelli di gomma. Hanno solo l'acqua come substrato. Ora tutto ciò che rimane è l'acqua e il coltivatore.

Una cosa che sappiamo per certo è che è stato sradicato il problema più difficili del substrato, ma probabilmente ti starai chiedendo se potrai trovare altri problemi che potrebbero essere altrettanto difficili ... Beh no, non proprio. Per escludere del tutto e in modo sicuro i supporti tradizionali, devi essere assolutamente sicuro della fornitura di acqua per la pianta, avere una buona gestione per il circolo dell'aria e un ambiente neutro e pulito. Nella aeroponica e nella aero-idroponica questa è la base perfetta: un' acqua ben ossigenata per le radici e un buon drenaggio.

Quando questo è stato detto è anche fatto, per il resto, ancora una volta, è tutto nelle mani del coltivatore. Si deve fare in modo di avere una ben equilibrata soluzione, completa di nutrienti; un perfetto EC e pH, una buona ventilazione, una temperatura ideale, un buon tasso di umidità dell'aria e metodi di lavoro igienici, proprio come se si dovesse coltivare un'altra qualsiasi pianta o con una qualsiasi altra tecnica di coltivazione.

IS AERO-HYDROPONICS una tecnica difficile?

Alcune persone pensano che aero-idroponica sia una tecnica difficile e hanno ragione, fino a un certo punto. L'unico vero vantaggio di avere un substrato è che agisce come un tampone. Questo significa che, a differenza della aero-idroponica, dove le parti a radice nuda pendono non protette, il substrato circonda completamente le radici e quindi le protegge dai cambiamenti climatici, come la temperatura o l'umidità dell'aria; o di altri "incidenti" che purtroppo possono capitare.

ExpertEcco perché i principianti di solito sono raccomandati a iniziare con un sistema di substrato e più tardi passare ad un sistema aero-idroponico, una volta che hanno accumulato una certa esperienza. Alcuni produttori offrono un sistema di coltivazione "duo", cioè con uno speciale kit è possibile passare da un "sistema di substrato" ad un sistema "di non-substrato", mentre guadagnate più fiducia. Garantiscono e offrono ai loro clienti un servizio di assistenza tecnica veloce e gratuito. Anche un principiante può poter scegliere per la aero-idroponica, se pensa che sia giusta per lui. Seguendo le istruzioni fornite con i sistemi di coltivazione vedrai come è semplice coltivare in questo modo. E non dimenticate che a seconda di quale tecnica si sceglie, non è solo il sistema o la sostanza nutritiva , ma il coltivatore che è responsabile per un sano sviluppo della pianta.

High-Five

Di recente, a Berlino, ho avuto il piacere di incontrare Melchior, della ditta olandese High Five. Come la maggior parte dei coltivatori olandesi ha usato la lana di roccia e il tradizionale sistema a goccia e lui ne era completamente soddisfatto. L'anno scorso un suo amico australiano gli ha lasciato da parte un piccolo sistema aero-idroponico , una replica in miniatura di un sistema "AeroFlo". Così Melchior ha giocato con questo piccolo sistema per un paio di mesi e ne era completamente appassionato. Le sue piante avevano un aspetto perfetto, uguali e compatibili tra loro. Il suo raccolto è stato meraviglioso, di gran lunga miglire di quanto avesse avuto in questi ultimi anni - e lui è un coltivatore esperto.

Una delle sue più grandi soddisfazioni non era solo il raccolto eccezionale che ha raggiunto, ma di essersi finalmente sbarazzato di tutto quel substrato, con tutti i problemi che aveva portato con sé. Negli ultimi tempo Melchior è il primo distributore olandese a portare la aero-idroponica al mercato locale. Vediamo cosa questo coltivatore eccellente può realizzare!

Domande & risposte

D.1 - Nelle istruzioni riguardanti il substrato ho letto che i granuli di argilla devono essere lavati. Ma devo lavare anche i granuli di argilla nuovi?

R.1 - Non tutti i granuli di argilla sono uguali. La maggior parte di quelli che si possono acquistare per la coltivazione hanno il pH stabilizzato, ma questo è qualcosa che si deve provare fino a trovare un marchio con cui si è soddisfatti. Si tratta di un test facile da fare: far cadere una manciata di granuli in un contenitore, riempire il contenitore con acqua di rubinetto regolato a pH 6, lasciare in ammollo per una notte e la mattina dopo controllare il pH di nuovo. Il pH non sarà mai rimasto uguale, in pratica il pH si alzerà un po', ma non dovrebbe mai andare oltre il 7, se i granuli di argilla sono buoni.

Non bisogna usare acqua distillata o demineralizzata per questo esperimento. Queste non hanno capacità tampone e ho il sospetto che ogni tipo di pietra alzi il pH a livelli inaccettabili. Se i granuli di argilla sono nuovi e il pH si alza fino a livelli inaccettabili, allora devi lasciare in ammollo tutti i granuli, per una notte, in una soluzione acida. Utilizzare solo acido fosforico o acido nitrico con un pH di 1-3.

Di nuovo, non cominciare a lavorare con la speranza che il pH sarà perfetto. Ci sono più fattori x che granuli di argilla che hanno un effetto sul pH della soluzione, ancor prima che le piante siano state aggiunte al sistema di coltivazione. E 'normale che il primo paio di giorni il pH continuerà ad aumentare. Si dovrà aggiungere piccole quantità di acido ogni giorno prima di raggiungere la stabilità reale. Esistono anche regolatori dei livelli di pH sul mercato con capacità tampone che possono aiutare a stabilizzare il pH.

Oltre al problema del pH, la maggior parte dei granuli di argilla molto polverosi. Essi sono coperti con un fine strato di particelle di argilla. Queste particelle possono ostruire i tubi di irrigazione a goccia o di afflusso della pompa. E' sempre meglio lavare i granuli prima di utilizzarli. Un modo semplice per farlo è prendere un secchio di plastica a buon mercato e praticare dei fori nella parte inferiore. Mettere le palline di argilla nel secchio e versare acqua dentro al saccio, le particelle di argilla saranno lavate via molto facilmente.

Questa procedura è sufficiente per preparare il substrato di argilla. Ma se non siete preoccupati per dei possibili blocchi e non vi lasciate scoraggiare da dell'acqua rossa (Che non danneggia le vostre piante) si può tranquillamente saltare il lavaggio, ma sarà comunque necessario usare qualche metodo per stabilizzare il pH per garantire la crescita della vostra piantina.

D.2 - E' consigliato smettere di coltivare, anche in indoor, durante i mesi invernali, quando la temperatura esterna è più fredda. E' difficile mantenere una temperatura costante e giusta nella spazio dedicato alla coltivazione?

R.2 - Non è raccomandato fermarsi in inverno, ma la gente per lo più fa il contrario e interrompe la coltivazione in estate. Il freddo è molto più semplice da gestire, rispetto al caldo. L'illuminazione HPS usata per la coltivazione in indoor è molto inefficiente, generando più calore che luce. Potete far andare le lampade durante la notte, quando è più freddo. Quando c'è luce non c'è bisogno di alcun riscaldamento supplementare, anche se si dispone di una buona ventilazione.

Durante il periodo di buio, è possibile impostare la ventilazione al minimo, un paio di minuti ogni sessione solo per eliminare l'umidità dell'aria. Una piccola stufa elettrica sarà sufficiente per mantenere la camera di coltivazione ad una temperatura ideale (circa 15 ° C, a seconda del tipo di pianta). Per fare dei cloni dalla radice occorre impostare una temperatura di circa 20 ° C, anche questa non è anche difficile da mantenere.

D.3 - La forte luce al sodio ha qualche effetto sui tubi di plastica? Li può rendere fragili, col tempo?

R.3 - Quello che ha effetto sulla plastica è lo spettro UV. Questa, però, è solitamente filtrata in una lampada da coltivazione. Infatti lo strato più esterno del vetro è effettivamente un filtro UV. La lampada continuerà a funzionare anche quando e se il vetro si romperà, ma sarebbe piuttosto pericoloso. Una volta ho avuto un pezzo di lampada rotto, probabilmente da un difetto della lampada. Il buchetto era in un posto non molto facile da vedere (E comunque, chi guarda direttamente contro una lampada HPS?..). Ho scoperto questa falla, sfortunatamente, quando una parte del mio giardino di piante e' diventato giallo e successivamente è morto.

Quindi, o al chiuso o in una serra, la vostra plastica durerà più a lungo rispetto a quella in esterno. Alcuni tipi di plastica hanno più resistenza di altri: per esempio il PVC (policloruro di vinile) invecchia più rapidamente rispetto al PE (polietilene) o al PP (polipropilene). Scegli coltivazione con i vasi con la protezione UV e luce, che dureranno più a lungo. In outdoor, Non solo i raggi UV sono completamente non filtrati, ma sembra che ce ne siano sempre e sempre di più, ma anche la quantità totale di radiazione è enormemente superiore a quella di una lampada da coltivazione, anche se la lampada può apparire molto più luminosa ai tuoi occhi.

D.4 - L'acqua dove vivo io è molto dura. Questo fattore potrà portare a spiacevoli effetti come la formazione di calcare nel mio sistema aero-idroponico?

R.4 - La durezza della vostra acqua è in gran parte causata dal calcio. Dopo aver mescolato le soluzioni di alimentazione, il calcio fa parte dei sali totali disciolti. Consideralo un nutriente per le piante, che non è necessario che aggiunga te. In altre parole, se l'acqua fosse stata dolce, allora avresti dovuto integrare il calcio.

Ovviamente si desidera utilizzare una formula di acqua e nutriente dura per la pianta, con poco o proprio con zero calcio, per il bene delle vostre piante, per tenerle in una dieta ben bilanciata. Anche se un po' di questo calcio, come tanti altri elementi nella soluzione nutritiva (fosforo, magnesio etc ...) formeranno un composto insolubile, soprattutto un carbonato, che si accumula nelle tubazioni. E' solo una parte della pulizia che bisogna fare del sistema (polveri, materia organica morta delle piante, ecc.). È necessario proteggere la pompa contro tutta questa sporcizia utilizzando un buon filtro.

D. 5 - Se faccio crescere le piante in outdoor in una serra, è possibile prenderle e finire di coltivare in indoor per forzarle a fiorire e produrre cime? Se si, come?

R. 5 - In realtà, di solito, è fatto l'esatto opposto: si fa crescere la pianta in indoor durante l'inverno per poi posizionarla outdoor durante la primavera quando è già cresciuta abbastanza, in questo modo avrai sicuramente una buona coltivazione finale, di solito verso l' autunno. La maggior parte piante coltivate nella nostra regione sono foto periodiche: cioè il loro ciclo fioritura è determinato dalla qualità della luce (in autunno, grazie alla posizione del sole, la luce cambia verso l'estremità rossa dello spettro) e le ore della luce diurna.

In realtà è più complicato di così e la pianta viene portata a fiorire in base al tempo che trascorre ininterrotta nell'oscurità. È possibile portare quasi tutte le piante foto sintetiche a fiorire dandogli buio totale per 12 ore e poi per altre 12 ore con una lampada da coltivazione, che ha un sacco di lunghezze d'onda gialle e rosse, come la lampadina al sodio. Inoltre, non dimenticare di personalizzare la tua soluzione nutritiva con una concentrazione un pelo maggiore di fosfato e di magnesio. Questo aiuterà la fioritura.

Torna a Guida alla Coltivazione della Cannabis

Torna a Risoluzione dei Problemi

Torna a Minerali & Nutrimento

Top 10 Autoflowering