Product successfully added to your shopping cart.
Check out

Potare la cannabis

Perché potare una pianta di cannabis?

La potatura non è davvero necessaria, ma si usa frequentemente perché garantisce delle piante più erette. Senza potare potreste finire con piante molto ramificate che crescono mischiate tra loro, e questo può influire negativamente sulla circolazione dell'aria. Un aspetto importante e sostanziale del lavoro è la spaziatura della potatura; per ottenere piante dritte e regolari è necessario spaziare la potatura delle gemme ausiliarie.

Potare la cannabis

Per i veri amanti della cannabis la potatura non è necessaria. Pensano che non ci sia bisogno di fiori larghi e densi. Sono invece di opinione diversa i coltivatori professionali, che ovviamente puntano ad ottenere più chili di cannabis al m² possibile.

Legger di più sulla potare la cannabis qui.

Pianta di cannabis potareI vantaggi della potatura

La pianta dopo la potatura produrrà delle infiorescenze apicali più forti ed in generale tutte le infiorescenze saranno più grandi e compatte.

Queste infiorescenze avranno accesso ad 1/3 in più di energia dalla pianta, energia che sarebbe stata sprecata per le infiorescenze inferiori.

Quindi la potatura serve:

  • miglior produzione
  • migliori infiorescenze

Come si pota una pianta?

Se vuoi davvero ottenere delle infiorescenze più grandi per mezzo della potatura, ecco come ci puoi riuscire:

Passo 1: Osserva l'asse lungo cui sono distribuiti i nuovi germogli

Passo 2: Prendi il germoglio laterale da potar tra il pollice e l'indice e piegalo oppure strappalo verso destra o sinistra.

Nota bene: non usare un coltello o rischi di trasmettere malattie da pianta a pianta. È possibile utilizzare questa cesoie:

Leaf cutter pruning

 

Torna a Guida alla coltivazione della cannabis

Torna a Tecniche Avanzate

 

Potare