Prodotto aggiunto con successo al carrello.
Acquista

Riconoscere i Tripidi

TripidiI Tripidi sono insetti microscopici (1mm di diametro) e non sanno volare molto bene, tuttavia riescono a raggiungere luoghi anche molto elevati, sfruttando le correnti termiche ed il vento. In condizioni ottimali, i Tripidi si riproducono e si moltiplicano molto rapidamente, tanto da essere considerati non solo un fastidio, ma un'infestazione da debellare.

Questa creatura è dotata di un apparato boccale a pungiglione utilizzato per perforare le cellule e succhiarne il nutrimento, portandole alla morte. A differenza dei pidocchi non rilasciano alcuna sostanza velenosa all'interno della cellula, ma aria. Progressivamente la pianta incomincerà ad assumere una colorazione grigia ed un aspetto secco a causa della disidratazione delle cellule prosciugate. Questi insetti sono in grado di spostarsi rapidamente da una pianta all'altra, causando danni considerevoli in breve tempo.

Il Tripide depone le uova nel tessuto fogliare, e queste schiudono in 8 giorni. Le giovani larve sono di colore biancastro e vivono in gruppo. Allo stadio finale del loro ciclo vitale, si espandono sull'intera foglia. Dopo 14 giorni entrano nello stadio pupale.

foglia cellule morteLe specie più comuni di Tripidi sono i Tripidi a Strisce delle Serre (Parthenothrips dracanae) e i Tripidi del Tabacco (Thrips tabaci).
I Tripidi Californiani sono particolarmente difficili da combattere a causa della loro resistenza a diversi insetticidi.

I Tripidi Californiani si trovano più facilmente nelle serre, ma durante il periodo estivo possono causare problemi anche all'esterno. Tuttavia, non è chiaro se possa sopravvivere all'aperto in un inverno europeo. I Tripidi Californiani, generalmente, sviluppano il loro stadio di pupa sottoterra o in luoghi riparati, ma a volte si possono riscontrare anche sulle foglie e sui fiori. Il ciclo vitale va dalle 2 alle 3 settimane, quando la temperatura si aggira intorno ai 20°-30°C. I Tripidi Californiani sono diffusori di TSWV (Tomato Spotted Wilt Virus), virus che affligge diverse piante, compresi il crisantemo e l'amaryllis.

Caratteristiche dei Tripidi Californiani

  • dimensioni: circa 1.3-1.4 mm;
  • colorazione del Tripide adulto: tra il giallo e l'arancione;
  • i Tripidi adulti si trovano prevalentemente nella sezione principale della pianta;
  • le loro antenne hanno 8 segmenti (visibili con lente d'ingrandimento);
  • i capolini e i germogli del fiore possono subire una deformazione seria della crescita;
  • in presenza di fiori o cime, i Tripidi possono anche impollinare;
  • lo stadio pupale, normalmente, avviene sottoterra;
  • non entra in diapausa (ibernazione in condizioni avverse);
  • possono diffondere infezioni virali.

Combattere i Tripidi

Per iniziare, è molto importante che regoliate il livello di umidità intorno al 75-80%, così che l'infestazione si diffonda meno rapidamente: i Tripidi sopportano malamente un elevato livello di umidità. Ma questo, di per sé, non è sufficiente per sbarazzarsi di questi insetti. Un rimedio semplice può essere il lavaggio della pianta con una soluzione di sapone liquido delicato (20g per litro) e 10cc di alcool denaturato. Se questo non vi darà i risultati sperati, la seguente tecnica potrebbe esservi d'aiuto: se siete alla ricerca di un metodo biologico potete provare con insetti predatori, che potete acquistare in negozi specializzati. Questi si nutrono di parassiti tra cui Tripidi e acari, i più efficaci sono:

- Amblyseius cucumeris: acaro marrone chiaro, molto mobile, che preferisce lavorare ad alti livelli di umidità dell'aria e a temperature intorno ai 25°. Dall'incubazione nell'uovo allo stadio adulto passano circa 8-11 giorni, a seconda della temperatura. Questo acaro predatore vive in media 18-21 giorni. Caccia i Tripidi nella loro fase larvale e li disidrata per suzione. Per questo motivo è consigliabile rilasciare alcuni di questi predatori, come misura preventiva ad eventuali infestazioni, su ogni nuova piantagione - ve lo raccomandiamo.

- Amblyseius degenerans: acaro predatore leggermente più grande del 'fratello'' Cucumeris. Il ciclo vitale è paragonabile a quello del Cucumeris. Il Degenerans è più mobile, meno sensibile alla temperatura e prospera in ambienti meno umidi. Il Degenerans, rispetto al Cucumeris, si trova più comunemente sulle cime, ma caccia i Tripidi come il suo parente. L'elevata mobilità, la bassa sensibilità alla temperatura e al contenuto di umidità nell'aria, la sua abilità a nascondersi nel fiore/cima sono le caratteristiche che rendono il Degenerans più efficace del Cucumeris, specialmente in condizioni di bassa umidità. Lo svantaggio è che il Degenerans è più difficile da reperire, quindi più costoso e non sempre disponibile.

- Orius laevigatus: insetto predatore veloce, di colore marrone scuro, grande 1-3mm e con caratteristici occhi rossi. Il ciclo da uovo ad adulto dura circa 2-3 settimane; l'insetto adulto vive dalle Orius leavigatus3 alle 4 settimane. La velocità di questo ciclo, così come la durata della vita, dipende dalla temperatura. Come i Degenerans e i Cucumeris, l'Orius è capace di cacciare la popolazione di Tripidi, in condizioni accettabili, e spesso li sradica completamente. E` altamente raccomandato l'utilizzo dell'Orius ai primi segnali di Tripidi. Quando l'infestazione di Tripidi è debellata, l'Orius può nutrirsi anche di altri insetti, frequenti nelle stanze di coltivazione, quali ragnetto rosso, afidi e mosca bianca. Cos'altro aggiungere? L'Orius è l'unico nemico naturale che attacca sia le prede in stato larvale che il Tripide adulto. L'Orius disidrata la preda per suzione, è un cacciatore aggressivo e vorace, conosciuto spesso per la sua capacità di cacciare le prede non necessariamente per mangiarle.

- Chrysopa carnea: della famiglia dei Crisopidi (Lacewing), la larva di questo insetto è veramente vorace e succhia fino a completa essicazione - un vero e priprio cacciatore. Le larve sono molto attive Chrysopa carneaper 12-13 giorni e, in questo periodo di tempo, possono fare notevoli passi avanti nella disinfestazione di prede parassitarie (mosca bianca, Tripidi, afidi). Sebbene la Carnea sia meno efficace contro i Tripidi e sia maggiormente utilizzata per controllare le infestazioni di afidi, le larve di questa specie dei Crisopidi sono principalmente utilizzate per la loro straordinaria capacità di affrontare le fluttuazioni di temperatura ed umidità dell'aria. Il rilascio preventivo di questa specie non ha senso, infatti bisogna rilasciarli solo quando i parassiti sono visibili, dal momento che le larve si spostano velocemente, allontanandosi da luoghi privi di prede.

Torna a Guida alla Coltivazione della Cannabis

Torna a Risoluzione dei Problemi

Torna a Insetti Parassiti

Top 10 Autofiorenti