Prodotto aggiunto con successo al carrello.
Acquista

Una Guida Passo-Passo Per Preparare un PF-Tek

Una Guida Passo-passo Per Preparare Un PF-Tek

PF-TEK PER COLTIVARE SPORE DI FUNGHETTI

L’acquisto delle spore per i funghi magici o delle siringhe con spore pre-fatte, è il primo passo per coltivare i funghi magici anche se, ora dovrai trovare un modo per poter coltivare i tuoi funghetti a casa! Il PF-Tek, fu il primo metodo ideato ed il suo processo si può fare comodamente in cucina.

Il metodo PF-Tek, è una forma di coltivazione dei funghi economica e diretta, che utilizza la farina integrale di riso come substrato con l’aggiunta di vermiculite per controllare l’umidità ed areare il substrato, creando lo spazio per la crescita del micelio. Il substrato, viene collocato in giare di vetro che vengono sterilizzate in una pentola a pressione per poi essere iniettate con le spore dei funghi.

Una cosa figa del PF-Tek è che non è necessaria una completa sterilizzazione e potrai usare una normale pentola per raggiungere una forma di pastorizzazione. Comunque, bisogna mettere in chiaro che la sterilizzazione e l’uso di una pentola a pressione è sempre la cosa migliore da fare. Ecco qui il nostro PF-Tek, facile da seguire, per assicurarti i migliori risultati dal tuo acquisto.

Occorrente:

  • Barattoli di vetro
  • Vermiculite
  • Farina integrale di riso
  • Una scodella
  • Un cucchiaio
  • Una pentola a pressione o una pentola normale di dimensioni medio-grandi
  • Una griglia metallica circolare (da posizionare sul fondo della pentola)
  • Una fiamma sterilizzante (un accendino, una lampada ad alcol, una fiamma di butano. Qualcosa con cui è possibile usare entrambe le mani senza dover preoccuparsi della fiamma).
  • Acqua pulita
  • Un setaccio
  • Foglio di alluminio
  • Una siringa spora
  • Un pennarello indelebile
  • Un nebulizzatore per funghi magici

PF-Tek: Occorrente

È possibile acquistare la vermiculite in busta da un qualsiasi negozio di giardinaggio o da uno per animali, qui nelle vesti di materiale per lettiera per gatti.

Le persone organic-friendly potrebbero storcere il naso di fronte alla vermiculite a causa della sua consistenza. Infatti, nella forma in commercio, la vermiculite sembra gomma o qualche altro strano tipo di plastica. Ma non preoccupatevi, è davvero un minerale terrestre! Questo aspetto gommoso è dovuto ai trattamenti termici severi a cui è stata sottoposta al fine di renderla utilizzabile per diverse applicazioni.

La farina di riso è facilmente reperibile nei normali supermercati.

Prima di iniziare con la procedura, tenete presente che ci sono sempre tre imperativi quando si ha a che fare con miceli: pulizia, pulizia e pulizia.

PREPARARE IL SUBSTRATO

Preparare Il Substrato

Occorrente per un barattolo di substrato:

  • 1 barattolo di vetro da 250ml. Preferire barattoli larghi e tozzi in vetro di qualità - 250ml equivalgono ad un bicchiere metrico
  • 150ml di vermiculite
  • 50ml di farina di riso integrale
  • extra vermiculite per riempire il barattolo
  • acqua pulita

Procedimento:

  1. Versare nella scodella la quantità di vermiculite necessaria.
  2. Aggiungere lentamente dell'acqua e mescolare contemporaneamente con il cucchiaio. L'obbiettivo è quello di inzuppare la vermiculite facendo attenzione a non avere acqua in eccesso sul fondo della scodella. Mescolare con vigore.
  3. Una volta che la vermiculite è inumidita in modo omogeneo, inclinare la scodella facendo leva sul bordo. Se c'è dell'acqua residua sul fondo, allora ne è stata versata troppa. In questo caso, trasferire la vermiculite su un setaccio e lasciarla riposare finché l'acqua in eccesso non è evasa completamente. Dopodiché sarà pronta per lo step successivo.
  4. Una volta che la vermiculite è stata inumidita, aggiungere immediatamente l'esatta quantità di farina di riso e mischiare con cura. L'obbiettivo è quello di rivestire ogni superficie della vermiculite con la farina. Ciò garantisce che dovunque una spora si depositi, troverà delle condizioni fertili per la crescita.
  5. Usare il cucchiaio per distribuire il miscuglio nei barattoli, facendo attenzione a non comprimerlo. Il substrato ha bisogno di rimanere soffice ed arioso affinché i miceli crescano nel modo corretto. Riempire ogni barattolo fino a 10mm dall'apertura (grossomodo appena sotto la filettatura).
  6. Evitare di avere residui sul bordo del barattolo. Questi possono favorire la crescita di contaminanti nocivi per la crescita dei funghi. Rimuovere ogni residuo con un panno pulito ed umido. Siate pignoli.
  7. Usare la vermiculite avanzata per riempire i barattoli fino all'orlo. Questo strato asciutto evita contaminazioni aeree durante l'inoculazione e l'incubazione.

Come Preparare Un PF-Tek

PREPARARSI ALLA STERILIZZAZIONE

Piegare un foglio di alluminio a metà. Dimensionarlo affinché copra l'apertura del barattolo fino a ripiegarsi lungo tutta la circonferenza. Mettere il foglio sul barattolo ed accartocciarne i bordi per sigillare l'apertura. L'obbiettivo è realizzare un coperchio aderente. Se si dispone già di coperchi di metallo, utilizzare questi realizzando quattro fori equidistanziati lungo la circonferenza.

Prendere un altro foglio di alluminio ed adagiarlo sul foglio già in uso o sul coperchio di metallo. Farlo aderire lasciandolo allentato abbastanza per rimuoverlo facilmente al momento dell'inoculazione.

STERILIZZAZIONE

Sterilizzazione

Procedura con pentola a pressione:

  1. Versare circa 2,5cm di acqua nella pentola a pressione. Il livello non dev'essere tale che l'acqua in ebollizione raggiunga l'apertura dei barattoli compromettendo l'equilibrio del processo.
  2. Mettere i barattoli all'interno della pentola facendo attenzione a non rovinare il foglio di alluminio.
  3. Chiudere la pentola a pressione.
  4. In quindici minuti, portare lentamente la pressione all'interno della pentola a 15psi (1,03bar). Usando una fiamma troppo forte si corre il rischio di rompere il vetro.
  5. Una volta che la valvola inizia a rilasciare vapore, ridurre la fiamma finché la pentola non rilascia solo leggeri sbuffi di tanto in tanto.
  6. Aspettare 45 minuti, durante i quali avviene la sterilizzazione.
  7. Spegnere la fiamma e lasciare che la pentola si raffreddi lentamente per almeno 5 ore o tutta la notte.

Procedura con pentola normale:

  1. Posizionare la griglia sul fondo della pentola.
  2. Versare 2,5cm di acqua.
  3. Posizionare i barattoli all'interno facendo attenzione a non sgualcire il foglio di alluminio.
  4. Coprire la pentola e portare a bollore su fuoco medio.
  5. Ridurre la fiamma fino ad avere un bollore leggero.
  6. Lasciare sterilizzare per un'ora e mezza.
  7. Non avendo l'isolamento di una pentola a pressione, in questo caso il livello dell'acqua diminuirà nel tempo. Controllare ogni venti minuti e ripristinare il livello se necessario. Usare solo acqua già in temperatura per evitare shock termici che romperebbero il vetro.
  8. Spegnere la fiamma e lasciar raffreddare per cinque ore durante la notte.

INOCULAZIONE

Inoculazione

  1. Lavarsi per bene le mani e pulire l'area di lavoro.
  2. Una volta che la pentola si è raffreddata, rimuovere i barattoli e posizionarli sulla superficie appena pulita. Avere pronti la siringa con le spore e la fiamma sterilizzante.
  3. Sbattere la siringa per disfare i grumi di spore. Se non lo spazio nel cilindro della siringa non è sufficiente, mettere la punta dell'ago nella fiamma ed aspirare un po' di aria calda nel cilindro. Rimettere il tappo originale e scuotere per bene per distribuire le spore. 
    Nota bene: Le spore contenute nel liquido non sono sempre visibili ad occhio nudo, poiché ogni singola spora ha una dimensione microscopica. Nelle nostre Siringhe di Spore è garantito un contenuto di spore pronte all'uso sufficiente a inoculare fino a 10 barattoli di substrato da 250ml.
  4. Allentare il foglio di alluminio esterno in modo che possa essere rimosso velocemente al momento dell'inoculazione.
  5. Rimuovere il tappo della siringa e riscaldare l'ago nella fiamma finché non diventa arancione acceso. Lasciare che si raffreddi.
  6. Rimuovere il foglio di alluminio esterno da ogni barattolo solo quando si è pronti ad inocularlo.
  7. A questo punto, penetrare con la siringa il coperchio a doppio strato in prossimità del bordo dell'apertura, oppure, nel caso di coperchio di metallo, inserire la siringa in uno dei fori fatti precedentemente. Bisogna oltrepassare lo strato asciutto di vermiculite. Puntare la siringa verso la parete vetrosa del barattolo ed iniettare 0,25ml di sospensione di spore. Si dovrebbe vedere l'emulsione formare una goccia che poi scivola giù sul vetro. Ripetere quest'operazione in quattro punti equidistanti lungo il bordo del barattolo (nord, sud, est ed ovest). Sono necessari 1,0-1,5ml di sospensione a barattolo; di conseguenza, con una siringa da 10ml si riesce ad inoculare 6-10 barattoli.
  8. Riposizionare il foglio di alluminio esterno.
  9. Sterilizzare nuovamente l'ago per evitare contaminazioni incrociate.
  10. Ripetere per tutti i barattoli preparati in precedenza.
  11. Far aderire bene i fogli esterni, così da non farli muovere quando i barattoli vengono maneggiati.
  12. Con un pennarello indelebile, appuntare sull'alluminio la specie inoculata e la data.

Alla fine, lavarsi le mani e sterilizzare nuovamente l'ago.

INCUBAZIONE

Incubazione

Conservare i barattoli in un posto buio e mantenerli ad una temperatura di 21-27°C. Idealmente, dovrebbero essere mantenuti costantemente a 27°C. Temperature più basse comportano un'incubazione ed una crescita più lente. Mantenete il tutto al caldo.

Quando queste temperature ideali vengono mantenute, i primi segni di vita dovrebbero notarsi in 3-5 giorni: spunteranno dei punti bianco chiaro sulla vermiculite. Attenzione: questi punti devono essere tutti e solamente bianchi, se invece compaiono punti rosa, neri o verdi, di sicuro c'è un'infezione di qualche tipo e il l'intero barattolo va scartato.

Non rimuovere neanche i fogli di alluminio, mettere il tutto in una busta di plastica e disfarsene immediatamente. Non cercare di salvare il barattolo. Si rischia di disperdere spore potenzialmente dannose. Rivedere il livello di pulizia e le procedure di sterilizzazione.

In condizioni ideali, ci vogliono 14-28 giorni affinché il micelio colonizzi l'intero barattolo. Il periodo esatto dipende dalla specie e dalla temperatura.

PINNING

Pinning

Una volta che il barattolo è colonizzato, è ora di iniziare il pinning. Mantenere i barattoli a temperatura ambiente, circa 21°C. Esporre i barattoli ad un ciclo regolare d'illuminazione, 4-12 ore al giorno andranno bene. Si possono usare luci tenui, bianche e fluorescenti oppure la luce solare indiretta, ossia quella che investe la maggior parte delle camere.

A seconda delle specie, i "pin" dovrebbero spuntare nell'arco di 5-10 giorni, ma non c'è da sorprendersi se ce ne vorranno 30. I pin sono punti di agglomerazione nel micelio da cui poi si formeranno i funghi - come un ganglio in una rete neurale. Durante i giorni successivi, è possibile seguire chiaramente lo sviluppo dei cappelli marroni dei funghetti.

Una volta che questi sono spuntati, è il momento di dare vita alla tortine così che la fruttificazione possa continuare nel modo corretto.

Per alcune specie il pinning può non essere così facile. In questi casi, mettere il barattolo in una busta di plastica e lasciarlo in frigo per tutta la notte. Lo shock termico di solito è sufficiente ad innescare il pinning. Procedere con la fruttificazione il giorno successivo, anche se non ci sono ancora pin visibili.

FRUTTIFICAZIONE

Fruttificazione

La fruttificazione delle tortine di micelio può essere fatta in qualsiasi contenitore il cui lato superiore è trasparente. Alcune opzioni sono: un secchio con sopra una busta di plastica, un terrario, una scatola di polistirolo con sopra una lastra di vetro od anche un contenitore traslucido comprato apposta. L'importante è che sia facile accedervi ed arrivi un po' di luce all'interno.

  1. Formare uno strato di 1,5cm di perlite o pellet di argilla espansa sul fondo della camera di fruttificazione. Anche uno strato di tovaglioli di carta interfogliati può andar bene.
  2. Inumidire lo strato con un atomizzatore di acqua pulita.
  3. Rimuovere i coperchi di alluminio dai barattoli.
  4. Posizionare le tortine di micelio sullo strato inumidito lasciandole scivolare dal barattolo capovolto.
  5. Se le tortine sono incastrate, rimettere il foglio di alluminio. Mantenendo il barattolo ribaltato con il palmo di una mano, battere il dorso di questa contro l'altra mano. In questo modo la tortina dovrebbe liberarsi. Se non funziona, battere più forte finché non si stacca. L'obbiettivo è non danneggiare alcun proto fungo.
  6. Se si mettono più tortine nella stessa camera di fruttificazione, distanziarle di almeno 2,5cm. I funghi hanno bisogno di spazio per svilupparsi!
  7. Una volta esauriti i compiti "ostetrici", coprire la camera.
  8. Una volta al giorno, rimuovere il coperchio e ricambiare l'aria sventolando con un cartoncino pulito o qualcosa di simile.
  9. Controllare regolarmente lo strato inferiore. Questo deve rimanere umido perché costituisce la riserva d'acqua dei funghi. Se comincia a seccarsi, inumidirlo con l'atomizzatore. Cercare di non bagnare le tortine o i funghetti appena spuntati.
  10. Nei successivi 7-14 giorni avviene la magia. Appariranno i baby funghi e cresceranno costantemente per 2-5 giorni. Quando i cappelli cominciano ad aprirsi, significa che è tempo della raccolta.

RACCOLTA

Raccogliere i funghi grandi e maturi torcendoli dalla tortina, sempre avendo le mani pulite. Ci saranno alcuni funghi più piccoli, meno sviluppati e con i cappelli nerastri. Questi sono chiamati aborti e vanno raccolti ed usati comunque. Se sono marci, invece, rimuoverli e buttarli via.

VOLATE ("FLUSH")

Quella che avete appena raccolto è la vostra prima volata (o "flush", dall'inglese) di funghetti magici coltivati in casa. La prima è la volata più consistente della tortina, ma ce ne sono altre in arrivo. La tortina dovrebbe generare 4 volate decenti, forse anche di più.

Mantenere lo strato di base umido e ripetere lo step di fruttificazione. Nel giro di una settimana, spunteranno e matureranno altri pin e baby funghi. Ripetere finché le tortine sono esauste.

È possibile "riciclare" le tortine usate per eventuali volate outdoor: basta impiantarle in una zona del giardino preparata precedentemente.

IMMERSIONE

Immersione

Se tutto è andato liscio, si può provare anche l'immersione. Questo accorgimento può migliorare notevolmente il rendimento delle volate successive alla prima. Consiste nell'immergere la tortina in acqua per 12-24 ore. Può sembrare controintuitivo, ma funziona.

  1. Con mani estremamente pulite, prelevare dalla camera di fruttificazione una tortina che ha già dato una volata.
  2. Metterla in un contenitore chiudibile grande abbastanza da coprire la tortina con l'acqua.
  3. Riempire il contenitore con acqua fresca - di rubinetto, se non è clorata, altrimenti usare acqua di sorgente. Chiudere il contenitore.
  4. Mettere il contenitore con la tortina nel frigo per almeno 12 ore. Attenzione a non dimenticarsene! La tortina può resistere anche 24 ore, ma già 48 ore sono fatali per il micelio!
  5. Dopo l'immersione, drenare con cura e tamponare con tovaglioli di carta puliti.
  6. Rimettere la tortina nella camera di fruttificazione.
  7. Procedere con la normale fase di fruttificazione.
  8. Ripetere per ogni volata.

Coltivare funghetti a casa è un'abilità che ogni psiconauta dovrebbe padroneggiare. Se saprete curare la pulizia, non farete le cose di fretta ed avrete un po' di pazienza (resistete alla tentazione di andare sempre a sbirciare nei barattoli!), potrete avere i migliori funghetti al mondo.
Quando volete. Senza limiti.

Prodotti Correlati