Prodotto aggiunto con successo al carrello.
Acquista

Pianta D'Accompagnamento Per Una Cannabis Migliore: Menta

Menta e cannabis

Con l'aumento della coltivazione casalinga un po' ovunque, in particolare dopo che il possesso e la piantumazione in sé stanno diventando legali, i produttori sono sempre alla ricerca di metodi per migliorare i risultati dei loro raccolti, in particolare quelli naturali piuttosto che le opzione chimiche. Una di queste idee è piantare una pianta d'accompagnamento.

COS'È UNA PIANTA DI ACCOMPAGNAMENTO?

L'idea alla base della pianta d'accompagnamento è quella di migliorare l'ambiente di crescita generale, così come le condizioni, coltivando diversi tipi di piante compatibili vicine le une alle altre. Le piante possiedono meccanismi di "protezione" individuali, che consentono loro di sopravvivere fino a maturazione e garantire la sopravvivenza della specie. Ciò include l'emissione di odori e resine per proteggersi da insetti o per invitare i predatori benefici. Le radici delle piante possono anche migliorare il terreno circostante attraverso l'aerazione e la promozione dei nutrienti. Alcune piante possono anche fornire un supporto strutturale per altri tipi di vegetazione che crescono nelle vicinanze.

Il THC stesso, l'ingrediente psicoattivo della cannabis, è un repellente naturale che scoraggia centinaia di parassiti. Detto questo, la pianta è comunque vulnerabile a molti di essi. Piantare una pianta d'accompagnamento aiuta a proteggere le piante di cannabis.

Le piante d'accompagnamento non sono un'opzione limitata ai coltivatori all'esterno.

CANNABIS E MENTA

Piantare menta piperita dentro ed intorno al vostro raccolto di cannabis è il modo migliore per combattere gli afidi - piccoli pidocchi o insetti che si nutrono succhiando linfa dalle piante. Gli afidi si riproducono rapidamente, a volte anche senza accoppiamento. Se presenti in gran numero possono causare gravi danni alle piante, tra cui la marijuana.

La menta respinge gli afidi perché contiene mentolo. La menta tiene lontani anche topi, scarafaggi e formiche.

È anche un buon modo per (tentare di) mascherare l'odore della cannabis in crescita - anche se non riuscirete completamente a fare ciò, a meno che non vi sia più menta che cannabis.

Detto questo, la menta tende ad essere una pianta altamente invasiva. Piantatela in vasi in prossimità della cannabis, piuttosto che direttamente nello stesso appezzamento di terreno o nello stesso vaso di crescita.

CARATTERISTICHE DELLA MENTA

Il nome della pianta ha origini mitologiche. La dea Proserpina era diventata gelosa della figlia di Cocito, Menta, e la trasformò in pianta - da qui deriva anche la definizione "verde d'invidia". Il nome della pianta significa verde.

Si tratta di una robusta pianta perenne, nativa di paesi del Mediterraneo, e può crescere fino a 60cm di altezza. Le sue foglie sono arricciate con i bordi dentati, e le piante hanno steli brevi e a forma di lancia.

I fiori della menta sono maschi il primo giorno della fioritura e femmine il secondo giorno. Si pensa che questo sia il modo in cui la menta sopravvive e trasmette il polline tramite gli insetti. I colori dei fiori spaziano dal blu al rosso. Molti membri del genere Salvia hanno tricomi o peli (proprio come la pianta di cannabis) che crescono sulle foglie, sugli steli e sui fiori della pianta.

La Salvia è il genere di piante più grande nella famiglia della menta. Questo genere comprende quasi 1.000 specie di arbusti, ed erbacee perenni e annuali.

COME COLTIVARE LA MENTA

La menta richiede un ambiente umido, un terriccio ricco e ombra parziale. Questo significa che quando cresce accanto a piante di marijuana, è necessario tenere le piante di menta più corte della cannabis circostante e inserirle dopo che la cannabis ha raggiunto un'altezza sufficiente in modo che la menta non oscuri, letteralmente, la cannabis stessa, che richiede una grande quantità di luce. Le piante dovrebbero essere lontane tra loro 10-20cm.

La pianta riesce a crescere facilmente da sola. Questa è la ragione per cui, soprattutto quando si utilizza come pianta d'accompagnamento, va tenuta in vasi separati - altrimenti potrebbe competere con la pianta di cannabis per lo spazio delle radici e i nutrienti del suolo.

Fate attenzione a non utilizzare un vaso rotto, perché le radici della pianta si faranno strada fuori dal vaso e continueranno a diffondersi.

È molto facile coltivare la menta anche da talee.

IMPOLLINAZIONE INCROCIATA

Accompagnare la cannabis con la menta non causerà una impollinazione incrociata tra le due piante. Detto questo, la menta di per sé è nota per essere in grado di compiere una impollinazione incrociata attraverso altre specie di menta, così come altri tipi di piante strettamente correlate.

BENEFICI AGGIUNTIVI

Vi sono numerose altre ragioni per scegliere la menta come pianta d'accompagnamento per la vostra cannabis. Se coltivate all'esterno, la menta attirerà le api e altri impollinatori, il che non è necessariamente una buona cosa per la vostra cannabis, che può soffrire di contaminazione incrociata da vicine coltivazioni di cannabis e canapa. Infatti, in alcune zone degli Stati Uniti, dato che la coltivazione di canapa e marijuana è diventata legale e le coltivazioni sono in prossimità l'una dell'altra, gli agricoltori di canapa e cannabis hanno cercato di evitare che le rispettive piante vengano coltivate troppo vicine.

A parte questo, tuttavia, la menta è anche un'erba gustosa che può essere utilizzata da sola per fare il tè e come gustoso complemento per piatti di cibo, o distillata in oli che possono essere utilizzati per l'aromaterapia.



Relativi prodotti