Product successfully added to your shopping cart.
Check out

Top 10: Le migliori erbe naturali per Energia &Vitalità

Le erbe naturali possono essere un modo eccellente per integrare uno stile di vita salutare e mantenersi naturalmente energici. A causa dei ritmi di vita frenetici dettati dalla società moderna, è facile sentire il bisogno di ricorrere a caffè e bevande energetiche per riuscire ad affrontare l'intera giornata. Il problema è che la caffeina, ad esempio, offre solo una carica di energia tanto rapida quanto fugace, lasciando, inevitabilmente dopo il suo passaggio, una sensazione di spossatezza e svuotamento.

Esistono diverse erbe naturali che possono aiutare ad aumentare e rivitalizzare le riserve naturali di energia del proprio corpo, senza dover ricorrere alla caffeina. Pur non avendo effetti immediati ed improvvisi, le erbe possono offrire un senso equilibrato di benessere. Inoltre, non causano effetti collaterali analoghi a quelli provocati dalla caffeina.

Tonici, adattogeni e stimolanti

Esistono tre gruppi principali di erbe che possono servire a questi scopi: tonici, adattogeni e stimolanti. Pur agendo tutti, in definitiva, ridando energia al corpo e alla mente, differiscono leggermente per modalità di azione.

La parola "tonico" è oggi conosciuta soprattutto in riferimento all'acqua tonica, ovvero acqua e chinino, un alcaloide di derivazione vegetale in grado di ridurre la febbre e con proprietà antimalariche, antidolorifiche e antinfiammatorie. L'acqua tonica è, normalmente, usata per preparare cocktail, ma ha, in realtà, ben poco in comune con il tradizionale tonico vegetale. Una pianta o un'erba vengono, generalmente, considerati tonici quando sono in grado di aumentare l'energia attraverso uno stimolo metabolico, ripristinando e mantenendo l'equilibrio dell'omeostasi ed aumentando complessivamente l'energia e la resistenza. Per essere qualificata come tonico, un'erba non deve essere tossica, neanche in caso di uso prolungato, non deve avere controindicazioni e deve contribuire a mantenere una longevità generale dell'organismo. Nella medicina tradizionale cinese, i tonici ricoprono un ruolo di grande importanza, e oltre 50 erbe vengono impiegate a questo scopo. Uno dei tonici migliori conosciuti è la radice di Ginseng, considerata uno dei tonici più sicuri ed efficaci.

Il termine "adattogeno" è piuttosto recente e le erbe che rientrano in questa categoria sono strettamente collegate ai tonici, se non addirittura le stesse. Sebbene si tratti di un termine coniato, in origine, dai ricercatori russi per descrivere gli effetti dell'Eleutherococcus senticosus, il termine è stato rapidamente adottato per definire una gamma più ampia di erbe. La medicina cinese non riconosce questo termine e si può concludere che a spingere il suo utilizzo sia stata la necessità di definire, in primo luogo, alcune proprietà dei tonici sconosciute. Si può dire che il termine adattogeno si riferisca alla loro capacità di adattarsi alle caratteristiche dell'organismo, ed ecco spiegata l'origine comune della parola. La capacità di adattarsi si riferisce all'azione bidirezionale di un'erba, ovvero alla sua capacità di aumentare o diminuire una certa gamma di funzioni fisiche per ripristinare l'omeostasi e migliorare il benessere. Tuttavia, questa stessa proprietà è tipica anche di qualsiasi genere di tonico autentico. Farmacologicamente, i tonici e gli adattogeni sono praticamente la stessa cosa, la differenza risiede nella terminologia e nella prospettiva d'applicazione. Di conseguenza, da qui in avanti useremo esclusivamente il termine "tonico".

Gli stimolanti, invece, appartengono chiaramente ad una classe differente rispetto ai tonici. Gli stimolanti, al contrario dei tonici, non sono creati e mantenuti in un rapporto omeostatico bilanciato. Sono, invece, innescati da una ben definita e determinata reazione, che avviene in relazione alla condizione dell'organismo. In altre parole, gli stimolanti non sono adatti ad ogni circostanza e condizione fisica, ma sono determinati per eseguire una specifica funzione. In termini farmacologici, gli stimolanti sono unidirezionali, il che vuol dire che operano in una sola direzione, che potrebbe anche portare ad un'eccessiva stimolazione, esaurimento e squilibrio. Tuttavia, se usati correttamente e con attenzione, possono sviluppare energia a seconda delle esigenze. Fra gli stimolanti più conosciuti troviamo la cocaina, la caffeina, l'efedrina e le anfetamine.

Le erbe che andremo a citare appartengono alla nostra personale classifica dei 10 integratori naturali che possono migliorare, mantenere e rivitalizzare l'organismo.

10) Maca

Maca

La Maca è un tonico ed un energizzante naturale che si può trovare sulle elevate cime della catena rocciosa delle Ande. Viene usata dalle popolazioni locali peruviane come afrodisiaco, "super-food" e alimento principale della loro dieta. In definitiva, la Maca è una pianta davvero molto importante per le popolazioni del Perù, sia economicamente che culturalmente. L'uso della Maca risale all'Impero Inca, quando veniva dato ai guerrieri più valorosi per contribuire a rafforzarne le capacità di combattimento.

Quest'erba sicura e nutriente è oggi diventata molto popolare come integratore alimentare ed alternativa alla caffeina, nella dieta della società occidentale. Si tratta di un perfetto energetico naturale e rinvigorente. Stimola in modo naturale i livelli di energia, aumenta la resistenza e la durata, bilancia gli ormoni, stimola il testosterone, aiuta ad alleviare i disturbi mestruali, agisce come un afrodisiaco e, infine, si ritiene che sia in grado di aiutare a contrastare i sintomi della depressione, dello stress e dell'ansia. I suoi effetti ben definiti vanno a braccetto con una buona dose di vitamine, minerali e altri acidi salutari, per un "super-food" a tutto tondo.

Acquista Maca

9) Yerba Mate & Guayusa

Yerba Mate

In caso desideriate mantenere le vostre abitudini legate alla caffeina, la Yerba Mate e la Guayusa potrebbero rappresentare l'alternativa giusta alla colazione mattutina con caffè o tè. Entrambe discendono dalla stessa famiglia di agrifoglio della caffeina, presente nelle foreste pluviali del Sud America e spesso infuso come un tè.

Acquista Yerba Mate

La Yerba Mate e la Guayusa sono entrambe, in primo luogo, integratori, sebbene la presenza di molti altri componenti, in aggiunta alle proprietà della caffeina, le faccia rientrare nella categoria generale dei tonici energetici. Hanno un leggero sapore dolciastro con un forte retrogusto terroso. Pur contenendo caffeina, sia la Yerba Mate che la Guayusa contengono alcaloidi aggiuntivi e componenti in grado di rinvigorire e stimolare i livelli naturali di energia. Questi componenti aiutano a ripulire l'organismo, a stimolare l'attività cardiaca, a migliorare la digestione e a mantenere sano l'intestino. Agiscono, inoltre, come antiossidanti e proteggono il corpo dall'attacco dei radicali liberi. La Yerba Mate e la Guayusa, per finire, contengono una minima quantità di tannini rispetto al normale tè o al caffè, ovvero sono meno acidi e possono contribuire al mantenimento del naturale pH dell'organismo.

Acquista Guayusa

8) Efedra

Ephedra

Avvertenza: A causa della natura sconosciuta dell'Efedra, e dei potenziali rischi correlati al suo consumo, essa è illegale in diversi Paesi, inclusa l'Olanda. Assicuratevi di essere in una condizione di legalità all'interno del vostro Paese e informatevi in merito ai rischi ad essa associabili.

L'Efedra, anche conosciuta coma Ma Huang e Tè dei Mormoni, è un classico stimolante che è stato impiegato dalla medicina tradizionale cinese per oltre 5000 anni. Tuttavia, i Cinesi usavano quest'erba non solo come stimolante, ma, se assunta a dosi molto piccole, veniva prescritta per il trattamento di un certo numero di disturbi, come problemi urinari e respiratori, ma anche come broncodilatatore. Nella tradizionale medicina erboristica cinese, la tossicità dell'Efedra sul lungo termine è stata riconosciuta molto presto, ed è il motivo per cui viene usata solo in piccole quantità e per brevi periodi di tempo.

La ricerca sui suoi effetti ha dimostrato come sia in grado di aumentare il metabolismo, stimolare il cervello, accelerare la frequenza cardiaca, intensificare la sudorazione e rilassare il sistema respiratorio rendendo più facile la respirazione. Tutte queste proprietà possono aiutare ad accelerare un sistema lento o a stimolare un corpo in salute. Per questo motivo, viene spesso utilizzata per migliore la forma degli atleti, sebbene rientri fra le sostanze vietate per diverse categorie di atleti professionisti, dal momento che le organizzazioni sportive la considerano un farmaco per migliorare le prestazioni.

La controversia intorno all'Efedra è una fra le più dibattute. Esistono diverse prove scientifiche a sostegno della sua sicurezza e non pericolosità. Tuttora si tratta di una sostanza bandita in diverse Nazioni a livello mondiale e viene messa in correlazione ad attacchi cardiaci, infarto e morte. L'assenza di ulteriori ricerche in materia rendono difficile definire esattamente il suo livello di sicurezza.

Acquista Guarana

7) Eleuterococco

Eleuthero

L'Eleutherococcus senticosus, anche conosciuto come Radice di Ginseng siberiano o Eleuterococco, è una pianta naturale, reperibile nelle lande siberiane, nella Colombia britannica e in alcune zone degli Stati Uniti. Veniva usata, tradizionalmente, come rimedio naturale tanto in Russia quanto in Cina, per sostenere il sistema immunitario, aumentare naturalmente l'energia e combattere lo stress, allontanando la fatica.

Secondo la ricerca, l'Eleuterococco è in grado di ridurre significativamente la fatica negli animali e gli scienziati credono che possa agire nello stesso modo anche sull'essere umano, avvalorando la tesi riportata da testimonianze e documenti storici.

L'Eleuterococco è il tonico più famoso della Russia, impiegato per aiutare il corpo a sostenere lo stress. Per questa ragione, l'Eleuterococco viene spesso utilizzato come rimedio naturale dai pazienti ricoverati per malattie, per aiutare il corpo a riprendersi a livello generale.

È emerso come il 25% degli integratori a base di Radice di Ginseng Siberiana attualmente in circolazione contengano non solo Ginseng siberiano, per cui fate attenzione a ciò che acquistate. È importante tenere in considerazione, inoltre, che sono stati riportati alcuni possibili effetti collaterali legati al suo consumo, quali un'aumento della pressione sanguigna, disturbi del sonno e peggioramento del cancro in pazienti già malati.

6) Suma

Suma

La Suma è una pianta tonica che è stata usata dai nativi del Sud America, per generazioni, per mantenere resistenza e sopportazione durante la caccia. Fu introdotta sul mercato statunitense come Ginseng brasiliano, sebbene non sia correlata in alcun modo al Ginseng.

La Suma è un integratore molto ben definito, in grado di stimolare il sistema immunitario, migliorare le prestazioni, aumentare naturalmente l'energia, ridurre le infiammazioni e, inoltre, aiuta nella lotta a diversi disturbi tra i quali è possibile includere anche il cancro. Secondo il Dr. Oz, il famoso medico ospite della sua stessa trasmissione televisiva, questa radice rilascia sostanze chimiche nel flusso sanguigno in grado di arrestare le cellule cancerose. Va notato che non è da considerarsi come una cura e andrebbe consultato un medico prima di affrontarla.

Sono queste sue qualità precise e ad ampio raggio ad aver fruttato alla Suma fama di prodotto energetico, in grado di rivitalizzare e migliorare il benessere allo stesso tempo.

5) Brahmi

Brahmi

La Brahmi è una delle erbe più utilizzate nella medicina ayurvedica ed è rinomata per i suoi effetti mentalmente stimolanti. La si può trovare nelle terre umide dell'India meridionale e dell'Australia. La Brahmi sta, oggi, acquistando fama internazionale come tonico neurologico e come valida alternativa agli energetici di uso più comune. È considerata anche un nootropo naturale.

C'è chi sostiene che la Bruma sia in grado di migliorare la conoscenza ed aumentare la memoria ed è per questo motivo che viene spesso usata dagli anziani come aiuto a mantenere la mente attiva. In aggiunta a ciò, la Brahmi è effettivamente un adattogeno, che può andare incontro alle persone nella lotta a stress, ansia e sintomi della depressione. Oltre a questi due effetti, provoca anche un sentimento di vitalità attiva.

Bisogna sottolineare che, a causa della sua composizione chimica, la Brahmi non va consumata a stomaco vuoto, dal momento che potrebbe causare nausea, crampi, gonfiori e diarrea.

4) Ashwagandha

Ashwagandha

L'Ashwagandha, a volte chiamato "Ginseng indiano", è una tradizionale erba guaritrice usata nella medicina ayurvedica dell'India subcontinentale. La traduzione di Ashwagandha significa "odore di cavallo", a causa dell'odore della radice fresca, molto simile a quello dell'urina di cavallo. La si può trovare crescere nelle regioni secche dell'India, del Nord Africa e del Medio Oriente, ma cresce anche in climi più miti, come in alcune zone degli USA.

L'Ashwagandha è un tonico e viene impiegato per rafforzare il sistema immunitario dopo una malattia, per rinvigorire ed aiutare il consumatore a riprendersi da stress e ansia, spesso associabili alla depressione. Grazie a questi effetti benefici si sta diffondendo a livello mondiale e la sua popolarità è in costante crescita.

Con l'aumento di popolarità, gli scienziati sono sempre più interessati ad indagare i suoi effetti: oggi sono disponibili diversi studi e ricerche su questa pianta e, al momento, sono stati individuati 216 benefici medici legati all'uso dell'Ashwagandha. Tra questi citiamo: riduzione del colesterolo, rafforzamento del sistema immunitario, miglioramento dello stress, riduzione di ansia e depressione, stabilizzazione del livello degli zuccheri nel sangue, rallentamento della degenerazione delle cellule cerebrali, aumento della capacità di apprendimento e miglioramento della memoria e dei tempi di reazione. Sono queste caratteristiche a rendere l'Ashwagandha un integratore ben definito, in grado di aiutare a mantenere il vigore naturale.

3) Reishi

Reishi

Il Reishi, anche conosciuto come "fungo dell'immortalità" e "medicina dei re", fa parte della tradizionale medicina cinese antica ed agisce come un tonico, per migliorare diversi aspetti dell'organismo, nel suo insieme.

La ricerca su questo fungo ha dimostrato come le sostanze chimiche presenti nel Reishi siano in grado di dare una spinta al sistema immunitario, grazie all'aumento della quantità di linfociti T macrofagi presenti nel sangue. Contiene anche una miscela di steroli, acidi ganoderici, mannitolo, cumarina e polisaccaridi che lavorano per migliorare la sensazione di energia naturale.

Non solo questi effetti aiutano a sprigionare vitalità in maniera naturale ma, inoltre, hanno un'ampia gamma di applicazioni mediche, inclusa quella di aiutare nel trattamento dei disturbi legati al sistema immunitario, alle bronchiti croniche, ai dolori muscolari, alla Sindrome dell'intestino gocciolante (Leaky-gut Syndrome), così come nel caso di molti altri problemi infiammatori.

2) Rhodiola rosea

Rhodiola Rosea

La Rhodiola rosea, anche conosciuta come "Radice dorata", è stata a lungo utilizzata nelle regioni scandinave per le sue proprietà toniche ed energetiche. Veniva usata dai Vichinghi per aumentare forza e resistenza ed era sfruttata dagli imperatori cinesi durante la preparazione degli intrugli alchemici. Si tratta di una pianta resistente, che può crescere in zone fredde ed ostili e si pensava che questa sua capacità si potesse trasferire al consumatore.

Oggi è ampiamente sfruttata, proprio grazie a queste sue proprietà. In Russia viene impiegata per combattere la fatica, aumentare la capacità di attenzione e migliorare la memoria. In Cina è un integratore di uso quotidiano, usato per aiutare gli atleti professionisti durante gli allenamenti e per aumentarne la resistenza. La sua capacità di migliorare l'umore e le prestazioni fisiche ne fa un rimedio naturale perfetto per chi è alla ricerca di uno stimolante e di un rinvigorente in grado di aumentare le proprie riserve energetiche in maniera naturale.

Acquista Rhodiola rosea

1) Ginseng

Ginseng

Il Ginseng è stato impiegato nella tradizionale medicina erboristica per secoli, sia in Asia che negli Stati Uniti. Si tratta, probabilmente, dell'integratore vegetale più conosciuto al mondo. La sua notorietà deriva, principalmente, dall'uso che ne veniva fatto nell'antica medicina cinese, laddove il Ginseng panax, il ceppo originario, è stato usato generalmente come tonico salutare, per centinaia di anni. Grazie a questa sua incredibile popolarità, il Ginseng selvatico è fra le piante più raccolte. Il prezzo del Ginseng ha raggiunto cifre astronomiche, con influenti uomini d'affari asiatici disposti a pagare anche 200.000 dollari per avere un raccolto del vecchio Ginseng selvatico.

Il Ginseng è un tonico e viene impiegato per migliorare il fisico nel suo complesso, energizzare, aumentare la resistenza allo stress e sostenere il sistema immunitario. Per questo motivo, il Ginseng è, normalmente, usato da coloro che si sentono spesso deboli, spossati e/o stressati; ma viene sfruttato, anche, come un integratore di ottima qualità per migliorare e sostenere uno stile di vita sano.

Sono in molti a ritenere che esistano delle differenze medicinali fra il Ginseng selvatico e le varietà coltivate. Inoltre, esiste una differenza fra quello che cresce in America (conosciuto come Panax quinquefolius) ed il Ginseng asiatico, considerato di qualità migliore.

Grazie a questa sua popolarità, sono state portate avanti diverse ricerche sul Ginseng. È stato dimostrato come questa pianta sia in grado di fornire energia e combattere la fatica, migliorare le funzioni cognitive, ridurre le infiammazioni ed aiutare nella prevenzione del cancro. Sebbene l'uso del Ginseng sia considerato sicuro, in rare occasioni potrebbero manifestarsi reazioni collaterali avverse. Tra queste possiamo riportare: mal di testa, nausea, aumento della frequenza cardiaca, difficoltà a dormire e irrequietezza.

Acquista Ginseng

 

Zamnesia

Erbe & Semi