Product successfully added to your shopping cart.
Check out

Chimica del Kratom

Kratom

"La storia naturale dell'uso del kratom, incluso quello clinico farmacologico e tossicologico, non sono completamente compresi", fa notare uno dei pochi esperti di questa pianta, il Dr. Edward Boyer, nella rivista Addiction. Sono stati scritti solo una manciata di articoli scientifici in Inglese sul kratom, i suoi effetti, e la secolare storia del suo consumo.

Sappiamo che sono stati isolati dal kratom più di 25 differenti alcaloidi e fino a poco tempo fa la mitraginina è stata considerata il principale responsabile per gli effetti del kratom, essendo l'alcaloide più abbondante nella pianta. Quindi nel 2002, la 7-hydroxymitragynine è stata individuata da un gruppo di ricercatori giapponesi come la sostanza più significativa. Nonostante la sua presenza in quantità molto più ridotte, questo alcaloide minore del kratom, si è rivelato essere ancora più potente della morfina.

I ricercatori giapponesi hanno richiesto un brevetto su tutti i possibili usi medici della mitraginina con la speranza di sviluppare dei derivati del kratom come medicinali.

Ricerche successive hanno determinato che entrambi gli alcaloidi agiscono come antagonisti dei recettori degli oppiacei, attivando i recettori sovraspinali mu- e delta- degli oppiacei. Da qui, e dato l'effetto simile alla morfina, deriva l'uso di kratom da parte di utilizzatori cronici di narcotici per diminuire i sintomi dell'astinenza.

Un medico tossicologo all'ospedale didattico della Harvard Medical School, il Dr. Boyer si interessò al kratom dopo averne letto dei suoi effetti su un sito di mutuo soccorso per alcuni dei 40 milioni di americani che soffrivano di dolore cronico e lo usavano per alleviarlo.

Questi compravano le loro medicine online sin dal 2006, quando il governo decise di chiudere le farmacie online. Tutti queste persone che si automedicavano furono lasciate "a secco" senza preavviso ed erano alla ricerca di un modo per gestire la loro crisi di astinenza da oppiacei, quando scoprirono per caso il kratom.

L'offerta presto iniziò ad aumentare per venire incontro alla richiesta, e la sua disponibilità aumentà fino a diffondere anche gli effetti ricreativi, facendo partire l'inevitabile giostra dei media e la demonizzazione conseguente. Ma la crescente attenzione del pubblico, anche se poco informato, ha portato il kratom all'attenzione di ricercatori seri.

Chimica del Kratom

Sebbene la struttura alcaloide del Kratom assomigli lontanamente a quella di altre droghe psichedeliche come la psilocibina o l'LSD, nessuna attività psichedelica è stata fino ad ora riportata dopo l'ingestione di Kratom. Piuttosto, il Kratom provoca effetti che vanno dall'aumento della capacità di concentrazione e delle attività ad una profonda sonnolenza e ad un prolungato sonno. Ma esiste un ampio numero di effetti collaterali piacevoli praticamente sconosciuti... e molte sostanze chimiche coinvolte oltre a quelle attive studiate fino ad ora, come la 7-Hydromitraginina e la Mitraginina. Nel corso delle nostre richerche sugli ingredienti del Kratom, abbiamo incontrato tutte queste sostanze chimiche: Ajmalicin, 7-acetoxymitragynine, Corynantheidin, Corynoxein, Corinoxin, 3-Dehydromitragynin, (-)-Epicatechin, 3-Isocorynantheidin, 3-Isopaynanthein, Isomitraphyllin, Isospeciofolin, Isospecionoxein, Mitraciliatin, Mitrafolin, Mitragynalin , Mitraphylin, Mitraspecin, Mitraversin, Paynanthein, Speciociliatin, Speciofolin, Speciogynin, Specionoxein, Speciogynin, Speciofolin, Stipulatin ma, nel nostro excursus, ci limiteremo solo alle sostanze attive più interessanti, come 7-Hydroxymitraginina, Mitraginina e (-)-Epicatechina. Il Kratom contiene, in definitiva, oltre 40 sostanze chimiche, ma per semplicità non le abbiamo elencate tutte in questa sede.

 

7-Hydroxymitraginina

Kratom_7-Hydroxymitragynine

Il 7-Hydroxymitraginina è l'ingrediente principale delle tinture di Kratom ed ha attività agonista oppioide. Una recente ricerca sui principi attivi del Kratom ha messo in evidenza come la sua efficacia sia 30 volte superiore a quella della Mitraginina, il che rende il 7-Hydroxymitraginina il miglior candidato fra le principali sostanze attive del Kratom e sposta la Mitraginina, in precedenza conosciuta come il principale principio chimico, al secondo posto. Il 7-Hydroxymitraginina interagisce con i tre maggiori siti oppiodi, Kappa, Delta e Mu, ma si lega preferibilmente con il recettore Mu: questo tipo di recettori è responsabile degli effetti piacevoli di oppiacei, analgesia e dipendenza fisica.

 

Mitraginina

Kratom_Mitragynine

La Mitraginina è un alcaloide indolico e fu isolato per la prima volta nel 1907 da D. Hooper, pertanto oggi ha raggiunto i 100 anni da quando fu scoperto per scopi ricreativi. Si pensava si trattasse del principio attivo primario del Kratom, ma ci si è dovuti ricredere facendolo semplicemente rientrare fra la grande abbondanza di alcaloidi attivi (in una percentuale, circa, dello 0.1-0.3%, a seconda della pianta). Una piccola dose di Mitraginina agisce come uno stimolante, dal momento che si aggancia ai recettori Delta, ma ad alti dosaggi può agganciare anche i recettori Mu ed alleviare il dolore. Sebbene la struttura della Mitraginina sia simile a quella dell'LSD o della Psilocibina, non è in grado di indurre alcun effetto psichedelico. Dal momento che si riteneva che la Mitraginina fosse la componente attiva principale del Kratom, le ricerche effettuate su di essa furono più approfondite di quelle realizzate sul 7-Hydroxymitragynine.

 

(-)-Epicatechina

Kratom_Epicatechin

(-)-Epicatechina è un vero tutto fare, con i suoi versatili benefici per la salute: è in grado di ridurre gli effetti dei radicali liberi sul corpo, quindi di ridurre il rischio di cancro ed aiutare a prevenire l'ossidazione e il blocco delle arterie a causa delle cellule di grasso. Inoltre è un aiuto a tenere sotto controllo il livelli di zuccheri nel sangue, risultando un beneficio per i diabetici dal momento che imita l'azione dell'insulina endogena. E, in cima a tutto ciò, previene la crescita e il proliferare di batteri come E-Coli ed inibisce le alfa-amilasi.

 

Zamnesia

Kratom