Product successfully added to your shopping cart.
Check out

Chimica

Passiflora incarnata

Anche se molte delle proprietà psicoattive del fiore della passione richiedono ulteriori analisi e ricerche, siamo già in possesso di molte informazioni su questa particolare pianta.

Uno dei principali composti attivi contenuti nel fiore della passione è l'alcaloide armina (alcaloide presente in natura in altre piante, come nella Banisteriopsis caapi e nella Ruta siriana). L'armina agisce come un naturale inibitore MAO-A, impedendo la ripartizione dei neurotrasmettitori, come serotonina e dopamina. Molti farmaci antidepressivi prodotti dalle grandi case farmaceutiche sfruttano questo stesso meccanismo d'inibizione MAO, anche se, essendo inibitori MAO sintetizzati, hanno controindicazioni potenzialmente pericolose con alcuni alimenti ed altri farmaci e/o droghe.

Oltre all'alcaloide armina, la Passiflora contiene anche la luteolina, la crisina e l'apigenina. Il processo con cui queste sostanze agiscono in sinergia, provocando effetti rilassanti e sedativi, è ancora un mistero.

Il fiore della passione è conosciuto anche per contenere alte concentrazioni di GABA, che interagiscono con i recettori GABA del nostro organismo. Quando i recettori GABA vengono stimolati, l'attività del sistema nervoso centrale viene rallentata, limitando le sensazioni da "eccessivo eccitamento". Queste sono le ragioni che hanno reso così popolari gli effetti sedativi di questa pianta.

 

Zamnesia