Prodotto aggiunto con successo al carrello.
Acquista

Ricerca sulla Cannabis: Disturbi gastrointestinali

Un disturbo gastrointestinale è un disordine che non manifesta in maniera evidente dei problemi all'intestino, apparentemente normale, ma che lo porta ad un malfunzionamento. Alcuni esempi di comuni disturbi gastrointestinali sono la Sindrome dell'Intestino Irritabile (SII), le Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali (MICI) e la costipazione.

Studi correlati:

1) Cannabinoids and the gastrointestinal tract (2001)

Lo scopo di questo studio era quello di analizzare gli effetti dei cannabinoidi sul sistema gastrico. Fu rilevato che l'attivazione del recettore CB1 nel sistema endocannabinoidie inibiva la produzione di acidi gastrici, lasciando intendere il suo possibile uso in pazienti sofferenti da una loro eccessiva produzione e con sintomi di irritabilità gastrica. Si notò, inoltre, l'apparente assenza di evidenti effetti collaterali negativi o di assuefazione all'uso di cannabinoidi. Pubblicato sulla rivista Gut.

2) Differential Expression of Cannabinoid Receptors in the Human Colon: Cannabinoids Promote Epithelial Wound Healing (2005)

Questo studio ha cercato di individuare la posizione dei recettori dei cannabinoidi all'interno dell'intestino crasso e la loro funzione. E`emerso che i recettori dei cannabinoidi sono una caratteristica comune dell'intestino crasso e giocano un ruolo importante nella riduzione delle MICI. Pubblicato sulla rivista Gastroenterology.

3) Endocannabinoids and the gastrointestinal tract (2006)

L'obiettivo di questa ricerca era quello di analizzare l'uso storico della Cannabis quale rimedio nel trattamento dei problemi gastrointestinali e se, effettivamente, questa sostanza fosse in grado di avere qualche effetto benefico in tal senso. Fu rilevato che il sistema endocannabinoide agisce per proteggere il sistema gastrico contro le anomalie, con implicazioni su eventuali trattamenti a disposizione dei pazienti in simili condizioni. Fonte: US National Medical Library of Medicine.

4) Cannabis use amongst patients with inflammatory bowel disease (2011)

Dalla precedente ricerca si può evincere che il sistema endocannabinoide può giocare un importante ruolo nel prevenire e proteggere l'intestino crasso dalle infiammazioni. Attraverso questionari che valutano le abitudini relative al consumo di Cannabis in pazienti con simili patologie, si è riscontrato che l'uso di questa sostanza parrebbe avere effetti terapeutici positivi, ed è per questo che andrebbero condotte ricerche più approfondite in merito. Fonte: US National Library of Medicine.

Indietro 

Zamnesia

Varietà con CBD elevato e Olio di CBD