Product successfully added to your shopping cart.
Check out

Ricerca sulla Cannabis: Una selezione dei più importanti studi medici

Medical Cannabis

L'uso della Cannabis in un contesto terapeutico o in quello ricreativo ha una lunga storia alle spalle. Questa pianta veniva usata e coltivata fin dagli albori della storia documentata ed è stata per diversi secoli tenuta in considerazione per le sue proprietà. Solo in questi ultimi cento anni la marijuana ha dovuto affrontare l'ostacolo del proibizionismo, in gran parte causato dalle diffamanti dichiarazioni di politici e industriali. Fortunatamente, in questi ultimi anni, la Cannabis sta subendo una vera e propria resurrezione. Studi scientifici, recentemente condotti da team clinicamente riconosciuti, hanno dimostrato e confermato il reale potenziale medico di questa pianta.

La prova dell'uso medico della marijuana venne rilevato in alcuni testi risalenti al 2900 a.C., periodo in cui l'imperatore della Cina, Fu, riconobbe ufficialmente le sue proprietà medicinali. Ma non fu solo un episodio isolato in una determinata epoca o cultura ad appoggiare il suo utilizzo. La marijuana ha sempre avuto un grande riscontro sociale per il trattamento di diverse malattie in Africa, Europa, Asia e altri paesi del territorio statunitense.

Fu solo nel 1930 che la marijuana passò ad essere una sostanza illegale. Partendo dall'America, il proibizionismo si diffuse rapidamente nel resto del mondo, fino a farla diventare una sostanza proibita, stando alla Carta delle Nazioni Unite. La Cannabis rientra ancora in questa classifica, nella categoria delle sostanze dannose per l'uomo, disposizione appoggiata da molti altri Paesi, come ad esempio gli Stati Uniti, dov'è tuttora classificata tecnicamente come droga di Classe I (fascia in cui rientrano sostanze stupefacenti più pesanti, come l'eroina).

Nonostante la guerra alle droghe imposta in questi anni, l'uso di marijuana ha visto un crescente utilizzo e popolarità, dimostrando le normative fallimentari dei governi che vogliono controllare questa sostanza. La gente è consapevole dei benefici della Cannabis. È per questo motivo che le sue proprietà hanno saputo affermarsi, arrivando ad essere dimostrate da prove scientifiche che, un giorno, potrebbero aiutarla ad essere riclassificata per quello che realmente è. In questo senso, durante l'ultimo decennio, si è visto un aumento nella ricerca scientifica obiettiva, a dimostrazione della determinazione, sempre più comune, di mettere in discussione la "logica" esistente sulla proibizione della marijuana. Oggigiorno, oltre 20.000 articoli scientifici pubblicati, analizzano dettagliatamente la Cannabis e i cannabinoidi (quasi un terzo di queste pubblicazioni sono state largamente dibattute negli ultimi 3 anni). La ricerca non solo sta ottenendo sempre più informazioni sulla Cannabis e sulla sua eventuale natura nociva per l'essere umano, ma sta anche confermando le sue proprietà come efficace e reale farmaco.

Senza considerare le continue pressioni politiche, la ricerca scientifica è riuscita a dimostrare gli effetti persistentemente positivi derivati dalla Cannabis, provocando un effetto a valanga: questo movimento globale sta iniziando a cambiare il panorama politico. Di fronte a decenni di fallimentare guerra alle droghe, i governi di tutto il mondo stanno ora cercando un modo adeguato con cui classificare l'uso terapeutico della marijuana. La marijuana medica è già stata legalizzata in 20 Stati degli USA, ma anche in alcuni paesi d'Europa.

Quello che vi proponiamo qui di seguito, è una selezione delle ricerche condotte per verificare i molteplici benefici medici che si possono ottenere dalla Cannabis.

Meglio di CBD