Product successfully added to your shopping cart.
Check out

Coltivazione del Kratom

Il Kratom cresce in zone climatiche calde, umide e tropicali, come ad esempio la Thailandia, e, quindi, necessita di un particolare ambiente dove poter crescere e sviluppare tutto il suo potenziale. È per questa ragione che raccomandiamo vivamente di coltivare il Kratom all'interno di una casa o in una serra.

Semi

I semi di Kratom sono notoriamente difficili da trovare. A causa della natura del Kratom, i semi non rimangono vitali per molto tempo dopo il raccolto. Ciò complica ulteriormente l'approvvigionamento di semi di Kratom. Infatti, una eventuale spedizione di semi da una zona tropicale a quella di destinazione potrebbe non essere così immediata da mantenerne la vitalità. È interessante notare come i semi di Kratom siano molto piccoli: questa loro caratteristica, assieme alla loro ridotta capacità di mantenere il vigore germinativo, fanno capire quanto sia importante avere un gran quantitativo di semi per potersi assicurare una minima percentuale germinativa. Se acquistate su internet, diffidate dei piccoli rivenditori che potrebbero vendere semi dalla dubbia autenticità. Assicuratevi sempre di ottenere tutte le informazioni del rivenditore prima di spendere i vostri soldi faticosamente guadagnati.

Vasi

Anche se il Kratom può crescere perfettamente in vasi di piccole dimensioni, è sempre meglio dargli un po' più di spazio utilizzando vasi capienti, per consentire un migliore sviluppo di tutto il suo potenziale (con più spazio dove diffondere il suo apparato radicale avrà, di conseguenza, la possibilità di assimilare più sostanze nutritive ed acqua in tempi più ridotti). Ciò indica quanto sia importante non irrigare eccessivamente la pianta di Kratom, soprattutto quando viene coltivata in vasi di grandi dimensioni che trattengono più a lungo l'umidità.

Substrato

Mitragyna speciosaIl miglior substrato dove coltivare il Kratom è un terreno ricco di humus, con un sistema piuttosto funzionale di drenaggio. Quest'ultimo, infatti, dipenderà dalla consistenza del terreno che dovrà mantenere sempre un po' d'umidità, ma senza trattenere eccessivamente l'acqua; allo stesso tempo non dovrà drenare troppo velocemente l'acqua, altrimenti si rischierà di perdere rapidamente tutta l'umidità. In un caso o nell'altro, sappiate che è sempre meglio avere un drenaggio insufficiente per garantire un suolo costantemente umido e ricco d'acqua. Ciò è dovuto all'origine del Kratom, che possiede nella propria genetica un'alta resistenza ad ambienti paludosi ed umidi, per cui è sempre preferibile avere più acqua che non averne affatto. Il principale problema a cui potremmo far fronte in un ambiente saturo d'acqua è l'aumento del rischio di attacchi fungini.

Un fattore essenziale da tenere in considerazione quando si coltiva il Kratom è il pH. È sempre importante mantenere i giusti valori del terreno, ovvero un pH del 5,5-6,5. Tutti i valori che non rientrano in quest'intervallo potrebbero complicare l'assorbimento dei nutrienti da parte del Kratom e, quindi, peggiorare progressivamente il prodotto finale e la sua qualità. I livelli di pH possono variare durante tutto il ciclo di crescita fino alla morte del vostro Kratom. È possibile utilizzare una vasta gamma di strumenti per determinare il pH e tenerlo costantemente sotto controllo.

Luce

Molte persone vi diranno che il Kratom ha bisogno solo di luci HPS per crescere in modo corretto ed aumentare il tasso di sopravvivenza. Questo non è del tutto vero. Il Kratom non richiede esclusivamente luci HPS per crescere correttamente ma, nell'ipotesi di utilizzare questo tipo di lampade, sappiate che il Kratom avrà modo di svilupparsi egregiamente. Si potrebbero, ad esempio, utilizzare semplici lampadine fluorescenti da 18 Watt, che hanno dimostrato di dare buoni risultati, spendendo meno sia nell'acquisto della lampada che nel consumo d'energia. Le lampadine da 18 Watt sono in grado di sviluppare piccole piante di Kratom, senza per questo ottenere un prodotto di scarsa qualità. Se ve lo potete permettere, è sempre consigliabile fornire 24 ore di luce alle vostre piante di Kratom, così da ottenere i migliori risultati.

Temperatura ed Umidità

Date le sue origini geografiche e climatologiche, il Kratom richiede sempre temperature elevate ed una percentuale alta d'umidità.

La temperatura consigliata per coltivare la pianta di Kratom oscilla tra i 24 e i 32 gradi Celsius. La temperatura più bassa a cui ci riferiamo equivale ad un inverno thailandese, e quindi al "freddo" a cui può sopravvivere il Kratom in natura. Ciò significa che si possono anche mantenere temperature più elevate, se si desidera, ma non è assolutamente necessario (le temperature che vi abbiamo riportato sono sufficienti per coltivare correttamente questa pianta). Invece, temperature inferiori ai 24 gradi rallentano la crescita del Kratom e temperature inferiori ai 10 gradi Celsius sono mortali.

Anche l'umidità è un fattore estremamente importante quando si vuole ricreare il climax naturale del Kratom. Le percentuali di umidità a cui è esposto in natura sono un 94% nel corso della giornata ed un 53% durante la nottata. Sono percentuali che si possono ricreare all'interno di una stanza di coltivazione grazie all'uso di umidificatori. È inoltre possibile acquistare igrometri alquanto economici per tenere sotto controllo l'umidità relativa del vostro ambiente di coltivazione. Se riuscite a mantenere il 90% di umidità allora il vostro Kratom non dovrebbe avere nessun tipo di problema. Considerate che è pur sempre una pianta, preparata a reggere eventuali ed improvvise fluttuazioni ambientali, quindi non allarmatevi se l'umidità all'interno della vostra coltivazione dovesse diminuire per un breve periodo di tempo (sempre che sia veramente breve!).

Parassiti e Malattie

Data l'elevata umidità e temperatura richiesta per ricreare l'ambiente idoneo al Kratom, ci sarà bisogno di controllare minuziosamente possibili attacchi di funghi o muffe, soprattutto nelle zone superficiali del terreno. Tenetevi pronti ad utilizzare fungicidi naturali per agevolare il controllo di qualsiasi potenziale focolaio di propagazione.

 

Zamnesia

Meglio di Kratom