YouTube Chiude I Canali Pro Cannabis


Ultima modifica :
Pubblicato :
Categorie : Arte & CulturaBlogCannabisMondo

YouTube Chiude I Canali Pro Cannabis


Ci sono stati molti progressi in questo decennio sulla normalizzazione della cannabis, ma abbiamo ancora una lunga strada da percorrere e questa ultima mossa da YouTube lo conferma. Ecco le ultime notizie sulla controversa chiusura dei canali YouTube pro cannabis.

Sappiamo tutti come la tana da coniglio di YouTube possa attirare la nostra attenzione per ore. C'è molto da divertirsi in questo sito di streaming video. Per gli amanti della cannabis è stato un serbatoio di ottimi contenuti per conoscere ed esplorare il vasto mondo dell'erba. Ci ha offerto una preziosa risorsa per analizzare il funzionamento di questa industria, oltre a offrire consulenza in materia di coltivazione, cura e consumo. Ma questa risorsa potrebbe non durare a lungo. Sempre più canali a tema cannabis stanno scomparendo da YouTube.

I vlog più popolari come GreenGenes Garden, Greenbox Grown e That High Couple hanno chiuso i loro canali. Anche il più grande canale canadese sulla cannabis, UrbanRemo, è stato rimosso. Persino i grandi player del settore trovano i loro canali YouTube cancellati: dalla seed bank Dinafem alla catena olandese dei coffeeshop di alta gamma Boerejongens. Questo sta accadendo nonostante il boom del cannabusiness e nonostante sempre più giurisdizioni stiano legalizzando o depenalizzando la cannabis. E quindi cosa succede? In breve, la casa madre di YouTube, Google, ha implementato nuove politiche che hanno come obiettivo i contenuti sulla cannabis.

PERCHÉ STA SUCCEDENDO QUESTO?

Google Linee Guida Della Community

YouTube richiede che i canali seguano i suoi termini di servizio, che comprendono le "linee guida della community". Tre violazioni di queste linee guida comportano la cancellazione di tutto il contenuto del canale. I video che "incoraggiano attività pericolose o illegali" sono considerati violazioni. La definizione di YouTube di tali attività è ampia e comprende esempi come "creazione di bombe, giochi di soffocamento, uso di droghe pesanti o altri atti in cui possono verificarsi lesioni gravi".

NOTIZIA CORRELATA
La Classificazione Tra Droghe Pesanti E Droghe Leggere

È facile immaginare che i termini "pesante" e "leggera" attribuiti alle droghe si riferiscano alla sicurezza di una determinata sostanza.

Gli atteggiamenti internazionali, almeno in Europa e nelle Americhe, si stanno spostando verso il considerare la cannabis come una sostanza diversa e separata dalle droghe pesanti. I canali YouTube sulla cannabis sono spesso una risorsa educativa, ma allora perché è stato deciso di reprimerli così duramente?

Una buona regola empirica in ogni situazione è seguire i soldi. Da quando è stata acquisita da Google, YouTube ha orientato il suo contenuto verso la massimizzazione del traffico. La combinazione di questo obiettivo di profitto a tutti i costi con una piattaforma di accesso aperto ha sollevato un sacco di problemi per il mondo moderno. Questa politica rende particolarmente vulnerabili i creatori di contenuti su YouTube se vogliono aumentare il loro pubblico. Guadagnare entrate dagli annunci che vengono riprodotti prima dei loro video è difficile senza avere già milioni di visualizzazioni. Questo è diventato ancora più difficile dopo i recenti e controversi cambiamenti alle regole di YouTube, che alzano i requisiti necessari perché un canale possa essere monetizzato.

NOTIZIA CORRELATA
I 10 Migliori Canali YouTube per gli Stoner

Appassionato di marijuana? Internet ha molto da offrire ai fumatori. Informati sulla cannabis o semplicemente goditi un buon cibo e dei video interessanti.

La monetizzazione fa guadagnare denaro sia ai canali, sia a Google. Ma quando il contenuto di un video può essere percepito come controverso si crea un motivo per negare la monetizzazione. Questo ha cominciato a verificarsi con un sacco di contenuti riguardanti la cannabis, ai quali sono state spesso imposte delle restrizioni sull’età minima per la visualizzazione. I video con limiti di età non possono essere monetizzati. Questo potrebbe far parte dell'obiettivo di YouTube sulla massimizzazione dei clic redditizi, ma è solo una teoria. Questo attacco all'industria della cannabis non tiene conto dei tempi che stiamo vivendo, in particolare con il Canada che sta per legalizzare a livello federale e con gli Stati Uniti che potrebbero seguirne l'esempio.

PIATTAFORME VIDEO ALTERNATIVE

Piattaforme Video Alternative

Mentre cerchiamo di saperne di più sulle motivazioni alla base della mossa di Google, cosa puoi fare se cerchi un ottimo contenuto a tema cannabis su Internet? Con grande dispiacere dobbiamo annunciare che anche il canale YouTube di Zamnesia è caduto vittima di questa repressione. Dobbiamo riprenderci, ed è proprio quello che abbiamo fatto grazie ad altre piattaforme video. Sebbene YouTube domini gran parte dei contenuti in streaming di internet, ora ci sono alcune alternative disponibili per i creatori di contenuti che non vogliono affidarsi ai capricci di una delle più potenti corporation del mondo.

Se vuoi vedere ancora i contenuti di qualità pubblicati da Zamnesia e Stoney, i nostri video verranno caricati nuovamente su Vimeo e DTube. Assicurati di iscriverti a questi canali mentre noi continuiamo a ricaricare tutti i nostri contenuti. C'è molto altro in arrivo! Questo cambiamento potrebbe anche giustificare un sito di streaming dedicato esclusivamente a tutto ciò che riguarda la marijuana. Stranamente, questa idea è già venuta a due cannabis vlogger: Mackenzie McCurry (Macdizzle420) e Arend Richard (TheGayStoner).

TheWeedTube - Zamnesia

TheWeedTube è un sito lanciato per aiutare i commentatori della cannabis a trovare una piattaforma stabile. Attraverso il crowdfunding e il proprio investimento, Richard e McCurry hanno lanciato TheWeedTube all'inizio di quest'anno. Questo sito offre ai creatori di contenuti la libertà di discutere di cannabis purché non ci sia un contenuto esplicitamente inadatto ai minori. I vlogger possono persino monetizzare i loro video. Per fare questo è necessario avere molte visite ai loro canali, quindi oggi ti consigliamo vivamente di guardare il contenuto di TheWeedTube. Potresti iniziare iscrivendoti al canale di Zamnesia.

Val Watts

Scritto da: Val Watts
Val Watts non ha talento a sufficienza per essere Reggie Watts e non è Zen abbastanza per essere Alan Watts. Ma fa ciò che può scrivendo di cannabis dall'Emerald Isle. Spera che un giorno la Pianta sarà accettata dovunque; nel frattempo, ama studiarla e andare nei posti dove è già una realtà.

Scopri i nostri scrittori

Relativi Prodotti