Viaggio alla Scoperta dei Terpeni: Mircene

Pubblicato :
Categorie : BlogCannabisScienza

Viaggio alla Scoperta dei Terpeni: Mircene

Se qualche volta vi siete chiesti per quale motivo la Lemon Haze sprigiona profumi citrici o perché si possono anticipare gli effetti di una varietà semplicemente annusandola, allora leggete quanto segue. Scoprite tutto ciò che c'è da sapere sui terpeni.

Cos'è che differenzia una busta di Lemon Skunk da una di Blue Cheese? In un primo momento, l'unico fattore di differenziazione sembrerebbe essere il loro odore, nettamente diverso, ma successivamente si apprezzano anche colori e dimensioni diversi. Tuttavia, quando si tratta di sapori e odori di una varietà di Cannabis emergono molti altri fattori.

I sapori e gli aromi di una famiglia di marijuana vengono influenzati dal contenuto di terpeni, terpenoidi e flavonoidi presente nella sua genealogia. Il contrasto che esiste tra le diverse famiglie, in termini di sapori e odori, dipende dalla loro stessa composizione chimica, dove i terpeni giocano un ruolo fondamentale.

Ma terpeni, terpenoidi e flavonoidi non influenzano solo gli odori e i sapori dell'erba ma, secondo quanto studiato finora, contribuiscono anche a differenziare i diversi effetti della marijuana, generati durante la combustione del THC. Sono proprio questi piccoli "ingredienti" a giocare un ruolo fondamentale negli effetti rilassanti di una Blue Cheese o in quelli leggermente diversi di una Lemon Skunk, caratterizzata da una composizione chimica diversa (da qui la variazione da effetti rilassanti ad "high" più stimolanti).

Adesso sappiamo come i terpeni possono influenzare l'erba che siete soliti fumare, ma cosa sono realmente?

CHE COSA SONO I TERPENI?

I terpeni e i terpenoidi sono presenti in natura sotto forma di idrocarburi, presenti nel quadro chimico di specie vegetali e animali. Normalmente, vengono sintetizzati dalle piante con il fine di respingere gli insetti, ma nel caso delle piante di marijuana servono anche come basi su cui costruire vitamine, resine, ormoni e cannabinoidi. Grazie ad alcune cellule appositamente adattate alle condizioni interne dei tricomi di queste piante, i minuscoli terpeni vengono prodotti ed accumulati su fiori e foglie, mostrando una microscopica iridescenza. Ed è proprio questa barriera iridescente a produrre quello che noi vediamo come un pungente e spesso strato oleoso, prodotto dalle piante nelle situazioni di pericolo (per respingere i parassiti e catturare potenziali predatori in questa soluzione viscosa). Le piante la usano anche come sistema di auto-raffreddamento: quando le temperature iniziano ad aumentare, le piante producono una maggiore quantità di terpeni che, a loro volta, evaporano sotto il calore del sole. Ciò genera un flusso d'aria che riduce la traspirazione ed impedisce alla pianta di perdere troppa acqua. Questo meccanismo di difesa ha dimostrato di essere così efficace che in natura sono stati catalogati fino a 20.000 tipi diversi di terpeni.

Come abbiamo accennato in precedenza, gli odori emessi da una pianta e gli effetti da essa indotti sono fortemente influenzati dai terpeni, terpenoidi e dai flavonoidi, ma;

CHE DIFFERENZE CI SONO TRA UN TERPENE ED UN TERPENOIDE?

I terpeni sono idrocarburi di base, mentre i terpenoidi sono composti da gruppi funzionali supplementari, spesso costituiti da una vasta gamma di elementi chimici. Nonostante questa chiara distinzione, i termini terpene e terpenoide sono spesso usati come sinonimi, stuzzicando l'ira degli scienziati più esigenti, sempre pronti a sottolineare le differenze tra queste minuscole sostanze chimiche.

Ma allora questi terpeni come possono influenzarci? Ebbene, una volta conosciute tutte le loro sfumature, si possono definire con una certa precisione gli effetti di una determinata varietà di Cannabis semplicemente annusandola.

INTRODUZIONE: MIRCENE

Il mircene è uno dei terpeni più comuni contenuti nella Cannabis e tende ad avere un sapore leggermente speziato e terroso. Spesso occupa oltre il 60% del volume terpenico di una pianta di Cannabis e, a quanto pare, aiuta a gettare le basi su cui si costruiscono gli altri tipi di terpeni all'interno di una pianta.

La quantità di mircene contenuta in una pianta di Cannabis è decisiva al momento di definire se una varietà è Sativa o Indica (in una genetica Indica il mircene è presente in percentuali dello 0,5%, mentre in quella Sativa è inferiore). Il mircene non è contenuto solo nell'erba, ma può anche essere presente in mango, citronella, foglie di alloro e altre piante.

Il pungente odore del mircene è leggermente metallico. Nelle birre prodotte con luppolo essiccato, gli "aromi di luppolo verde" che si avvertono sono prodotti proprio dal mircene. Non bisogna quindi stupirsi se in alte concentrazioni emette un odore molto forte. Si tratta di un vero e proprio principio attivo che agisce da leggero sedativo all'interno del luppolo e che viene ancora usato in erboristeria per combattere i disturbi del sonno. Alcuni studi hanno confermato questa sua proprietà sedativa e le sue qualità rilassanti per i muscoli. In una ricerca condotta su topi da laboratorio, il mircene ha mostrato di avere un effetto calmante, grazie alla sua capacità di alterare la barriera emato-encefalica, consentendo agli effetti dei cannabinoidi di penetrare con maggiore facilità all'interno del cervello. Non solo. Secondo alcune prove scientifiche il mircene permetterebbe agli effetti della marijuana di agire con maggiore rapidità sull'organismo, aumentando il livello massimo di saturazione dei recettori CB1. Questo processo sarebbe il responsabile di provocare un "high" più intenso e mentalmente più stimolante. Altre fonti, inoltre, sostengono che il mircene è anche un potente antinfiammatorio, antibiotico ed analgesico, offrendo importanti benefici per la salute, prevenendo patologie legate all'ulcera peptica e riducendo dolori ed insonnia. Alcuni studi sostengono che il mircene possa aiutare ad ostacolare la crescita delle cellule tumorali, sopprimere gli spasmi muscolari e calmare alcuni disturbi psicotici.

ALTRI TIPI DI TERPENE

PINENE

Il pinene è un monoterpenoide biciclico dal forte odore di aghi di pino. Il pinene è usato in medicina per trattare forme di infiammazione e come antisettico. Nella medicina cinese veniva tradizionalmente usato per contrastare i tumori e l'olio estratto dagli aghi di pino ha mostrato di avere proprietà anticancerogene. Il pinene è un componente molto importante nella resina di pino ed è tra i principali terpeni presenti in natura, soprattutto in conifere, nelle resine balsamiche e negli agrumi.

LINALOLO

Il linalolo è un monoterpene lineare dagli aromi dolciastri di fiori e lavanda. Per centinaia di anni fu usato in medicina per calmare i pazienti ed indurre un profondo sonno. I suoi effetti sembrerebbero efficaci anche nella lotta contro la psicosi e l'ansia. Inoltre, alcuni studi suggeriscono che può ridurre le infiammazioni polmonari e stimolare le funzioni cognitive. Il linalolo è contenuto in centinaia di diverse specie vegetali, come menta, alloro, cannella e betulla.

EUCALIPTOLO

L'eucaliptolo è un estere monoterpene contenuto in alte concentrazioni negli oli essenziali dell'eucalipto. Sprigiona un forte odore penetrante molto simile a quello del mentolo. Questo terpene viene usato dalle piante per respingere insetti e parassiti. In medicina, veniva usato per trattare problemi di asma e di sinusite e come antinfiammatorio e analgesico. Si può trovare anche negli alberi di eucalipto presenti in Australia.

CARIOFILLENE

Il cariofillene è un sesquiterpene che sprigiona gli odori usati per addestrare la maggior parte dei cani della polizia, per identificare le eventuali tracce di marijuana. Emana un piccante odore terroso ed è utilizzato nel trattamento delle dermatiti degli animali. Inoltre, sembra avere importanti effetti antinfiammatori ed analgesici. Secondo alcuni studi, questo terpene potrebbe essere anche efficace nel trattamento di pazienti affetti da artrite e da dolore cronico. Si trova in natura all'interno dei chiodi di garofano, nel pepe nero e nelle foglie di cannella.

LIMONENE

Il limonene è un carboidrato ciclico ed è il principale componente degli oli essenziali di limone e di altri agrumi. Il suo odore è dolciastro, aspro e tagliente. Si tratta del secondo terpene più diffuso in natura e viene spesso usato dalle persone per aromatizzare gli alimenti. In medicina, ha dimostrato di combattere il batterio che causa l'acne ed alcuni studi hanno rivelato che la dispersione di limonene in un ambiente chiuso aiuta a combattere gli effetti della depressione. Inoltre, viene anche usato in cosmetici, prodotti per la casa e profumi per la pulizia. Il limonene può, ovviamente, essere presente in concentrazioni elevate nei limoni, ma anche in altri tipi di frutta, come arance ed altri agrumi.

CARENE

Il carene è un monoterpene biciclico dagli intensi aromi, particolarmente dolci. Viene spesso trovato in oli di cipresso e in oli di bacche di ginepro e, in alte concentrazioni, risulta essere un buon sedativo del sistema nervoso centrale. In medicina, questo terpene è utilizzato per rimuovere fluidi corporei superflui, come l'eccesso di sudore o le lacrime prodotti dalla febbre alta. Il carene può essere trovato in natura all'interno di limoni, lime, peperoni, pompelmi ed estratti di pino.

 

         
  Guest Writer  

Redattore Ospite
Di tanto in tanto, abbiamo l'occasione di collaborare con redattori ospiti qui a Zamnesia. Si tratta di persone provenienti dagli ambienti più diversi, il che rende inestimabili la loro conoscenza ed esperienza.

 
 
      Scopri i nostri scrittori  

Top 10 medicinale