USA: Il Consiglio Comunale di New York appoggia formalmente

Pubblicato :
Categorie : BlogCannabisLeggi sulle droghe

USA: Il Consiglio Comunale di New York appoggia formalmente

Deciso ad appoggiare il movimento per la legalizzazione, il Consiglio Comunale della Città di New York ha dichiarato pubblicamente il suo sostegno per regolarizzare e tassare la marijuana.

In un'epoca così significativa per la legalizzazione della Cannabis, il Consiglio Comunale della Città di New York ha presentato una richiesta formale agli uffici legislativi dello Stato, con l'obiettivo di rivedere una legge antiquata e considerare la possibilità di tassare e regolamentare la marijuana. Si tratta di una grande novità e di un'eclatante dimostrazione a sostegno dei movimenti pro-legalizzazione, da parte di un significativo organo politico.

I DETTAGLI

Per essere più precisi, il Consiglio ha espresso il suo pieno consenso attraverso la stesura di due proposte di legge: "Legge per l'equità e l'uguaglianza" e "Legge sulla regolamentazione e tassazione della marijuana".

La prima normativa ha come obiettivo quello di eliminare i pregiudizi razziali, ancora molto diffusi negli Stati Uniti. In questi anni abbiamo assistito a numerosi arresti legati allo spaccio di marijuana, soprattutto fra le comunità disagiate e di colore. Questo primo importante passo si potrà fare solo quando verrà eliminato il reato penale per possesso e consumo condiviso di una piccola quantità di Cannabis.

La seconda, un proposta di legge che tocca argomenti altrettanto delicati, potrebbe effettivamente mettere la parola fine al proibizionismo negli Stati Uniti, implementando un sistema in grado di regolare e tassare la vendita di marijuana (esattamente come vengono tassate e controllate le bevande alcoliche). Una riforma di questo calibro non solo permetterebbe a New York di vivere notti più tranquille e sicure, ma si otterrebbero anche enormi vantaggi dalle entrate fiscali generate, risparmiando sui costi della polizia e contribuendo ad eliminare i pregiudizi razziali, andati sempre di pari passo con il proibizionismo della Cannabis.

In una dichiarazione rilasciata in risposta a questa notizia, Alyssa Aguilera, direttore politico del VOCAL-NY, ha detto quanto segue: "Il sostegno pubblico da parte del Consiglio Comunale verso la legalizzazione della marijuana dimostra una tendenza politica più progressista e coraggiosa. Dobbiamo una volta per tutte porre fine alla fallimentare guerra alle droghe e riformare il nostro attuale sistema giudiziario. Attraverso questa dichiarazione politica, il Consiglio Comunale vuole mostrare il suo disappunto verso le ingiustizie che affliggono i newyorkesi, soprattutto di colore, per azioni che non costituiscono alcuna minaccia per la sicurezza pubblica e a cui assistiamo tutti i giorni, in ogni angolo della città. Ci auguriamo che [la capitale di New York] Albany voglia ascoltare l'appello del Consiglio Comunale e portare avanti questi due atti legislativi, in modo da poter evolvere verso una politica delle droghe finalizzata alla sicurezza e alla salute pubblica, evitando inutili e costose incarcerazioni".

SARÀ NEW YORK IL PROSSIMO STATO A LEGALIZZARE LA CANNABIS?

Come abbiamo detto in precedenza, si tratta di un passo molto significativo. Fino ad oggi, sono quasi sempre state le iniziative popolari a portare avanti la legalizzazione. Ciò significa che il sostegno pubblico di New York verso questa tematica non ha ancora raggiunto livelli sufficienti da aprire le porte ad un referendum. Sono pochi i casi di organi politici decisi a farsi avanti, con la ferma decisione di "vogliamo raggiungere un obiettivo e ce la faremo". Ovviamente, una situazione come questa ha fatto uscire allo scoperto senatori e politici, oggi dichiaratamente a favore della fine del proibizionismo. Inoltre, dobbiamo anche considerare che svolte come queste sono la conseguenza diretta dell'influenza sull'opinione pubblica, il che dimostra quanto potere possa avere la diffusione della conoscenza e della scienza. Il panorama cannabico sta sicuramente cambiando, ma quanto potrà ancora durare il proibizionismo?