Una Guida Completa per Consumare Concentrati di Cannabis

Pubblicato :
Categorie : BlogCannabisConsumo Di Cannabis

Consumare Concentrati di Cannabis


I concentrati di cannabis possono essere "dabbati", vaporizzati, fumati o addirittura aggiunti in alimenti o tinture. In questo articolo vi mostreremo i migliori modi per assaporare un estratto di cannabis, per sperimentare al meglio tutto quello che hanno da offrire.

I concentrati/estratti di cannabis hanno cambiato per sempre il nostro modo di consumare erba. Per i consumatori ricreativi, gli estratti hanno aperto le porte ad un nuovo ed eccitante mondo, per i consumatori terapeutici sono invece un'alternativa affidabile e pratica per alleviare disturbi e malesseri.

A prescindere dalla loro finalità, in questo articolo vi mostreremo alcuni dei migliori modi per consumare estratti di marijuana e tutto quello che hanno da offrire.

CONCENTRATI DI CANNABIS: COME SFRUTTARE AL MEGLIO GLI ESTRATTI DI MARIJUANA

COSA SONO I CONCENTRATI?

I concentrati di cannabis vengono prodotti estraendo i principali composti contenuti nel materiale vegetale della cannabis (compresi cannabinoidi e terpeni), per poi concentrarli in un unico prodotto.

Circolano diversi tipi di estratti di cannabis. Tra i più popolari troviamo il BHO (Butane Hash Oil), l'hashish, le tinture, il kief e gli oli estratti con CO₂ (spesso venduti in cartucce). Il consumo di estratti di cannabis ha raggiunto una tale popolarità in questi ultimi anni da cambiare per sempre la traiettoria della tecnologia applicata al settore cannabico.

Per i consumatori ricreativi, i concentrati di cannabis sono una divertente alternativa ai più tradizionali metodi d'assunzione. Sono rinomati per i loro potenti effetti che molti descrivono come estremamente "lucidi", ma molto potenti anche in piccole dosi.

Per i consumatori terapeutici, invece, gli estratti di cannabis sono uno strumento veloce, semplice e discreto per trattare disturbi e malesseri. Molte persone che fanno uso di marijuana a fini terapeutici affermano che una sola boccata da un "dab rig" (speciale bong per concentrati) o da un vaporizzatore è sufficiente per dare un rapido ed efficace sollievo dai loro sintomi, senza provocare lo "sballo" associato alla marijuana.

COME ASSUMERE CONCENTRATI DI CANNABIS

Ci sono diversi modi per consumare i concentrati di cannabis. Dopo il successo ottenuto in questi anni, molti dispensari e negozi Head Shop dispongono di una vasta gamma di prodotti appositamente progettati per gli estratti di cannabis. Qui di seguito vi riportiamo 7 diversi modi per consumare gli estratti di cannabis.

I 7 MIGLIORI MODI DI CONSUMARE GLI ESTRATTI DI CANNABIS

1. IL DABBING CON UN DAB RIG

Il Dabbing Con Un Dab Rig

Il dabbing è probabilmente il modo più popolare per consumare gli estratti. Questa tecnica prevede il riscaldamento di un concentrato su una superficie calda e, quindi, l'inalazione dei vapori da esso generati. Oggi, gli estratti di cannabis vengono normalmente "dabbati" con particolari pipe chiamate "dab rig".

Questi strumenti sono dotati di un chiodo, o "nail", che viene surriscaldato usando un accendino a fiamma ossidrica. Una volta riscaldato, il concentrato viene delicatamente avvicinato alla superficie del chiodo fino a creare vapore. Questo passaggio viene normalmente fatto usando un particolare accessorio appositamente progettato per maneggiare in modo sicuro gli estratti.

Il vapore così generato viene risucchiato all'interno della pipa dab rig e filtrato in una camera d'acqua, per essere infine inalato attraverso il bocchino. Per gli hippy di vecchia data, questa tecnica non è altro che una versione più raffinata del vecchio trucco dei "coltelli incandescenti", usato in passato per inalare hashish riscaldato su una superficie calda.

Il solo fatto di dover riscaldare un "nail" con un accendino a fiamma ossidrica potrebbe risultare poco attraente per alcuni consumatori e particolarmente scomodo per chi vuole consumare cannabis nel modo più discreto possibile.

Nonostante ciò, il dabbing offre esperienze molto piacevoli che consentono di assaporare i particolari sapori del concentrato ad ogni dolce e sensazionale boccata di vapore.

La temperatura ideale per il dabbing si aggira tra i 287 e i 398°C. A temperature più basse si conservano meglio i sapori dell'olio, mentre a temperature maggiori si ottiene una migliore vaporizzazione e le boccate di vapore risultano più piacevoli.

I modelli più semplici di dab rig possono costare intorno ai 50€, con camere fatte in materiali di base, ma quelli più pregiati fatti da celebri artisti del vetro possono aggirarsi anche sui 50.000€. Se siete interessati ad un buon dab rig, facile da usare e bello esteticamente, ma avete pochi soldi nel portafoglio, vi consigliamo di dare un'occhiata al Bong in Vetro per Oli Green o al Bong in Vetro per Oli Swirl, della Blaze.

Questi semplici bong sono realizzati in Pyrex di alta qualità e dispongono di un chiodo in acciaio inossidabile, una camera d'acqua sferica e un diffusore a due fasi per una maggiore filtrazione ed un'esperienza di dabbing più piacevole. Per meno di 100€ potreste avere uno di questi straordinari dab rig, con cui potrete vivere esperienze divertenti ad ogni sessione.

2. DABBING CON UN E-NAIL

Dabbing Con Un E-nail

Gli e-nail, o chiodi elettronici, sono l'ultimo accessorio lanciato per il dabbing. Come suggerisce il nome, si tratta di chiodi elettronici che raggiungono la temperatura impostata senza dover usare un accendino a fiamma ossidrica. I chiodi elettronici sono perfetti per i consumatori che vogliono sperimentare i dab rig, ma preferiscono non usare un accendino a fiamma ossidrica.

Inoltre, gli e-nail sono anche perfetti per chi vuole un maggiore controllo sulle temperature di riscaldamento dei concentrati, in quanto dotati di precise impostazioni di temperatura.

L'unico aspetto negativo degli e-nail è il loro elevato prezzo, che può facilmente superare i 100€. Tuttavia, a prescindere dal loro prezzo, gli e-nail rendono il dabbing molto più sicuro e controllato. Grazie alle loro impostazioni di temperatura, i consumatori possono sperimentare diverse configurazioni fino a trovare il perfetto equilibrio tra sapori e vaporizzazione.

Se state cercando di migliorare le vostre sessioni di dabbing con un e-nail personalizzato, vi consigliamo di dare un'occhiata al set Dabinator con chiodo elettronico. Questo kit tutto-in-uno offre il necessario per riscaldare correttamente una pipa dab rig alla temperatura più adeguata. La temperatura massima del Dabinator è di 600°C e include anche un chiodo in vetro di quarzo, un elemento riscaldante, 2 metri di cavo Kevlar ed una garanzia di 3 anni su tutte le parti.

3. VAPORIZZAZIONE

Dr. Dabber - Aurora Vaporizzatore

Un altro modo popolare per assumere i concentrati di cannabis è la vaporizzazione. I vaporizzatori riscaldano delicatamente una sostanza (ad esempio le infiorescenze macinate o un concentrato di cannabis) all'esatta temperatura per surriscaldare e far "evaporare" i suoi composti. Ciò consente ai consumatori di non bruciare la sostanza, evitando di esporre il proprio corpo alle sostanze chimiche nocive prodotte dal fumo della combustione.

Tradizionalmente, i vaporizzatori erano dispositivi di grandi dimensioni da usare in casa, che dovevano essere costantemente collegati ad una fonte di energia durante il loro uso. Sebbene siano ancora disponibili, stanno per essere rapidamente sostituiti dai "vaporizzatori a penna" appositamente disegnati per chi è sempre in movimento. Questi piccoli dispositivi possono essere caricati via USB ed offrono un modo discreto per consumare gli estratti.

In origine, i vaporizzatori portatili potevano essere usati solo con estratti a base di solvente, tra cui i BHO, come il Wax o lo Shatter, o le cartucce CO₂.

I primi vaporizzatori lanciati sul mercato erano molto costosi. Tuttavia, grazie al progresso della tecnologia, molti dispositivi portatili sono diventati più economici. Inoltre, buona parte dei modelli venduti sono compatibili con una vasta gamma di concentrati, compresi il Bubble Hash e le più classiche infiorescenze essiccate.

Se state cercando di acquistare un vaporizzatore da usare con i concentrati di cannabis, vi consigliamo il Dr. Dabber Aurora. Questo semplice ed economico vaporizzatore è stato appositamente progettato per assaporare gli estratti in movimento, in 3 semplici clic.

Questo vaporizzatore a penna di alta qualità vanta un design elegante con rifiniture satinate e lisce. Dispone di 3 diverse impostazioni di temperatura, atomizzatori multipli e la tecnologia Snaptech che unisce facilmente tutte le parti del vaporizzatore con calamite. Ciò rende la penna estremamente facile da montare e ancora più semplice da usare. Per accenderlo basta premere per 5 volte il pulsante sulla parte superiore del vaporizzatore e, quindi, selezionare l'impostazione della temperatura.

Grazie alla tecnologia Snaptech con magneti, gli scambi tra gli atomizzatori sono estremamente facili. Infine, il vaporizzatore è anche dotato di numerosi accessori, tra cui un piccolo contenitore per concentrati, un supporto di ricarica, un portachiavi, un bocchino extra ed altro ancora.

Il Dr Dabber Aurora è un incredibile, economico e funzionale vaporizzatore a penna di alta qualità. In alternativa, se state cercando un vaporizzatore a penna per infiorescenze e resine, allora potreste provare il PAX 3.

Il PAX è il vaporizzatore più portatile e pratico per ottenere un'esperienza di vaporizzazione straordinaria. È un modello più sofisticato, il che comporta un prezzo più alto ma pur sempre giusto.

La connessione Bluetooth offre un metodo semplice ma altamente tecnologico per controllare le impostazioni del dispositivo, consentendo di vaporizzare facilmente sia i concentrati che le erbe secche, ovunque vi troviate. A differenza di altri vaporizzatori portatili, il PAX 3 è dotato di un controllo della temperatura con cui impostare facilmente i gradi per ottenere il migliore vapore.

Inoltre, è alimentato da una batteria di lunga durata e viene fornito con caricabatterie, retine in acciaio inox, uno strumento per pigiare e maneggiare i dab, uno scovolino per la pulizia e molto altro ancora. Un altro magnifico vaporizzatore portatile che offre flessibilità e funzionalità.

Boundless CF710 Vaporizzatore

Infine, se state cercando un dispositivo di fascia media con cui vaporizzare solo concentrati, vi consigliamo il Boundless CF 710. Dotato di una singola e doppia bobina di riscaldamento in quarzo, questo vaporizzatore offre ai consumatori di dab la libertà di impostare il dispositivo secondo il tipo di concentrato da consumare.

È inoltre alimentato da una batteria di lunga durata ed è rivestito da un materiale robusto che lo protegge dentro ad uno zaino o una tasca. Per quanto riguarda i prezzi, questo vaporizzatore è leggermente più costoso, ma è perfetto per chi vuole migliorare le strategie di gioco.

4. T-WAXING

T-Waxing

Il t-waxing è un'ottima alternativa per i consumatori di cannabis interessati ad esplorare il mondo dei concentrati senza dover investire in dab rig, vaporizzatori o altre particolari attrezzature per il dabbing.

Il t-waking consiste nel cospargere un concentrato sopra ad una buona cima di marijuana macinata, da consumare poi in una canna, blunt o bong. Questa tecnica consente di aggiungere i sapori e i particolari effetti del concentrato in una buona infiorescenza di marijuana.

Tuttavia, tenete presente che mescolando i concentrati con le infiorescenze non sarà più possibile distinguere i due sapori. Non è quindi consigliato per coloro che cercano di preservare un solo sapore. Inoltre, alcuni tipi di concentrato possono essere estremamente appiccicosi e difficili da maneggiare, complicando notevolmente le manovre di assemblaggio di una canna, un blunt o un bong.

L'unica cosa di cui avrete bisogno per realizzare un t-waxing è l'abilità di rollare una canna o caricare un braciere. Per verificare la nostra ampia gamma di accessori per fumare, come cartine, filtri, grinder, pipe, bong e molto altro ancora, date un'occhiata al nostro Head Shop qui.

5. PIPE

Hash Pipe

Se vi piace fumare e preferite il modo più semplice ed economico per assaporare le fragranze dei concentrati, vi consigliamo le pipe appositamente disegnate per i concentrati.

Queste pipe sono colloquialmente chiamate pipe per hashish, o hash pipe, proprio perché progettate per essere usate con Bubble Hash, kief o qualsiasi altro hashish. Tuttavia, quasi tutte le pipe vendute oggi in commercio sono compatibili anche con altri concentrati, come il BHO. Le pipe per hashish richiedono solo un accendino e la sostituzione occasionale della retina.

Sebbene siano molto simili alle tradizionali pipe, quelle per hashish tendono ad essere leggermente più resistenti al calore, visto che devono essere riscaldate a temperature più alte per vaporizzare adeguatamente i concentrati. Possono essere realizzate con i materiali più diversi, tra cui legno, metallo, vetro, acrilico, pietra ollare e altro ancora.

Le più tradizionali pipe per hashish vantano stili particolarmente elaborati ed incisioni che riprendono le pipe usate per secoli in Medio Oriente e India. Grazie al loro prezzo contenuto, le pipe per hashish sono una via di mezzo tra il t-waking e il dabbing, consentendo ai consumatori di vivere magnifiche esperienze sia dal punto di vista dei sapori che degli effetti offerti dai concentrati, ma senza i prezzi e il fastidio di dover acquistare/usare un vaporizzatore o un dab rig.

Se foste interessati a fumare concentrati con una pipa per hashish, vi suggeriamo di consultare la nostra piccola pipa in ottone. È molto elegante ed è abbastanza forte per resistere al calore extra necessario per assaporare i concentrati.

In alternativa, potreste provare la nostra piccola pipa a forma di proiettile, uno straordinario ed economico accessorio che vi consentirà di consumare facilmente i concentrati. Vi consigliamo di procurarvi anche uno strumento per il dabbing con cui maneggiare gli estratti.

6. EDIBILI

Cannabis Edibili

Oltre al dabbing, alla vaporizzazione e al fumo, i concentrati di cannabis possono essere usati anche per fare deliziosi "edible". Basta riscaldare lentamente i concentrati in una qualsiasi sostanza ricca in grassi, come burro o olio di cocco. Il modo più semplice per farlo è quello di seguire una delle vostre ricette preferite.

Prendete la sostanza grassa e scaldatela lentamente. Aggiungete il vostro concentrato e mescolatelo regolarmente per assicurarvi di amalgamarlo uniformemente. Infine, una volta che la miscela si è raffreddata, procedete con la normale ricetta aggiungendo il burro/olio  contenente l'estratto.

Tenete a mente che i concentrati meno solidi come il Budder o il Wax si disciolgono meglio nel grasso e tendono ad amalgamarsi più uniformemente nel piatto finale. L'aggiunta di concentrati di cannabis in un alimento è un'ottimo modo per apportare al vostro piatto favorito un pizzico di allegria in più. Purtroppo, dentro ad un edibile non potrete mai apprezzare i particolari sapori del concentrato, in quanto coperti dagli altri ingredienti.

Sebbene gli intenditori di concentrati potrebbero guardarvi divertiti mentre mescolate il vostro BHO dentro ad una noce di burro, l'uso di estratti di cannabis in cucina è tutt'altro che sconosciuto. L'importante è ricordarsi di prestare attenzione alle dosi, in quanto gli estratti di cannabis sono molto più forti di una normale infiorescenza di marijuana.

7. TINTURE

Tinture Di Cannabis Everclear

Le tinture di cannabis sono essenzialmente un tipo di concentrato. Tuttavia, vengono normalmente realizzate con le infiorescenze di cannabis. Come gli alimenti a base di cannabis, anche le tinture possono essere facilmente fatte con un estratto. L'unica cosa di cui avrete bisogno è una soluzione ad alta gradazione alcolica (come l'Everclear) e un po' di tempo.

Le tinture a base di concentrati vengono solitamente fatte riscaldando accuratamente la soluzione alcolica fino a 105°C, per assicurarsi che i composti del concentrato vengano rilasciati nella soluzione. Successivamente, la tintura può essere consumata come una qualsiasi altra tintura, usando un contagocce per aggiungerla a cibo o bevande o addirittura nella sua forma pura.

Ciò che rende così speciali le tinture è che il loro dosaggio è estremamente facile e possono essere usate con estrema discrezione. Purtroppo, devono passare attraverso il tratto digestivo e possono richiedere più tempo per fare effetto (come accade per gli edibili).

Inoltre, nelle tinture di cannabis si perdono i sapori più speciali dell'estratto, o almeno sono più difficili da assaporare.

PROVATE SUBITO I VOSTRI CONCENTRATI PREFERITI

Come avrete notato, esistono diversi modi per assaporare i concentrati di cannabis. Ricordatevi che se siete interessati a sperimentare i concentrati per i loro particolari sapori, vi consigliamo il dabbing o la vaporizzazione, i due migliori metodi per preservare i sapori naturali del concentrato e i suoi particolari effetti (come BHO, hashish e altro ancora).

Anche le pipe per hashish sono un'altra valida alternativa per assaporare solo concentrati, ad un prezzo molto più accessibile rispetto a vaporizzatori e dab rig.

Infine, se non siete particolarmente attratti dai sapori dei concentrati, potete provare la tecnica t-waxing, gli alimenti a base di concentrati o le tinture, altre ottime alternative per assumere un estratto.

Qualunque sia la vostra scelta, ricordatevi che non esiste un modo più giusto o sbagliato per assumere un estratto di cannabis. Sarete voi stessi a valutare quello che più soddisfa le vostre esigenze.

Steven Voser

Scritto da: Steven Voser
Steven Voser è un giornalista internazionale freelance, nominato per un Emmy Award, e dotato di grande esperienza. Grazie alla sua passione per tutto ciò che riguarda la cannabis, dedica attualmente molto del suo tempo ad esplorare il mondo dell'erba.

Scopri i nostri scrittori

Relativi Prodotti