Un'Occhiata Vicina Alla Cannabis Albina

Pubblicato :
Categorie : BlogColtivare Cannabis

Cannabis Albina


Sebbene sia raro, l'albinismo nelle piante di cannabis non è sconosciuto. È qualcosa che incontreranno pochi coltivatori sfortunati. Ecco le sue cause ed alcune idee su come affrontarlo se volete provare a mantenere in vita questo gioiello bianco - sarà sicuramente una gemma accattivante se riuscirete a gestirla.

Cime di cannabis che in foto sono bianche come il collo dei cigni. L’erba albina è una cosa vera, proprio come ogni altra pianta, anche la cannabis può essere affetta da albinismo. L’albinismo, colpisce l’abilità di produrre la clorofilla nella pianta, che è la sostanza responsabile per la tonalità verde nei vegetali. Comunque che cos’è esattamente l’albinismo? Quali sono le sue cause e quali effetti ha su una pianta e le sue cime?

NOTIZIA CORRELATA
Le Mutazioni Più Affascinanti delle Piante di Cannabis 1.0

Le mutazioni sono la strategia adottata dalla natura per cambiare le carte in gioco. A volte si possono manifestare tratti alquanto interessanti.

In questo articolo andremo ad analizzare in modo dettagliato l’albinismo nelle piante di cannabis e faremo del nostro meglio per rispondere a tutte queste domande.

ERBA ALBINA: ZAMNESIA SI TUFFA NELL’ALBINISMO DELLA CANNABIS

CHE COS’È L’ALBINISMO?

L’albinismo è una condizione complessa che è stata ben documentata nel caso degli esseri umani che causa una mancanza di pigmentazione nella pelle, capelli e negli occhi. Gli esseri umani affetti da albinismo, sono solitamente molto pallidi ed hanno peli bianchi ed occhi rossi anche se, non è sempre lo stesso caso.

Negli esseri umani, l’albinismo può portare ad diversi problemi di salute inclusi quelli della vista, l’aumento della sensibilità a certe malattie della pelle, scottature e melanomi causati dall’alta fotosensibilità.

L’albinismo non è una condizione che affligge solo gli umani, può anche colpire animali e piante. Alcuni animali che sono famosi per l’albinismo includono il gorilla Snowflake, l’alligatore Claude ed il pinguino Snowdrop.

ALBINISMO NELLE PIANTE DI CANNABIS: È VERITÀ O FINZIONE?

L’albinismo può colpire un ampia varietà di piante inclusa la cannabis. Nelle piante, l’albinismo è caratterizzato da una parziale perdita di clorofilla (pigmenti che danno alle piante il loro colore verde) ed anche di pigmenti rossi e gialli. Questa mancanza di clorofilla colpisce l’abilità delle piante nel compiere la fotosintesi riducendo le loro probabilità di sopravvivere.

L’albinismo, nelle piante come quelle di cannabis, è raro ma non impossibile da trovare. Le piante di cannabis albine sono di un colore bianco puro quasi come la neve per via della diminuzione della clorofilla. Le piante possono essere completamente albine oppure albine solo in alcune parti delle piante (in particolare le cime, foglie o i rami).

NEW YORK WHITE: UNA LEGGENDA URBANA

New York White: Una Leggenda Urbana

Indubbiamente, una delle storie più famose sulla cannabis albina è quella della New York White, una genetica mitologica che si dice sia nata nella rete fognaria sotterranea della città di New York.

La tradizione dell’erba vuole che questa genetica di ganja unica, super potente, sia cresciuta nelle fognature sotto la città di New York. Si dice che queste piante siano germinate da semi buttati nel water durante le perquisizioni e che si siano geneticamente modificate nel tempo per via della mancanza di luce nei condotti sotterranei. Quindi, il temerario occasionale si infilò nelle fognature per raccogliere dalle piante queste cime bianco-neve, estremamente potenti. La genetica fu poi eventualmente chiamata New York White.

Anche se è una storia attraente (proprio come le storie raccontate sul vecchio alligatore delle fognature di New York), noi siamo quasi certi che non sia vera. Le piante di cannabis non possono naturalmente sopravvivere senza luce e/o nutrienti. Ciononostante, la leggenda della New York White è una storia divertente nella tradizione dell’erba.

CHE COSA CAUSA L’ALBINISMO NELLE PIANTE DI CANNABIS?

Che Cosa Causa L’albinismo Nelle Piante Di Cannabis?

L'albinismo nelle piante di cannabis è raro. Tuttavia, è stato rilevato nelle piante di tutto il mondo e si crede che abbia due cause principali.

L'albinismo nelle piante, proprio come negli umani, è principalmente un'anomalia genetica. È un tratto genetico recessivo che è noto per rendere le piante più deboli, dato che la loro capacità di eseguire la fotosintesi diminuisce in modo notevole per la mancanza di clorofilla. Le piante, non sono necessariamente albine in modo totale, alcune zone della pianta possono mostrare le singolari caratteristiche bianche mentre altre, possono mostrare una crescita normale.

In alcune specie di piante albine, per esempio l’Albino Redwood, è stato dimostrato che possono sopravviere senza nessuna fotosintesi. Tuttavia, questa caratteristica non è stata ancora dimostrata nelle piante di cannabis e, quelle che hanno l’albinismo, si tende a considerarle morte se non gli vengono date cure particolari.

NOTIZIA CORRELATA
Le Mutazioni Più Affascinanti Delle Piante Di Cannabis 2.0

Le varietà di cannabis più comuni condividono gli stessi tratti e le stesse forme. Le loro foglie sono normalmente verdi.

La seconda causa principale dell'albinismo nelle piante di cannabis sono i fattori ambientali, in particolare l'esposizione alla luce. Questo fattore, è anche conosciuto come sbiancamento leggero e, di solito, colpisce alcune zone delle piante indoor che sono situate troppo vicine alle lampade di crescita. Lo sbiancamento leggero è raro da trovare nelle piante outdoor.

Questa sovraesposizione alla luce, danneggia la clorofilla colpendo la capacità di effettuare la fotosintesi nella pianta. Lo sbiancamento leggero, è una grande fonte di stress per le piante di cannabis e non è mai desiderabile. Lo sbiancamento leggero, di solito, influisce solo le parti di una pianta che ricevono troppa luce. Se notate lo sbancamento da luce sulle vostre piante, potreste essere in grado di salvarle usando sostanze nutritive e cambiamenti di luce (che esploreremo di seguito).

COME TRATTARE LE PIANTE ALBINE

Come Trattare Le Piante Albine

È difficile lavorare con le piante albine. Per via della ridotta capacità di fotosintesi, queste piante, solitamente richiedono molta attenzione. Ecco alcuni modi con cui potete provare a salvare le piante di cannabis albine:

- Integratori di zucchero: all'inizio del XX secolo, i ricercatori studiarono l'albinismo sulle piante di mais. Testarono come agivano gli zuccheri supplementari e scoprirono che aumentavano la durata della vita e la produzione di frutti nelle piante a cui sono furono somministrati questi zuccheri extra oltre alla dose regolare di nutrienti. I ricercatori, notarono che le piante cresciute senza gli zuccheri supplementari morivano. Anche se questi studi non sono stati provati sulle piante di cannabis, vale lo stesso la pena di testare questa tecnica sugli albini.

- Regolazione della luce: osservando che lo sbiancamento della luce è un'altra delle cause principali dell'albinismo nelle piante di cannabis, è una buona idea regolare le luci se si ha a che fare con piante albine. Nuovamente, anche se nessuno studio ha esaminato in dettaglio questo argomento, sarebbe opportuno regolare l'altezza e l’intensità delle luci di coltivazione per ridurre i loro effetti negativi sulle piante. Prendete in considerazione l'utilizzo di luci di coltivazione a LED con i watt inferiori e tenetele lontane dalle vostre piante, ad una distanza più elevata del normale. Dovrete comunque assicurarvi che tutta la vostra coltivazione abbia una copertura luminosa decente ma, evitando di causare dello stress extra per le luci troppo vicine alle piante.

COME VENGONO COLPITE LE PIANTE DALL’ALBINISMO?

Come Vengono Colpite Le Piante Dall’albinismo?

Come abbiamo già accennato in precedenza, l'effetto principale dell'albinismo sulle piante di cannabis è la riduzione importante della clorofilla. Visto che questa è parte centrale nel processo della fotosintesi, le piante di cannabis con i tratti albini faranno fatica a trasformare la luce in energia. Questo, risulta solitamente in una crescita lenta con piccoli raccolti.

I coltivatori, sono di solito d’accordo sul fatto che le piante che dimostrano le caratteristiche albine, di solito, non vale la pena tenerle. Alcuni, suggeriscono pure che le piante albine avranno difficoltà a produrre alte concentrazioni di cannabinoidi per via della loro incapacità di creare l’energia adeguata per questo processo. Nuovamente, nessuno studio ha esaminato quest’ipotesi ma, in teoria sembra logico.

Quindi, eccoci qua: uno sguardo approfondito sulle piante di cannabis albine. Per evitare di aver a che fare con le piante albine nel vostro giardino, vi consigliamo sempre di ordinare i vostri semi da banche di semi affidabili e di prestare molta attenzione alla vostra illuminazione se coltivate in casa.

Steven Voser

Scritto da: Steven Voser
Steven Voser è un giornalista internazionale freelance, nominato per un Emmy Award, e dotato di grande esperienza. Grazie alla sua passione per tutto ciò che riguarda la cannabis, dedica attualmente molto del suo tempo ad esplorare il mondo dell'erba.

Scopri i nostri scrittori

Relativi Prodotti