Top 5: Le migliori cure per il dopo-sbornia

Published :
Categories : Blog

Top 5: Le migliori cure per il dopo-sbornia

Ci siamo passati tutti: con lo stomaco sottosopra e disperati per quel chiodo piantato nella testa. Stiamo ora per proporvi alcuni rimedi per rimettervi in piedi, in un attimo.

Alcune persone credono che il modo migliore per riprendersi da una sbornia sia quello di uscirne da soli. Altri, invece, ricorrono a infallibili rimedi come mangiare uova e bacon, prendere un'aspirina o ibuprofene, bere un Bloody Mary o un caffè nero, mangiare sottaceti, e l'elenco potrebbe andare avanti ancora a lungo. La verità è che la maggior parte dei rimedi ad una sbornia non funzionano affatto, o non funzionano abbastanza, quando addirittura non accentuano gli sgradevoli effetti del dopo-sbornia.

Un pesante consumo di alcolici consuma vitamine e minerali presenti nell'organismo, il che induce automaticamente il corpo a ricercare, il mattino dopo, proprio quelle vitamine e quei minerali persi durante la sbornia. Idealmente, una metodo per rimediare ad una sbornia sarebbe quello di rifornire l'organismo di quei nutrienti effettivamente persi. L'elenco qui sotto vi propone cinque cure realmente efficaci, adatte a tutti:

1. Mantenersi idratati

Una delle cause principali del mal di testa da sbornia è la disidratazione, pertanto una delle cose migliori da fare per curare un'emicrania causata da una notte di folle consumo di alcolici è bere molta acqua o freschi succhi di frutta a base di mango, papaya, ananas e arance. La perdita di fluidi causa, inoltre, una carenza di elettroliti essenziali, come calcio, potassio, sodio, magnesio e cromo. Pertanto, sarebbe opportuno riportare anche gli elettroliti al giusto livello. I succhi di frutta offrono un valido beneficio da questo punto di vista, offrendovi la giusta quantità di elettroliti di cui necessitate.

2. Alzate il vostro indice glicemico

Un pesante consumo di alcolici potrebbe causare un improvviso abbassamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (ipoglicemia) il giorno successivo, pertanto è importante ristabilire questi livelli, lentamente e in maniera stabile, consumando carboidrati complessi come patate, ciambelle e pasta bianca. Mangiare carboidrati complessi vegetali, come fagioli, spinaci, broccoli e carote, oppure frutta come pompelmi, fragole, mele, pere e, soprattutto, banane, può ristabilire rapidamente i livelli di potassio.

Non è raccomandabile, invece, bere caffè zuccherato e/o bevande e soda con caffeina. Sebbene gli zuccheri contenuti nelle bevande possano innalzare rapidamente i vostri livelli di glucosio, si tratta solamente di un effetto passeggero, dal momento che l'insulina andrà in caduta immediatamente dopo, e voi vi sentirete peggio di prima. Bere caffeina può dilatare i vasi sanguigni dando un po' di sollievo in caso di mal di testa lancinante, ma mette in moto un altro problema: la caffeina è un diuretico, il che significa che ricomincerete a disidratarvi, perdendo nuovamente elettroliti.

3. Rimuovere l'acetaldeide con integratori aminoacidi

Un'altra conseguenza di una sbornia è il sottoprodotto tossico che viene a formarsi quando l'alcool viene metabolizzato dal fegato: l'acetaldeide. L'acetaldeide è in grado di avvelenare il sangue. Esistono un paio di cose in grado di assorbire ed eliminare un eccesso di acetaldeide nell'organismo, come mangiare uova, per il loro elevato contenuto di un aminoacido chiamato cisteina. Ma il modo migliore per eliminare acetaldeide dal vostro organismo è assumere N-acetilcisteina (NAC) sotto forma di integratore. Potete trovare integratori NAC in qualsiasi farmacia o, talvolta, anche al supermercato, a seconda di dove vivete. All'interno del fegato, il NAC si converte in glutatione, uno dei più potenti antiossidanti del corpo umano. Il NAC, inoltre, risulta molto più potente se combinato con vitamina B1 (tiamina). Stando ad uno studio sperimentale, realizzato sui ratti in laboratorio dai i ricercatori Sprince, Parker, Smith e Gonzales, nel 1974, è stato dimostrato come la cisteina (nelle uova) e la vitamina B siano effettivamente in grado di assorbire la tossina acetaldeide nell'organismo. Per aumentarne l'efficacia, cominciate ad assumere NAC e vitamina B1 qualche ora prima di cominciare a bere.

4. Combattere la nausea con le piante

La Cannabis viene oggi prescritta legalmente a pazienti affetti da diverse malattie per tenere sotto controllo la nausea. Può darsi che abbiate già provato anche voi la nausea e che ne abbiate ridotto gli effetti proprio grazie al ricorso alla Cannabis. Quando ci si sente come un peso sullo stomaco, pare che una buona boccata sia in grado di far buttare tutto fuori. Tuttavia, fondersi mentre si è in preda a seri sintomi da post-sbornia non è proprio il massimo del divertimento, per cui bisogna tenere in considerazione che è la dose a fare la differenza.

Per coloro che preferiscono un approccio meno psicoattivo alla nausea, un tè allo zenzero può essere un buon sistema. Lo zenzero contiene diverse sostanze chimiche in grado di alleviare la nausea, come fenoli, gingeroli e shogaoli. Se avvertite una leggera nausea, spellate e grattugiate 2 1/2" pezzi di radice di zenzero fresco e lasciateli in infusione per 15 minuti, per ridurre la nausea grazie ad una semplice tazza di tè caldo allo zenzero. In caso di sintomi più persistenti e di una nausea più forte, prendete da ½ a 1 cucchiaino di zenzero in polvere disciolto in un bicchiere d'acqua e bevetene un sorso ogni 15 minuti, finché lo stomaco si sarà rimesso a posto. Se non avete tempo di prepararvi un tè allo zenzero, potete mangiare una caramella allo zenzero, che potrebbe esservi lo stesso d'aiuto. Un'alternativa al tè allo zenzero, per alleviare la sensazione di nausea, è bere un tè alla menta piperita e dei liquidi contenenti elettroliti.

Per quanto non si tratti di una vera e propria cura, è importante ricordare una cosa: vomitare mentre ci si ubriaca aiuta a ridurre i sintomi del dopo sbornia. Invece di sovraccaricare il vostro fegato con l'alcool, peggiorando l'eccesso alcolico presente nel vostro stomaco, vomitando ridurrete il carico sul vostro organismo, limitando in questo modo le conseguenze spiacevoli della sbornia.

5. Muovetevi

Invece di farvi sopraffare dalla sbornia, mantenetevi attivi. Il vostro organismo è pieno di tossine, quando un post-sbornia manifesta i suoi sintomi, ed ogni forma di leggero esercizio fisico (ad esempio tapis roulant, jogging, mini-trampolino) vi aiuterà a sudare stimolando il sistema linfatico ad espellere gradualmente le tossine. Ricordatevi di bere molta acqua, durante l'esercizio.

Sebbene alcuni sintomi come il mal di testa, la nausea e l'ansia siano tipici di un dopo sbornia, tutto ciò varia da persona a persona e potrebbero comparire anche insonnia e vertigini, un'aumentata sensibilità ai suoni e alla luce, tachicardia, una ridotta capacità di concentrazione ed un'eccessiva sete e sudorazione delle mani. A proposito di sintomi specifici, tutte le persone che si trovano a soffrire di un dopo sbornia perderanno considerevolmente la propria funzionalità, durante questo periodo.

La durata di un post-sbornia dipende da tutta una serie di fattori, tra cui: quanto alcool è stato effettivamente consumato, il peso della persona e la sua tolleranza all'alcool. È un dato di fatto che anche una sola bevanda, per alcune persone, potrebbe avere effetti devastanti. La durata di un dopo sbornia medio è al di sotto della mezza giornata, ma alcune persone hanno riportato sintomi per un tempo superiore ai due giorni, il che viene considerato un post sbornia decisamente estremo.

Una testa pulsante ed uno stomaco sconquassato non sono una passeggiata per nessuno che sia in preda alle conseguenze di una sbornia. Esistono milioni di cure per questo tipo di malessere, e tutte si dichiarano il miglior trattamento degli effetti di una sbornia, come, ad esempio, bere ancora più alcool. Tuttavia, è importante sottolineare che bere ancora più alcolici non farà altro che alleviare solo temporaneamente i sintomi, dal momento che gli effetti depressivi dell'alcool sono in grado di rilassare le persone a tal punto da far sembrare che l'intensità degli effetti stiano diminuendo. In realtà, bere ancora più alcool serve solamente ad allungare il periodo di tempo necessario all'organismo per espellere le tossine, riducendo i fluidi corporei, gli elettroliti e molti altri nutrienti che vi faranno risultare ancora più spiacevole il vostro post-sbornia. Ricordatevi, piuttosto, di bere molta acqua e/o succhi di frutta freschi, contenenti aminoacidi combinati con vitamina B1 e praticate un minimo di attività fisica per rimuovere le tossine presenti nell'organismo. Se decideste di prendere un antidolorifico per alleviare il mal di testa, l'aspirina, probabilmente, è il medicinale più sicuro da assumere. Il miglior modo per curare gli effetti collaterali di una sbornia è non bere troppo, in primo luogo, ma in caso non riusciste a farne a meno e doveste ingerire troppo alcool, allora seguire questi consigli: vi aiuterà ad alleviare i sintomi spiacevoli, permettendovi di riprendervi e rimettervi in pista.

comments powered by Disqus