Top 5 dei miti che circolano intorno alle sostanze psichedel

Pubblicato :
Categorie : BlogSostanze psichedeliche

Top 5 dei miti che circolano intorno alle sostanze psichedel

Le sostanze psichedeliche hanno fatto parte della cultura umana fin dalla notte dei tempi. Solo in questi ultimi decenni sono state messe al bando. Cerchiamo di vedere insieme i miti che circolano...

... intorno a queste sostanze, in modo da sfatare così la loro infondatezza.

Le sostanze psichedeliche tradizionali, come funghi magici, LSD e DMT, hanno la potenzialità di rendere migliore la società in cui viviamo. Si tratta di un aspetto che sta ricevendo particolare attenzione dal mondo scientifico, interessato a rivalutarne le proprietà in campo medico con la speranza di poter aiutare sempre più malati. Tuttavia, le sostanze psichedeliche sono ancora illegali in tutto il mondo, il che ostacola la ricerca e la nostra libertà di poter espandere la nostra coscienza. Questa situazione si è creata, in parte, per colpa di miti infondati che circolano intorno al loro utilizzo. È arrivato il momento di sfatare queste menzogne.

5. SE LE SOSTANZE PSICHEDELICHE SONO STATE MESSE AL BANDO CI SARANNO SICURAMENTE DEI BUONI MOTIVI

Questo mito si è diffuso in tutto il mondo ed è tra i principali motivi per cui si pensa che le sostanze psichedeliche debbano rimanere illegali. Il principio che "se sono state messe al bando ci saranno sicuramente dei buoni motivi" è solo un modo come un altro per auto-convincersi che le norme imposte dai governi sono sempre mosse da sani principi. Tuttavia, le sostanze psichedeliche precedentemente menzionate non sono state dichiarate tossiche dal mondo scientifico e non esiste alcuna prova che possa confermare la loro pericolosità. Ma allora perché sono illegali? È tutta una questione di controllo di masse. La nostra società democratica nasconde un potente potere centralizzato, che riesce a mantenere la sua autorità grazie ad un sistema gerarchico sostenuto dalla paura e dalla forza. Una società fondata su questi pilastri non potrebbe sopravvivere con popolazioni in grado di comprendere, di essere motivate dalla propria ispirazione e di mettere in discussione l'illegalità delle sostanze psichedeliche. È questa la ragione principale per cui i governi non permettono alle sostanze psichedeliche di diffondersi su larga scala.

Terrance McKenna ammise eloquentemente che:

"Le sostanze psichedeliche sono illegali non perché i governi si muovono esclusivamente nell'interesse della salute dei propri cittadini, evitando che si lancino da una finestra di un terzo piano. Il vero motivo per cui le sostanze psichedeliche sono state messe al bando è perché hanno la capacità di aprire nuovi punti di vista e, culturalmente, possono cambiare i modelli prefissati per processare informazioni e comportamenti. Tutto quello che conosciamo potrebbe essere messo in discussione".

4. LE SOSTANZE PSICHEDELICHE RENDONO MATTE LE PERSONE

Le sostanze psichedeliche sono state usate dall'uomo per migliaia e migliaia di anni, da quando l'homo sapiens iniziò a camminare sulla terra (o anche prima). Solo in questi ultimi 100 anni, o giù di lì, è stata avallata l'ipotesi che le sostanze psichedeliche abbiano la capacità di causare gravi malattie mentali. Con la stessa velocità con cui si è diffuso questo mito lo sfateremo. Il mondo della scienza sta cercando in questi ultimi anni di dimostrare che non esiste alcun legame tra il consumo di sostanze psichedeliche e i problemi mentali di una persona. Anzi, le sostanze psichedeliche si pensa che possano essere addirittura meno dannose di altri farmaci legalmente venduti, sia per le persone che ne fanno uso che per la società in cui queste vivono.

3. SARETE PERSEGUITATI DA CONTINUI FLASHBACK PER TUTTO IL RESTO DELLA VOSTRA VITA

In passato, molti pensavano che le sostanze psichedeliche fossero capaci di provocare alle persone spaventosi flashback di viaggi orribili, in grado di durare per tutto il resto della vita. Questo mito è una ridicola menzogna diffusa dalla DEA nei primi anni della Guerra alla Droga. In rarissimi casi, gli effetti di una sostanza allucinogena possono persistere per alcuni giorni dopo l'assunzione, provocando disturbi della percezione caratterizzati da leggere distorsioni visive, come colori appariscenti e improvvise allucinazioni di frattali. Si tratta però di casi isolati che gli scienziati considerano come riflessi di disturbi neurologici preesistenti.

2. LE SOSTANZE PSICHEDELICHE FRIGGONO IL CERVELLO

Ricollegandoci al precedente punto, i governi non solo cercano di farci credere che le sostanze psichedeliche causerebbero gravi malattie mentali, ma che potrebbe provocare addirittura un danno fisico al cervello. Ancora una volta, non esiste alcuna prova scientifica che ne confermi il rischio. Ad esempio, la dose mortale di psilocibina (il principale composto psicoattivo dei funghi magici) è stato scientificamente stimato che dovrebbe essere circa 2.000 volte superiore ad una dose 'standard', sufficiente ad indurre il viaggio psichedelico. Ovviamente, questi dati non devono essere presi come punto di riferimento per regolare il proprio consumo. In ogni caso, si tratta di un dosaggio impossibile, che nessuno riuscirebbe mai ad assumere. L'unico pericolo che si può correre sotto gli effetti di una sostanza psichedelica è di vivere un "bad trip", un cattivo viaggio.

1. LE SOSTANZE PSICHEDELICHE NON HANNO ALCUN VALORE MEDICO

Il mito più deplorevole mai messo in circolazione. Questa idea sta ostacolando il lavoro degli scienziati che potrebbero, potenzialmente, trovare nuovi farmaci per la loro applicazione medica. I risultati ottenuti da diverse prove cliniche hanno dimostrato che le sostanze psichedeliche possono essere utilizzate come parte di una terapia assistita per curare diversi tipi di patologie e disfunzioni. Inoltre, i benefici si apprezzano già dopo pochi istanti dall'assunzione, aiutando a migliorare sensibilmente le condizioni dei pazienti (anche dopo diverso tempo dall'applicazione). Ci stiamo riferendo a disfunzioni come depressione, DSPT, terapie di coppia, malattie terminali (responsabili di situazioni estremamente difficili da gestire) e potenziali danni cerebrali provocati dalla morte clinica, tutti quanti trattabili grazie a queste sostanze. Ciononostante, quasi tutti i governi del pianeta considerano le sostanze psichedeliche un male da combattere con tutte le forze, una delle droghe illegali più pericolose al mondo, assolutamente prive di qualsiasi valore medico. Questo approccio ha dimostrato di essere un totale fallimento, oltre ad evidenziare come i governi non siano affatto mossi dall'interesse di salvaguardare la salute dei propri cittadini. Nel mondo in cui viviamo troviamo sostanze pericolose come il tabacco e l'alcool legalmente vendute ad ogni angolo della strada, mentre le sostanze psichedeliche sono classificate come la peggior droga esistente. Non vi sembra piuttosto strano?! E poi dicono che gli psiconauti sono pazzi...