THC Sintetico In Fase Di Studio Per Alleviare Dolori Al Petto Mentre La Versione Naturale Resta Illegale

Pubblicato :
Categorie : BlogCannabis terapeutica
Ultima modifica :

THC Sintetico In Fase Di Studio Per Alleviare Dolori Al Petto Mentre La Versione Naturale Resta Illegale


Le aziende farmaceutiche stanno sperimentando un THC sintetico nel trattamento dei dolori al petto. I singoli cannabinoidi hanno dimostrato di avere maggiore efficacia se combinati con altri cannabinoidi in quello che viene definito effetto entourage.

Da tempo si pensa che la cannabis abbia proprietà medicinali. Più studiamo questa pianta meravigliosa, più ci rendiamo conto che in effetti essa è efficace nel trattamento di una vasta gamma di disturbi. Tutti dovrebbero ormai sapere che uno dei principali elementi che impediscono la legalizzazione della cannabis in tutto il mondo è la lobby delle Big Pharma (grandi aziende farmaceutiche). Le aziende farmaceutiche stanno cercando di ottenere un presidio sul mercato dei cannabinoidi. Le recenti sentenze statunitensi della FDA che limitano i prodotti contenenti CBD dimostrano fino a che punto esse sono disposte ad arrivare per impadronirsi di questa opportunità finanziaria.

Dronabinol

L'industria farmaceutica ha creato un THC sintetico chiamato Dronabinol. Il Dronabinol è stato approvato per l'utilizzo nel trattamento dei sintomi associati ad anoressia e alla nausea collegata a trattamenti di chemioterapia contro il cancro. I ricercatori stanno scoprendo che questo THC sintetico può anche essere efficace nel trattamento del dolore toracico non cardiaco. Quello che le case farmaceutiche non sembrano capire è che la concentrazione di THC sintetico in una pillola non imita gli effetti della cannabis. La composizione chimica della cannabis è complessa. Per beneficiare di molti dei suoi effetti benefici, il corpo deve interagire con una vasta gamma di cannabinoidi che completano la funzione del THC. Rivolgersi all'intera pianta è un metodo più sicuro e più efficace di ingerire i cannabinoidi quando si vogliono trattare dei disturbi fisici.

COS'È IL THC SINTETICO?

Il Dronabinol è un composto farmaceutico sintetico che ha la stessa struttura chimica del THC. La catena di carbonio, idrogeno, ossigeno è identica a quella reale, tuttavia è stata creata in laboratorio. Mentre il THC è considerato una droga pericolosa senza valore medicinale e con un alto potenziale di abuso, il Dronabinol è considerato un farmaco che non crea dipendenza e con un grande potenziale per l'uso medicinale. Ovviamente questa valutazione iniqua è destinata a influenzare l'opinione a vantaggio del farmaco soggetto a prescrizione.

THC pills

Il THC sintetico non è particolarmente sicuro quando viene assunto da solo. L'ingestione di THC puro, sintetico o meno, può potenzialmente causare reazioni avverse, tra cui allucinazioni, paranoia e elevato livello di ansia. Le avvertenze che accompagnano il dronabinol includono i seguenti potenziali rischi per la salute: Confusione, ansia, nausea, vomito, stato confusionale, coma ed effetti cardiovascolari.

La cosa grandiosa della cannabis naturale è che contiene più del solo THC. Essa contiene oltre un centinaio di cannabinoidi diversi e una grande varietà di terpenoidi che hanno dimostrato di limitare e mitigare gli effetti travolgenti che il THC puro può causare. I cannabinoidi come il cannabidiolo, presente nella cannabis, limitano la durata dell'esperienza psicoattiva causata dal THC. Anche altri cannabinoidi come il THCV agiscono contro il THC e bilanciano gli effetti complessivi. Il THCV è noto per ridurre la frequenza cardiaca e aumentare la sensazione di benessere di chi lo consuma. Al THC sintetico mancano questi composti fondamentali che rendono la cannabis il trattamento efficace che è.

Un altro infelice difetto del Dronabinol è la sua scarsa biodisponibilità, una volta ingerito. Uno studio statunitense sul farmaco ha rilevato che solo il 10-20% del cannabinoide sintetico viene effettivamente assorbito dal corpo dopo il consumo. Dopo averlo consumato per via orale, ci vogliono dalle due alle quattro ore prima che gli effetti abbiano inizio. Confrontandolo con il THC naturale assunto tramite cannabis fumata, i livelli di THC nel sangue hanno raggiunto il picco massimo nell'arco di quindici minuti. Quando consumata per via orale, i livelli di THC hanno raggiunto un picco tra i 60 e i 90 minuti. La maggiore efficacia della cannabis naturale può essere meglio riassunta spiegando l'effetto entourage.

L'EFFETTO ENTOURAGE

L'effetto entourage descrive la simbiosi che esiste tra THC e lo spettro degli altri cannabinoidi che si trovano nella cannabis. Dopo che il Dronabinol è arrivato sul mercato, i medici e gli scienziati hanno scoperto che il THC sintetico puro semplicemente non era efficace nel trattamento rispetto a tutta la pianta di cannabis. In altri studi sono stati esplorati gli altri cannabinoidi e il loro rapporto con il THC nel processo di guarigione. Più ricerca veniva svolta, più gli scienziati scoprivano che ognuno degli oltre cento cannabinoidi ha specifiche proprietà che a loro modo contribuiscono al potenziale medicinale della pianta.

Quando fumate la marijuana, il vostro cervello è invaso da cannabinoidi. I cannabinoidi tra cui THC, CBD, THCV, CBDL e un altro centinaio, si legano ai vostri recettori dei cannabinoidi CB1 e CB2. Alcuni si legano a questi recettori più di altri, ciò significa che i cannabinoidi possono introdursi nell'organismo con metodi alternativi e attraverso percorsi secondari.

 

 

Main cannabinoids

Il CBD entra nel corpo attraverso vie secondarie e ha un effetto profondo sul corpo quando è equilibrato con adeguate quantità di THC. È stato dimostrato che il CBD è più efficace nel trattamento di dolore cronico, ansia, depressione, ipertensione e osteoporosi quando introdotto insieme al THC.

Gli altri cannabinoidi non sono diversi. Composti come il cannabinolo, che ha dimostrato di aumentare il testosterone nei maschi e ridurre le convulsioni, hanno bisogno del THC per la massima efficienza. Il cannabicromene è il quarto cannabinoide principale e agisce come un anti-infiammatorio. Il cannabigerolo funziona come un agente anti-batterico e anti-fungino, mentre la tetraidrocannabivarina è estremamente efficace nel trattamento della cefalea a grappolo. L'unica cosa di cui ognuno di questi cannabinoidi ha bisogno per massimizzare la sua capacità all'interno del corpo è il THC. I trattamenti con THC sintetico ignorano la simbiosi che esiste all'interno della pianta nel suo stato naturale. Consumare cannabis fumando, mangiando o ingerendo l'intera pianta vi permette di ottenere l'ampio spettro di cannabinoidi che sarà più efficace nel trattamento dei disturbi che l'industria farmaceutica cerca di gestire in laboratorio.

CONCLUSIONE

I sostituti sintetici dei rimedi naturali disponibili non sono mai la soluzione giusta. Il THC sintetico ha dimostrato di non essere efficace quanto la marijuana naturale nel trattare una varietà di disturbi. Ciò è dovuto al rapporto tra i vari cannabinoidi e il THC e il modo unico in cui dipendono l'uno dall'altro, noto anche come effetto entourage. Consumare cannabis fumandola è un metodo più efficace e più sicuro di introdurre cannabinoidi nel corpo, rispetto all'ingestione orale di THC sintetico. La forma più efficace di ingestione è consumando tutta la pianta di cannabis, ciò assicura la massima funzionalità dei cannabinoidi in essa contenuti.

 

         
  Guest Writer  

Redattore Ospite
Di tanto in tanto, abbiamo l'occasione di collaborare con redattori ospiti qui a Zamnesia. Si tratta di persone provenienti dagli ambienti più diversi, il che rende inestimabili la loro conoscenza ed esperienza.

 
 
      Scopri i nostri scrittori  

Relativi Prodotti