Il THC Quanto Resta Nel Tuo Organismo?


Ultima modifica :
Pubblicato :
Categorie : BlogCannabisEducazione alla droga

Il THC Quanto Resta Nel Tuo Organismo?


Mentre le leggi sulla cannabis diventano sempre più rilassate, i test antidroga delle aziende e delle forze dell'ordine possono ancora rappresentare un problema per molti. Ma non c'è bisogno di farsi prendere dal panico! Scopri in questo articolo per quanto tempo il THC rimane nel tuo sistema e come superare un test antidroga.

Nonostante le leggi sulla cannabis siano diventate recentemente più rilassate in molti paesi, i test antidroga sono paradossalmente in aumento. Prima erano condotti principalmente dai datori di lavoro negli Stati Uniti, ma ora le grandi aziende europee stanno iniziando a controllare se i dipendenti fanno uso di sostanze, tra cui anche la cannabis.

Sebbene gli effetti del fumo di cannabis svaniscano rapidamente, i suoi metaboliti possono essere rilevati nel corpo per diverse settimane, e talvolta anche più a lungo. Dipende da vari fattori per quanto tempo il THC (il composto psicoattivo contenuto nella cannabis) rimane nel nostro organismo e fino a quando può essere rilevato. Comprendere questi fattori è la chiave per superare un test antidroga.

NOTIZIA CORRELATA
10 Miti Su Come Passare Un Test Urinario Antidroga

Passare un test antidroga è per alcuni sballoni una malaugurata incombenza. Visto il tempo che occorre perché l'organismo si sbarazzi del...

COSA FA LA MARIJUANA NEL NOSTRO SISTEMA?

La marijuana contiene centinaia di composti diversi, ma il THC è l'ingrediente responsabile del suo effetto psicoattivo. Il THC entra rapidamente nel flusso sanguigno quando si fuma o si vaporizza la marijuana. Con altri metodi di consumo, come gli edibili, può essere necessario molto più tempo per assorbire il THC e perché i suoi effetti inizino ad essere percepiti.

Gli effetti del fumo di marijuana non durano a lungo ma alcuni effetti possono persistere fino a 24 ore dopo il consumo. Dopo aver fumato, il THC nel sangue viene rapidamente decomposto e modificato nei cosiddetti metaboliti. Questi metaboliti si accumulano nel corpo fino a quando non vengono lentamente eliminati.

PER QUANTO TEMPO È POSSIBILE RILEVARE LA MARIJUANA NEL TUO ORGANISMO?

PER QUANTO TEMPO È POSSIBILE RILEVARE LA MARIJUANA NEL TUO ORGANISMO?

Non esiste una risposta unica su quanto tempo il THC possa rimanere nel corpo umano. Questo può variare da persona a persona, a seconda del livello di forma fisica, del metabolismo, della dieta e persino del genere e dell'etnia. Un altro fattore importante per la rilevazione del THC nel corpo è il tipo di marijuana che viene consumata. Alcuni ceppi di cannabis possono essere molto più potenti e avere livelli più elevati di THC rispetto ad altri. Anche i vari tipi di test antidroga danno risultati diversi e sono in grado di rilevare il THC dopo tempi diversi.

METABOLISMO DEL THC

Non tutti metabolizzano il THC alla stessa velocità. Dato che il THC si incorpora nel tessuto adiposo del corpo, le persone con più grasso corporeo immagazzinano più metaboliti di THC rispetto a una persona più magra. Una volta che il THC è incorporato nei tessuti grassi sarà eliminato molto lentamente dal corpo. A seconda della quantità di marijuana consumata, il THC può restare nell’organismo per settimane, se non per mesi.

Per quanto tempo il THC può essere rilevato dipende anche da quanto spesso usi la marijuana. Chi fuma spesso trattiene i metaboliti molto più a lungo di chi fuma solo occasionalmente.

ELIMINAZIONE DEL THC - MEDIE BASATE SUGLI STUDI

ELIMINAZIONE DEL THC - MEDIE BASATE SUGLI STUDI

Uno studio condotto nel 2001, in cui i ricercatori hanno esaminato 52 volontari, ha rilevato che il tempo medio di eliminazione da THC per un individuo è di 4,9 giorni, mentre alcuni dei volontari nello studio avevano bisogno fino a 18 giorni. Un precedente studio del 1992, che esaminava utilizzatori di marijuana occasionali e frequenti, ha rilevato che i campioni di urina degli utilizzatori occasionali risultavano positivi al THC per un massimo di tre giorni dopo l'uso. Gli utilizzatori più assidui fra i partecipanti allo studio sono risultati positivi per molto più tempo, fino a 12 giorni.

LA FREQUENZA DI FUMO È UN FATTORE IMPORTANTE

Questi risultati dei test confermano che la frequenza del fumo è il più grande fattore che determina per quanto tempo la marijuana può essere rilevata nel corpo. Se una persona fuma marijuana solo occasionalmente, il THC-COOH, che è il metabolita testato nelle analisi delle urine, solitamente non può essere rilevato oltre tre giorni dall’assunzione. Gli utilizzatori abituali possono impiegare una settimana o più dall’ultima assunzione per avere risultati negativi. Per i consumatori di grandi quantità, questa cifra è molto più alta.

TEST ANTIDROGA: FINESTRA E SOGLIA DI RILEVAMENTO

TEST ANTIDROGA: FINESTRA E SOGLIA DI RILEVAMENTO

Un test antidroga determina la quantità di sostanza presente nel tuo sistema. Questo viene fatto analizzando campioni biologici come l'urina, il sangue, la saliva, i capelli o il sudore. I test antidroga più comuni oggi controllano principalmente il metabolita THC-COOH, piuttosto che il THC stesso.

Ogni particolare tipo di test ha finestre di rilevazione dell'uso di marijuana differenti. Il test del capello ha la finestra di rilevazione più lunga e può riconoscere i metaboliti del THC fino a 3 mesi dopo l'uso. La finestra di rilevamento è il periodo in cui una persona può risultare positiva dopo aver consumato marijuana. La soglia di un test è la quantità misurata di THC-COOH che determina se una persona è positiva o negativa. Per i test antidroga delle urine, che vengono comunemente eseguiti dai datori di lavoro, la soglia è normalmente di 50ng/ml. Quantità inferiori significano che il test è negativo.

TIPI DI TEST ANTIDROGA

Il test delle urine è il più comune. Tieni presente che la soglia può cambiare a seconda del datore di lavoro o dell'organizzazione. 50ng/ml non è una legge che vale per tutti.

Gli esami del sangue possono rilevare il THC attivo nel sangue oltre ai metaboliti del THC. Spesso vengono condotti per vedere se qualcuno ha usato la marijuana recentemente, come dopo un incidente o come parte di un'autopsia. I test antidroga possono essere positivi fino a 12 ore dopo l'uso di marijuana. Negli utilizzatori frequenti possono rilevare quantità di THC fino a 1ng/ml fino a 7 giorni dopo l’assunzione.

I test del capello hanno la finestra di rilevazione più lunga tra tutti i tipi di test antidroga. Questo perché il corpo deposita THC nei capelli, dove rimane mentre i capelli crescono. I test antidroga per capelli sono più costosi di altri test, ma a volte vengono utilizzati quando un'azienda o un'organizzazione vogliono testare una storia di utilizzo più lunga. I test sui capelli hanno di solito una soglia di 1pg/ml.

EZ TEST THC

Vedere EZ Test THC

I test antidroga sulla saliva sono diventati diffusi perché sono precisi, facili e meno costosi rispetto ad altri metodi di test. I test della saliva a volte vengono eseguiti come test su strada dalla polizia per verificare l’abilità alla guida. Proprio come con gli esami del sangue, i test sulla saliva possono mostrare se qualcuno ha appena consumato la marijuana. Possono rilevare il THC fino a 24 ore dopo il consumo e i metaboliti del THC per diversi giorni. Il livello di soglia per i test antidroga della saliva è normalmente di 2ng/ml.

I test del sudore sono utilizzati per monitorare l'uso di sostanze durante un certo periodo di tempo. Questo viene normalmente eseguito con un cerotto applicato alla pelle per una settimana o due. I test del sudore hanno però alcune limitazioni: i livelli di THC possono variare notevolmente a seconda dell'attività fisica, delle temperature ambientali e di altri fattori.

A parte questo, non tutte le persone hanno lo stesso livello di traspirazione, il che significa che i livelli di THC possono variare da persona a persona. I test del sudore con cerotti sono talvolta utilizzati nei programmi di trattamento delle dipendenze. Possono solo rilevare un uso di marijuana abbastanza recente. La loro soglia è in genere di 1ng per cerotto.

UNA PANORAMICA SUL TEMPO DI RILEVAMENTO DEL THC PER OGNI TIPO DI TEST (IN MEDIA)

UNA PANORAMICA SUL TEMPO DI RILEVAMENTO DEL THC PER OGNI TIPO DI TEST (IN MEDIA)

Test delle urine

  • Uso singolo: fino a 8 giorni
  • Uso regolare: fino a 30 giorni
  • Uso intenso: fino a 77 giorni

Test della saliva

  • Uso singolo: fino a 24 ore
  • Uso regolare: fino a 72 ore
  • Uso intensivo: fino a 1 settimana

Analisi del sangue

  • Uso singolo: fino a 24 ore
  • Uso regolare: fino a 3 giorni
  • Uso intenso: 1 settimana o più

Test dei capelli

  • Fino a 3 mesi

Test del sudore

  • Fino ad alcune ore prima della rimozione del cerotto

SCHEDA DER TEST DROGHE 5-PANEL

Vedere Scheda Per Test Droghe 5-panel

COME FAR USCIRE IL THC DAL TUO ORGANISMO

Se hai un test antidroga imminente, ci sono modi per accelerare l'eliminazione del THC dal tuo corpo. Ma sappi che non ci sono metodi sicuri per garantire che il tuo organismo sia completamente privo di THC (a parte l'astinenza) contrariamente a quello che dicono i resoconti aneddotici che puoi trovare su internet. Il modo migliore per superare un test antidoping è astenersi dall’uso di marijuana prima del test!

Alcuni trucchi per superare un test, come bere molta acqua o fare esercizio fisico intenso pesante, possono forse aiutarti un po' con l'eliminazione del THC ma non possono garantire che supererai il test. Se sei sfortunato, può anche accadere che il tuo test venga rifiutato perché troppo diluito. Se vuoi giocare sul sicuro, non consumare marijuana quando è in vista un importante test antidroga.

NOTIZIA CORRELATA
Tutto Ciò Da Sapere Prima Di Affrontare Un Test Antidroga

Affrontare un test antidroga è sempre un'esperienza provante. In che modo si può star sicuri di farcela? Esistono prodotti che funzionano davvero?

IL CBD PUÒ FARTI FALLIRE UN TEST ANTIDROGA?

IL CBD PUÒ FARTI FALLIRE UN TEST ANTIDROGA?

Praticamente tutti i test antidroga cercano THC e THC-COOH. Questo metabolita ha pochissima relazione con altri cannabinoidi, come CBD e CBG. Ciò significa che il CBD normalmente non è un problema per i test antidroga.

Quando prendi integratori con CBD, assicurati che il prodotto non contenga assolutamente THC e dovresti essere a posto. Sappi che può esistere un piccolo rischio di falsi positivi se assumi una grande quantità di CBD. Ma se ti attieni al dosaggio richiesto, non devi davvero preoccuparti.

NOTIZIA CORRELATA
Il CBG È il Nuovo CBD?

Ci sono più di 100 cannabinoidi nella pianta di cannabis oltre al THC. Si trovano tutti in percentuali piuttosto ridotte, ma portano...

Georg

Scritto da: Georg
Stabilitosi in Spagna, Georg dedica gran parte delle sue giornate non solo al suo computer, ma anche al suo giardino. Mosso da una grande passione per la coltivazione della Cannabis e per la ricerca di sostanze psichedeliche, Georg è un vero esperto del mondo psicoattivo.

Scopri i nostri scrittori

Relativi Prodotti