Tabacco: Amico o Nemico?

Pubblicato :
Categorie : BlogErbe e Semi

Tabacco: Amico o Nemico?

Fumare tabacco fa male alla salute, non si discute. Ma com'è possibile che qualcuno intraveda lo spirito in esso racchiuso? E in che modo sono in grado di sfruttare ciò che di positivo ha da offrire?

Quando in Europa si parla di tabacco, normalmente si tende a considerarlo un demonio che sa farsi amare: sappiamo che fa male alla nostra salute, ma molte persone trovano conforto e sollievo nel suo abbraccio. Tuttavia, indipendentemente dal fatto che fumiate tabacco o meno, viene considerato una cattiva abitudine dai più. Ma questo punto di vista non è condiviso in tutto il mondo. Soprattutto in quelle parti del pianeta dove il tabacco è una pianta autoctona, riveste un ruolo significativo dal punto di vista spirituale, riverito dalla popolazione indigena.

IL LATO NEGATIVO DEL TABACCO

Non è, probabilmente, necessario andare troppo a fondo sulla questione. Praticamente tutti siamo a conoscenza dei rischi per la salute associati al consumo di tabacco. Tuttavia, nel caso qualcuno non lo sapesse, elenchiamo qui di seguito alcuni aspetti da tenere seriamente in considerazione, quando si parla di consumo regolare di tabacco.

Primo fra tutti, la nicotina contenuta nel tabacco crea forte dipendenza, senza alcun rispetto per le quantità enormi di denaro sborsato per mantenere le proprie abitudini. Venendo al dunque: quando il tabacco brucia, sprigiona una pletora di tossine, catrame e sostanze cancerogene che possono provocare tumori, malattie polmonari, disturbi cardiovascolari, danni a livello renale, impotenza, infertilità femminile, aumento del rischio di infezioni e dei livelli di stress, per quanto l'azione immediata del fumare sia proprio la percezione di un miglioramento dello stress stesso.

Il tabacco, quando viene fumato, offre in cambio una sensazione gratificante di concentrazione, lucidità e rilassamento, indotta dalle sostanze chimiche.

LA SPIRITUALITÀ INTRINSECA

Quindi, alla fine della fiera, il tabacco è una sostanza negativa, se fumato, e la maggior parte dei fumatori non potrà che essere d'accordo. Ma, se vogliamo guardare al lato positivo del tabacco, dobbiamo tornare indietro nel tempo, fino alle tribù della foresta pluviale, che lo utilizzavano per i suoi poteri curativi e di guida spirituale.

Si ritiene che fossero molte le varianti di tabacco originarie delle Americhe, dove vennero utilizzate per secoli prima dell'arrivo dei coloni europei. Il suo potere curativo è stato sfruttato in diversi modi: fumando, masticando, sniffando, bevendone il succo, mangiandolo, facendone colliri e, addirittura, clisteri, a seconda del luogo e della cultura.

Nicotiana rustica

Nicotiana rustica

Fra le popolazioni dell'Amazzonia, il tabacco veniva usato per scopi ricreativi, medicinali e spirituali. Il tabacco, infatti, è una delle tre piante chiave della cultura indigena, laddove lo spirito del Tabacco offre protezione, lo spirito dell'Ayahuasca conoscenza e lo spirito del Toé forza. Per questo motivo, il fumo del tabacco veniva spesso soffiato sui campi prima della semina, in faccia ai soldati prima di una battaglia ma anche alle donne prima del sesso. Era credenza che il fumo purificasse e benedicesse. Veniva utilizzato anche per diagnosticare malattie e come supplemento durante le terapie.

Per molto tempo, gli sciamani hanno usato tabacco (Mapacho, Nicotiana rustica) polimerizzato. Il tabacco polimerizzato è estremamente potente, ma anche tossico già a bassi dosaggi. La sua potenza porta il tabacco ad essere praticamente allucinogeno, spingendo gli sciamani fin sulla soglia della morte. Per alcuni sciamani si tratta di un rito di passaggio, portandoli così vicino alla morte e, grazie alla lotta per ritornare in sé, mostrando loro la via per guarire altre persone. Chi fallisce, muore. Sembra crudele, ma questa ricerca potente e visionaria ha guidato alcune comunità per secoli. Si pensa addirittura che sia stato lo spirito del tabacco a condurre gli sciamani verso la creazione dell'ayahuasca, permettendogli di riconoscere le piante necessarie per la preparazione della bevanda allucinogena. Il potere purificante del tabacco, oggi, viene sfruttato in combinazione proprio con l'ayahuasca, equilibrando e rafforzando il campo energetico di un individuo prima che questo intraprenda il suo viaggio psichedelico.

Il tabacco è una pianta profonda e spirituale che ha attraversato la storia. Contiene migliaia di singole componenti organiche e la scienza ha rilevato una buona dose di applicazioni positive per esse, nonostante la cattiva fama che il tabacco si è guadagnato a causa degli effetti nocivi provocati dalla sua combustione. Di sicuro il tabacco è una cosa negativa, ma, può darsi, che da un punto di vista spirituale ci sia qualche barlume positivo.