Studio Rivela che la Kanna è Ben Più di un Semplice SSRI

Pubblicato :
Categorie : BlogErbe e SemiScienza

Studio Rivela che la Kanna è Ben Più di un Semplice SSRI

Le proprietà della Kanna possono agire sullo stato d'animo stimolando il rilascio di determinate molecole chimiche? Una nuova ricerca suggerisce che potrebbero esserne capaci.

Sul nostro pianeta crescono un gran numero di specie vegetali con interessanti effetti poco conosciuti dall'essere umano. Tra queste ritroviamo la Kanna, un'erba sudafricana tradizionalmente usata per diversi secoli dalle tribù indigene per trattare paure, ansia e depressione, che molte volte affliggevano i guerrieri di ritorno dalle battaglie. Sono stati condotti pochi studi su quest'erba, in quanto ignorata dalle comunità scientifiche. Tuttavia, questo non ha fermato gli amanti dei rimedi naturali a base di erbe, che sono riusciti a riscoprire il potenziale della Kanna, una sostanza sempre più popolare.

La popolarità di questa specie vegetale è cresciuta al punto tale da non consentire più agli scienziati di ignorarla. Naturalmente, la comunità scientifica non ha mostrato ancora particolare impeto in questo campo di ricerca, ma lentamente ed inesorabilmente si stanno scoprendo le sue potenzialità terapeutiche.

KANNA: UN SSRI?

Sembra ormai appurato che la Kanna agisce come Inibitore Selettivo della Ricaptazione della Serotonina (con sigla inglese SSRI). Essendo la serotonina strettamente legata ad alcune condizioni debilitanti come depressione e ansia, spesso vengono prescritti gli SSRI per regolare i livelli di serotonina del cervello, con il fine di risollevare il morale dei pazienti. La capacità della Kanna di amplificare lo stato d'animo delle persone è ben nota da coloro che sono soliti usarla, così come da chi ha condotto alcune ricerche su questo interessante fenomeno. Tuttavia, fino a poco tempo fa, questa pianta non suscitava sufficiente interesse da spingere la scienza ad avviare indagini più approfondite.

UN NUOVO LIVELLO DI STIMOLAZIONE DELL'UMORE

Anche se i primi risultati stanno teorizzando che la Kanna funziona come un SSRI, la ricerca pubblicata sulla rivista Journal of Ethnopharmacology suggerisce che le cose potrebbero essere un po' più complesse. Per quanto la Kanna agisca come un leggero SSRI, quest'erba funge anche come Agente Monoamino Distaccante, con sigla in inglese MRA.

Come suggerisce il nome, un MRA aumenta il rilascio di monoamine nel cervello. Le monoamine sono un gruppo di neurotrasmettitori che comprende serotonina, dopamina e noradrenalina. Da ciò si deduce che la Kanna non solo potrebbe agire nella ricaptazione di serotonina nel cervello per ravviare lo stato d'animo, ma potrebbe essere anche la causa diretta di un suo maggiore rilascio.

LA RICERCA

La ricerca in questiona osservò gli effetti della Kanna sia sul tessuto cerebrale umano che su quello di alcuni topi da laboratorio. Dopo 30 minuti dall'esposizione ai principi attivi contenuti nella Kanna, furono registrate le reazioni. Si constatò che la Kanna era in grado di rallentare il trasporto della serotonina, seguendo processi molto simili ai normali antidepressivi SSRI, mentre migliorava il trasporto di monoamine, mostrando così una doppia azione.

I ricercatori conclusero che "l'attività di inibizione della ricaptazione della serotonina attribuito alla pianta Sceletium è una funzione secondaria dell'attività di rilascio di monoamine, indotto dall'estratto di mesembrina del Sceletium stesso".

Per quanto dubitiamo che la Kanna diventi presto un trattamento per la depressione, la sua natura ci sta dando alcuni spunti molto interessanti su come può agire sul cervello e sulle sue possibili applicazioni in campo terapeutico. Una cosa è certa, i risultati sono promettenti e richiede sicuramente ulteriori accertamenti. Prima di tutto si dovranno analizzare le sue proprietà nel modo più dettagliato possibile, per poi avviare studi clinici approfonditi. Si deve pur iniziare da qualche parte, e questa potrebbe essere la strada da percorrere. Chissà quanti altri segreti nasconde la Kanna?

Se volete saperne di più sulla Kanna, abbiamo pubblicato una sezione con informazioni dettagliate su tutto ciò che dovreste sapere.

 

         
  Josh  

Scritto da: Josh
Redattore, psiconauta e "aficionado" della Cannabis, Josh è l'esperto di casa a Zamnesia. Trascorre le sue giornate immerso nella campagna, andando alla scoperta delle nascoste doti psichedeliche della natura.

 
 
      Scopri i nostri scrittori