Ri-Definire La Tossicodipendenza: Ciò Che Sappiamo È Sbagliato?

Pubblicato :
Categorie : Blog

Ri-Definire La Tossicodipendenza: Ciò Che Sappiamo È Sbagliato?

Sembrerebbe che le tossicodipendenze non siano solo dovute al legame che si instaura tra una sostanza stupefacente e il nostro organismo. Secondo la scienza sembra che ci siano cause molto più importanti da valutare.

Quando si tratta di elaborare modelli con cui trattare la tossicodipendenza, la prima soluzione che ci viene in mente è la punizione. Da quando furono scritte le prime politiche generali sull'uso di sostanze stupefacenti, la Guerra alle Droghe ha spinto la società moderna a trattare con disprezzo le persone con problemi di tossicodipendenza. Il principio su cui si basano queste strategie governative sono l'emarginazione, ovvero costringere i tossicodipendenti a cambiare le proprie abitudini, usandoli come esempio di degrado umano all'interno della società. Un errore che i cittadini non dovrebbero mai commettere. Questo atteggiamento nei confronti di queste persone è affiorato solo negli ultimi cento anni. E se fosse sbagliato?

Questo è ciò che Johann Hari, e altri numerosi pionieri di questo concetto, si è domandato, cercando una via d'uscita e sfidando tutti i pregiudizi generati in questi decenni sulle tossicodipendenze.

UN SEMINARIO AL TED TALK: ABBIAMO SBAGLIATO IL MODO DI AFFRONTARE LE TOSSICODIPENDENZE

Hari ha trascorso diversi anni in giro per il mondo, incontrando persone ad ogni livello di tossicodipendenza. Ha parlato con drogati, spacciatori, politici, famiglie degli afflitti e scienziati, sempre pronti a trovare un'alternativa con cui trattare questo problema sociale. Grazie alle numerose testimonianze raccolte, Hari ha trovato qualcosa di realmente interessante, per quanto inizialmente non fosse tra i principali obiettivi delle sue interviste. L'attuale approccio con cui trattiamo le tossicodipendenze sta solo peggiorando le cose.

Per cercare di risolvere questo problema, Hari ha viaggiato fino a Londra con l'intenzione di condividere le sue scoperte con il pubblico del programma TED, guadagnando una standing ovation e importanti riconoscimenti.

Nel video che vi proponiamo qui di seguito, Hari espone alcuni punti che lasciano spazio ad interessanti considerazioni. Ad esempio, affronta alcuni esperimenti condotti su topi da laboratorio. Quelli che conducono un'esistenza piena, non incorrono in alcuna tossicodipendenza. Invece, i topi chiusi in una gabbia e circondati esclusivamente da droghe, inevitabilmente manifestano una grave forma di tossicodipendenza (in alcuni casi, fino al punto da morirne). Da questo studio sono emerse situazioni paragonabili alla guerra in Vietnam. Il 20% dei soldati statunitensi era solito fare uso di eroina durante i combattimenti, ma il 95% di questi riuscì a tornare negli USA assolutamente ripulito e senza manifestare alcuna forma di tossicodipendenza. Ciò perché avevano legami significativi nella loro vita tali da permettergli di non cadere nella dipendenza.

In contrapposizione alle convinzioni che siano le sostanze chimiche presenti nelle droghe a provocare la dipendenza, questo studio ci suggerisce che, invece, la causa principale della tossicodipendenza sia lo stato d'animo dei soggetti interessati. Quando ci troviamo emarginati dalla società e dalle persone a noi care, siamo come quel topo in gabbia, facili bersagli delle droghe a nostra disposizione. La nostra mente e il nostro corpo hanno bisogno di cercare conforto altrove, manifestando la tossicodipendenza. In un certo senso, Hari sostiene che quando vengono a mancare i legami sociali con altri esseri umani, siamo più propensi a fare uso di sostanze stupefacenti. Ma la società com'è solita trattare i tossicodipendenti? Li allontana ulteriormente, punendoli, tagliandoli fuori da qualsiasi attività sociale e mettendo barriere invalicabili che impediscono il loro reinserimento.

Tutti questi punti, e molti altri ancora, vengono affrontati dettagliatamente nella conferenza tenuta da Hari nel video sottostante. Parla anche del successo della depenalizzazione delle droghe in Portogallo e di come vi sia la necessità di cambiare radicalmente il modo in cui la società tratta la tossicodipendenza. Dobbiamo iniziare a prendere in esame nuovi modelli da adottare, allontanandoci da concetti sbagliati. Consigliamo vivamente di guardare questo video e provare a cambiare il modo in cui ognuno di noi è abituato a vedere la tossicodipendenza.

L'ENNESIMO VISIONARIO? IL DOTT. GABOR MATE HA APPLICATO IN PRIMA PERSONA QUESTA FILOSOFIA

Il Dott. Gabor Mate è un altro pioniere della nuova scienza sulle tossicodipendenze e spiega come alla fine dei conti la tossicodipendenza sia semplicemente un antidolorifico. Si tratta di una strategia umana per allontanare i dolori della vita, sia fisici che emotivi. La tossicodipendenza non è legata solo all'abuso di sostanze stupefacenti, ma può essere una dipendenza verso qualsiasi altra cosa, come la tecnologia, il lavoro, lo shopping e il porno. Si tratta di scorciatoie con cui la mente cerca di fuggire altrove. Troverete poche persone prive di difficoltà o traumi con problemi di dipendenza.

Ancora una volta, tutto si riduce a ciò che accade intorno a noi e al modo in cui ci leghiamo all'ambiente che ci circonda.

Potete vedere una breve conferenza rilasciata dal Dott. Mate, e eventualmente approfondire ulteriormente i suoi studi, attraverso il video sottostante.