Recensione varietà: Blue Cheese

Published :
Categories : BlogRecensioni sulle varietà

Recensione varietà: Blue Cheese

L'originale Blue Cheese si basa sulla genetica di due varietà di Cannabis perfettamente stabilizzate e di fama mondiale: la Blueberry, una vera bellezza dagli aromi fruttati nata nel 1970, e la Cheese, uno speciale fenotipo di Skunk dal profumo caratteris

Il padre dell'originale Blue Cheese è la famosa Blueberry, una varietà nata verso la fine degli anni '70. La Blueberry prese vita quando DJ Short, un ricercatore della West Coast statunitense, decise di incrociare numerose genetiche diverse: la "Juicy Fruit", una Sativa tailandese, la Purple Thai (dell'Ohio, Oregon), un incrocio di Highland Oaxaca Gold con Chocolate Thai, e, infine, il maschio di una varietà afgana. Invece, la madre della Blue Cheese è una famosa varietà di Cannabis creata nel Regno Unito, l'originale Cheese, uno speciale fenotipo di Skunk dai sapori veramente particolari.

Durante gli anni '80, inizio '90, DJ Short preseguì il processo di perfezionamento di questa varietà. Una volta stabilizzata la genetica, DJ Short offrì alcuni semi alla Dutch Passion, portanto la Blue Cheese a vincere il primo ed il terzo premio al "High Times Cup", rispettivamente nel 2000 e nel 2001. Il nome di questa varietà esprime appieno ciò che ci si può aspettare da questa pianta. Avrete la possibilità di assistere a variazioni cromatiche molto interessanti: sfumature bluastre con tonalità violacee, che si osservano soprattutto quando la pianta è sottoposta a temperature più rigide. L'aroma ed il sapore delle cime sprigionano fragranze dolci, fruttate come quelle dei mirtilli, lasciando un retrogusto di muschio accompagnato dal tipico sapore di formaggio dell'originale Cheese. Gli effetti indotti dalla Blue Cheese sono molto delicati e piacevolmente stimolanti, con picchi di euforia e, in alcuni casi, persino psichedelici. Vi sentirete assolutamente felici e spensierati prima che il suo "high" inizi lentamente a svanire. Oggi, sono disponibili diverse versioni di Blue Cheese, tutte quante con almeno una caratteristica che differisce dall'originale.

Blue Cheese

Versioni di Blue Cheese più simili all'originale, oggi disponibili sul mercato

La Blue Cheese della Dinafem è la scelta perfetta per tutti i coltivatori che hanno poca pazienza e per coloro che vivono in regioni climaticamente caratterizzate da brevi stagioni estive. Questa potente pianta a predominanza Indica completa il suo periodo di fioritura in appena 50 giorni. Le cime sono estremamente resinose e completamente ricoperte di pistilli. Si consiglia vivamente di passare a fioritura le piante quando avranno raggiunto un'altezza massima di 40cm, data la tendenza a triplicare facilmente le dimensioni durante il periodo di fioritura. Le piante ormai mature emanano aromi intensi di bacche dolci e fruttate, accompagnati da un retrogusto di formaggio. In coltivazioni outdoor, bisogna prendere seriamente in considerazione gli odori che sprigiona e i 3 metri d'altezza che potrebbero raggiungere le piante (caratteristiche che potrebbero attirare attenzioni indesiderate). Per evitare eventuali rischi, sarebbe opportuno trovare un luogo appartato e riservato, o avere la fortuna di avere vicini molto tolleranti, prima di lanciarsi nella coltivazione outdoor di questa varietà.

La Blue Cheese della Royal Queen Seeds è stata creata incrociando una Cheese con una Blueberry. L'ibrido ottenuto è stato successivamente reincrociato con una Cheese, in modo da stabilizzare definitivamente la varietà e migliorare il sapore del prodotto finale. In coltivazioni indoor ci si possono aspettare piante da 80-140cm d'altezza, dopo 60-65 giorni di fioritura. In coltivazioni outdoor, le piante raggiungono altezze leggermente superiori e sono pronte per essere raccolte verso fine settembre. Dopo un paio di settimane di fioritura le piante sprigionano aromi di muschio e di terra, dolci e fruttati. Progressivamente, con l'evolversi della fase di fioritura, questi odori diventano sempre più intensi, portando ad un'ovvia conclusione: assicurarsi di avere installato un sistema di ventilazione appropriato, con filtri ai carboni attivi pronti a fare il loro dovere. Questa varietà si comporta molto bene in qualsiasi tipologia colturale, ma i migliori risultati si ottengono con la tecnica SOG. Si parte da raccolti minimi di 500-600g/m², ma anche i coltivatori più inesperti saranno capaci di superare facilmente queste quantità, soprattutto quando si coltiva con sistemi idroponici.

La Blue Cheese della Big Buddha Seeds è un saporito incrocio di una Big Buddha Cheese con una Blueberry. Questa varietà a predominanza Indica cresce piuttosto compatta, cespugliosa, e sviluppa un eccezionale grappolo di fiori centrale, dopo circa 8-10 settimane di fioritura. Fumando quest'erba si apprezzano i particolari sapori di questa varietà: la fragranza del formaggio accompagnata da un piacevole pizzico di frutta. Il suo "high" è altamente stimolante, rendendo gli animi attivi ed euforici. Infatti, pur essendo prevalentemente Indica, la Blue Cheese della Big Buddha Seeds si è classificata al 3° posto nella categoria "Best Sativa", al High Times Cannabis Cup del 2006.

La Blue Cheese della Barney's Farm è la scelta perfetta per i coltivatori principianti. È molto facile da coltivare e da clonare. Non richiede particolari attenzioni per crescere forte e robusta. Risponde molto bene a qualsiasi tecnica colturale si decida di adottare. Le piante, raggiunta ormai la piena maturazione, non superano quasi mai i 60-100cm d'altezza, dimostrando di essere una varietà perfetta per la coltivazione indoor in spazi limitati. Durante il periodo di fioritura, le piante emanano un piacevole ed intenso aroma di formaggio, condito da fragranze delicate e fruttate. Sarà quindi opportuno, quando si tratta di una coltivazione outdoor, piantare questa varietà lontano da nasi indiscreti. Dopo 60-70 giorni di fioritura le piante sviluppano lunghe e compatte cime, con livelli di THC del 20% ed oltre l'1% di CBD. Un raccolto medio prodotto da una coltivazione indoor è di circa 400-500g/m². La Blue Cheese femminizzata della Barney's Farm ha vinto il 3° premio sia al High Times Cup che al IC420 Cup, ricevuti entrambi nel 2006.

Come avrete potuto osservare, le versioni di Blue Cheese differiscono leggermente tra di loro, ma tutte quante contengono la genetica della Blueberry e della Cheese. Siccome l'originale Blue Cheese non è più disponibile, risulta piuttosto complicato definire quale tra queste varietà si avvicina di più a quella autentica, creata alla fine degli anni '70 da DJ Short. Sta a voi giudicare e decidere quale tra queste è la più degna di portare il nome di Blue Cheese.

Disponibile da:

Blue Cheese (Dinafem) Fem. Blue Cheese (Royal Queen Seeds) Fem. Blue Cheese (Big Buddha Seeds) Fem. Blue Cheese (Barney's Farm) Fem.

comments powered by Disqus