Recensione varietà: Agent Orange

Pubblicato :
Categorie : BlogCannabisRecensioni sulle varietà

Recensione varietà: Agent Orange

La Agent Orange occuperà sempre un posto speciale nel cuore dei veri appassionati di Cannabis, soprattutto per il suo sapore unico. Non lasciatevi però ingannare dal suo nome. Pur essendo una...

... varietà potente, questa bellezza non ha nessuna intenzione di provocare il minimo danno.

La Agent Orange non ha niente a che vedere con il pericoloso arsenale chimico utilizzato nella guerra del Vietnam. Semmai è esattamente l'opposto. La Agent Orange è particolarmente amata e ricercata per essere una varietà nata negli anni '90, diventando fin da subito la vera protagonista del High Times Harvest Festival.

Una miscela di Jack The Ripper e Orange Velvet

L'originale Agent Orange è il risultato dell'attento lavoro fatto da Subcool, un rinomato appassionato e coltivatore di Cannabis, fondatore della TGA Seed Bank. La leggenda narra che questa varietà fu creata da Subcool nel tentativo di ricreare una genetica precedentemente elaborata da Juan Moore, conosciuta anche come 7Up. L'esperimento venne condotto incrociando uno dei suoi migliori cloni di Jack's Cleaner con una varietà Skunk arancione, chiamata Orange Velvet. Questo processo diede origine ad una successiva ibridazione genetica di Jack The Ripper (incrocio Jack’s Cleaner e Space Queen) e Orange Velvet.

Gli effetti

L'ibrido così ottenuto, battezzato Agent Orange, ottenne vari riconoscimenti per la sua produzione di cime di qualità superiore. Se potessimo descrivere in una sola parola le sensazioni che si vivono assumendo questa varietà, questa sarebbe "felicità". Tuttavia, la principale virtù della Agent Orange, che tanti intenditori e veterani amano assaporare, è il suo sapore unico e speciale (al mondo non esiste niente di simile). In circolazione, ci sono poche varietà che si possano realmente identificare attraverso un semplice test di degustazione a occhi bendati. Tuttavia, i sapori inconfondibili di una Agent Orange, coltivata con le opportune attenzioni, sono una delle poche eccezioni. Il suo sapore intenso, dolce e citrico, come il nome stesso suggerisce, sprigiona fragranze piccanti all'arancia.

Come accennato precedentemente, gli effetti indotti da questo mix Indica/Sativa sono assolutamente euforici. Si viene colpiti da intense sensazioni cerebrali, un brusio vibrante che può durare anche diverse ore. Queste sue caratteristiche la rendono perfetta per un consumo diurno o per essere condivisa allegramente con gli amici. La sua straordinaria capacità di risollevare l'umore vi farà ridacchiare e chiacchierare fino al giorno dopo, contemplando il mondo che vi scorre accanto. Bisogna però fare attenzione al pugno che sferza la Agent Orange: potrebbe risultare talmente violento da angosciare chi non ha molta dimestichezza con la Cannabis. Consigliamo soprattutto a chi dovesse assaggiarla per la prima volta di affrontarla con una certa cautela.

Agent Orange - TGA Subcool Seeds

La Agent Orange in coltivazioni indoor

La Agent Orange cresce bene sia in coltivazioni indoor che outdoor, tuttavia può diventare eccessivamente alta, rendendo complicate le manovre colturali in spazi limitati. Quando viene coltivata all'aperto predilige soprattutto i climi più caldi, come quelli della Spagna, dell'Italia o della California. Infatti, quando ha la possibilità di crescere in queste zone climatiche, la Agent Orange può raggiungere addirittura i 3 metri d'altezza! La produzione ovviamente verrà di conseguenza, considerando le dimensioni ciclopiche delle piante. In coltivazioni indoor, i risultati migliori si ottengono quando le piante vengono potate e le ramificazioni piegate verso il basso, durante tutto il ciclo vegetativo della pianta, in modo da ottimizzare tutto il suo potenziale. Per quanto riguarda i tempi di fioritura, la Agent Orange coltivata indoor tarda circa 60 giorni per completare la sua fioritura, mentre in coltivazioni outdoor sarà pronta per essere raccolta verso il mese di ottobre. La potenza della Agent Orange si aggira intorno al 15-20% di THC e allo 0,3% di CBD. La resa produttiva media di una Agent Orange, coltivata da mani esperte, può arrivare ad offrire fino a 600-800g/m² (raccolti di proporzioni epiche!).

In conclusione, dobbiamo dare a questa varietà tutti i crediti che si merita. Probabilmente non è una delle piante più facili da coltivare per i principianti, ma le sensazioni fervide ed indimenticabili che offre la Agent Orange meritano di essere provate almeno una volta.

Avete sperimentato in prima persona i sapori stuzzicanti della Agent Orange? Cosa ne pensate? Fateci sapere la vostra opinione nel riquadro dei commenti qui di seguito.