Questo È Ciò Che Contengono Realmente Le Pastiglie Di Ecstasy

Pubblicato :
Categorie : BlogScienza

Questo È Ciò Che Contengono Realmente Le Pastiglie Di Ecstasy

La purezza ha sempre preoccupato chi acquista droga per strada, soprattutto quando si tratta di ecstasy, la "carne misteriosa" del mondo delle droghe. Una nuova ricerca conferma come queste paure siano più che giustificate.

Uno dei principali motivi per cui l'MDMA ha una cattiva reputazione nella nostra società è l'ecstasy, una pastiglia che, teoricamente, dovrebbe essere interamente costituita da MDMA, ma il più delle volte contiene un potente cocktail di altre sostanze da taglio molto meno costose. Tutto ciò può fare la differenza tra una notte di sfrenato sballo e amore ed un ricovero in ospedale (almeno nel peggiore dei casi).

Si tratta di un timore piuttosto diffuso. In questi ultimi anni si stanno attivando campagne per educare coloro che ne fanno uso, in modo da aiutarli a prendere coscienza di ciò che stanno realmente comprando. Una di queste organizzazioni, conosciuta come Project Know, ha monitorato con costanza il contenuto sia dell'ecstasy che del "molly" (composto, teoricamente, da MDMA in polvere o in cristalli) nel corso di questi ultimi 10 anni. I campioni sono stati raccolti in tutto il mondo. In tutto, sono state analizzate 27.000 pastiglie. Potete vedere voi stessi i risultati ottenuti (nel riquadro sottostante). Cercate sempre di avere a portata di mano un kit per testare questa droga, in modo da non rischiare di acquistare sostanze pericolose.

I RISULTATI

Qui di seguito potete osservare il grafico in cui vengono riportati i risultati delle analisi effettuate dall'organizzazione Project Know. Preparatevi, perché è abbastanza scioccante. Per quanto rientri solo un numero ridotto di Paesi, questo studio dimostra che, nella maggior parte dei casi, l'ecstasy in circolazione contiene percentuali inferiori al 50% di MDMA.

Dal grafico potete notare come l'Olanda sia il Paese con l'ecstasy più pura, mentre in altri Stati come il Canada circola l'ecstasy più tagliata.

Secondo l'organizzazione Project Know:

"La maggior parte delle pastiglie di ecstasy dovrebbe contenere la sostanza da cui prende il nome questa droga: l'MDMA o qualsiasi altra sostanza simile per formula e struttura da essere considerata sostitutiva dell'MDMA. Tuttavia, molte volte le pastiglie in circolazione contengono speed, una sostanza incapace di simulare le proprietà empatogeniche dell'MDMA e potenzialmente pericolosa per la salute umana, soprattutto se consumata in combinazione con altri principi attivi".

Risulta piuttosto sorprendente vedere il contenuto di PMA nel grafico ottenuto. Il PMA è simile per struttura chimica all'MDMA e induce sensazioni stimolanti che rendono più vigili e attenti. Tuttavia, si tratta di una sostanza molto più tossica dell'MDMA e comporta un potenziale rischio di morte da non sottovalutare (conosciuta da molti anche come Dott. Morte).

Questo articolo serve solo a dimostrarvi come non si possa mai essere sicuri al 100% quando si assume una pastiglia di ecstasy o un po' di molly. Fate sempre attenzione, cercate di testare ciò che consumate e acquistate solo da persone di fiducia.

Date anche un'occhiata al documentario "What's In My Baggie" (cosa c'è nella mia bustina), per approfondire ulteriormente questo argomento.

 

         
  Josh  

Scritto da: Josh
Redattore, psiconauta e "aficionado" della Cannabis, Josh è l'esperto di casa a Zamnesia. Trascorre le sue giornate immerso nella campagna, andando alla scoperta delle nascoste doti psichedeliche della natura.

 
 
      Scopri i nostri scrittori