Proiettato un messaggio sulla marijuana durante la gara NASCAR

Published :
Categories : Blog

Proiettato un messaggio sulla marijuana durante la gara NASCAR

L'organizzazione "The Marijuana Policy Project" ha programmato di lanciare un messaggio fuori onda al NASCAR Brickyard 400, durante il fine settimana, su un enorme cartello pubblicitario all'entrata d

Domenica, 28 luglio 2013 - Proiettato un messaggio sulla marijuana durante la gara NASCAR

L'organizzazione "The Marijuana Policy Project" ha programmato di lanciare un messaggio fuori onda al NASCAR Brickyard 400, durante il fine settimana, su un enorme cartello pubblicitario all'entrata della pista delle gare. E`stato, però, ritirato venerdì, dopo essere stato visualizzato solo poche volte. "Grazie Media", la società proprietaria del cartellone pubblicitario, aveva approvato il contenuto dell'annuncio, accettando il pagamento offerto per la sua proiezione. Venerdì, però, Vanessa Wojtala, direttrice della programmazione alla Grazie Media, ha dichiarato che non avrebbero permesso in alcun modo, forma o proiezione, l'uso di droghe illegali.

La finalità dell'annuncio era quella di promuovere l'uso di marijuana, sottolineando i vantaggi esistenti rispetto alla birra, con il messaggio finale "Marijuana: meno dannosa dell'alcool ed un'occasione per combattere l'alcolismo", ma The Drug Free America Foundation, Inc. non ha apprezzato l'idea. Calvina Fay, direttrice esecutiva della Drug Free America Foundation e della Save Our Society From Drugs ha dichiarato che il messaggio esposto nell'annuncio è assolutamente sbagliato e che si tratta di una manovra commerciale irresponsabile rigurdante una droga, in uno Stato dove la marijuana è illegale. 19 Stati hanno legalizzato la marijuana, ma l'Indiana non rientra tra questi.

Nel 2012, tre senatori dell'Indiana introdussero alcune proposte di legge e risoluzioni per allentare le restrizioni sulla marijuana, ma non si ottenne nessun passo avanti in questa direzione.

Mason Tvert, direttore delle comunicazioni del The Marijuana Policy Project, ha dichiarato che il loro unico intento era quello di fare capire alla gente quanto siano ipocrite ed assurde certe leggi che vietano un'alternativa più sicura ad una delle droghe legali più pericolose, l'alcool. Ha aggiunto, inoltre, che sono rimasti perplessi di fronte alle affermazioni di Grazie Media che sostiene che la marijuana non è assolutamente più sicura dell'alcool, una droga conosciuta per essere legata a comportamenti violenti.

Tvert sostiene che "se l'organizzazione Save Our Society From Drugs ha realmente come obiettivo quello di liberare la nostra società dalle droghe, perchè dovrebbero cercare di impedire alla gente di conoscere la vera tossicità dell'alcool e non la sicurezza della marijuana? Questa organizzazione è, ovviamente, molto più preoccupata a mantenere la marijuana nell'illegalità, piuttosto che valutarla per quello che riguarda, invece, la cura della salute e della sicurezza pubblica. È triste vedere come Grazie Media abbia deciso di abbandonare un accordo preso con un cliente, che ha pagato, quando si è trovata a doversi confrontare con questo tipo di sciocchezze".

Bisogna considerare che questo annuncio non è solo pro-marijuana, ma contiene anche un messaggio anti-alcool. Lo sponsor principale del Brickyard 400 di quest'anno è stato il Crown Royal Whisky ed un altro ancora è stato il Miller Lite Beer.

Il portavoce della NASCAR, Kerry Tharp, ed il Presidente dell'IMS, Doug Boles, hanno sottolineato la loro estraneità e hanno negato qualsiasi collegamento della competizione e delle gare con questo tipo di pubblicità.

Il portavoce della Grazie Media ha detto che Tvert ha ottenuto la pubblicità che aveva richiesto e che "probabilmente" rimborseranno i 2200 dollari investiti da Tvert nella campagna pubblicitaria.

Guarda l'annuncio qui sotto:

comments powered by Disqus