Post Elezioni: Il Canada sarà Il Prossimo a Legalizzare la Cannabis?

Pubblicato :
Categorie : BlogCannabisLeggi sulle droghe

Post Elezioni: Il Canada sarà Il Prossimo a Legalizzare la Cannabis?

Le cose stanno diventando verdi per il Canada, stando alle dichiarazioni del Primo Ministro neoeletto: è sua piena intenzione legalizzare la marijuana a livello ricreativo.

È notizia recente: il Partito Liberale del Canada ha ottenuto una vittoria schiacciante durante le recenti elezioni nazionali, dando a Justin Trudeau e ai suoi parlamentari liberali il mandato per condurre il Paese. Uno degli argomenti al centro del dibattito liberale è la marijuana, e Trudeau sembrerebbe intenzionato a legalizzarla.

È una notizia grandiosa che sarà d'aiuto nel porre fine alle persecuzioni e darà una spinta all'economia con una nuova industria. Trudeau ha promesso che, con lui in carica, è reale la possibilità che nel Paese prenda piede un sistema di regolamentazione e tassazione della marijuana ricreativa: questo punto è stato al centro della sua campagna elettorale e potrà rendere il Canada uno dei pochi Paesi al mondo ad averla legalizzata a livello nazionale.

Si tratta di una boccata di aria fresca, e rompe con nove anni di regressione Conservatrice, molti dei quali impiegati ad applicare pene minime obbligatorie per qualsiasi caso collegato alle droghe e per fermare le "cliniche dell'ago".

Stando alle parole di un portavoce ufficiale del Partito Liberale:

"Legalizzeremo, regolarizzeremo e controlleremo l'accesso alla marijuana. Il proibizionismo della marijuana non previene il consumo fra i giovani, causa discriminazioni sociali e arresti massicci, e supporta il crimine organizzato".

Lo statista ha aggiunto che "Rimuoveremo il consumo e il possesso occasionale di marijuana dal Codice Criminale, e creeremo nuove e più solide leggi per punire più severamente coloro che la forniranno ai minorenni, come coloro che si metteranno alla guida sotto i suoi effetti e chi la venderà al di fuori degli ambienti che verranno regolarmente predisposti".

UN FUTURO LUMINOSO... IN UN ANNO CIRCA

Mentre dal Canada arrivano queste straordinarie notizie, la fine del proibizionismo non è cosa che avverrà in un battere di ciglio. Sebbene ci siano diversi esempi incoraggianti in circolazione, basti pensare al Colorado e a Washington, la messa a punto di un quadro normativo da inserire nel sistema giuridico canadese richiede del tempo. Sono gli stessi Liberali a stimare che ci vorranno tra uno e due anni per ridefinire completamente il sistema. Qualcuno ritiene che questo sia un segnale negativo, ma è un passo avanti notevole e un significativo cambiamento per il Paese, dopo che il precedente governo considerava la Cannabis molto più pericolosa del tabacco.

CHE COSA SIGNIFICA TUTTO CIÒ PER L'EUROPA?

Il cambiamento di rotta del Canada in merito alle politiche sulla Cannabis è piuttosto significativo e potrebbe avere grandi implicazioni anche per noi, qui in Europa. Il Canada è uno dei membri principali delle Nazioni Unite e, senza dubbio, una potenza mondiale. L'ONU dovrebbe riunirsi, nel giro di sei mesi, per una sessione speciale durante la quale si discuterà di Droghe e il Canada potrebbe essere di aiuto, mettendo sotto pressione il proibizionismo globale. Mattone dopo mattone, il muro del proibizionismo della Cannabis sta crollando!