Perché Usare La Scutellaria, La Pianta Che Rilassa

Pubblicato :
Categorie : BlogErbe e SemiScienza

Perché Usare La Scutellaria


La Scutellaria è una pianta ampiamente studiata che sembra indurre diversi benefici alla salute. È stato dimostrato che la pianta dà un aiuto in caso di ansia e disturbi dell'umore, arrivando ad avere una possibile applicazione anche nella cura di alcune malattie gravi.

La Scutellaria, anche nota come Scutellaria lamiaceae, appartiene alla famiglia della menta ed è indigena degli ambienti umidi del Nord America. Tradizionalmente impiegata per usi medici, la Scutellaria è legata al trattamento di un ampio spettro di disordini, tra cui insonnia, ansia, ictus, febbre, colesterolo alto, indurimento delle arterie, rabbia, epilessia, infezioni ed infiammazioni della pelle. Tuttavia, per quanto queste possibili applicazioni possano sembrare promettenti, molti degli usi tradizionali della Scutellaria non hanno riscontro scientifico.

TIPI DIVERSI DI SCUTELLARIA

La Scutellaria americana è stata usata per più di 200 anni come medicina naturale per placare ansia, tensione nervosa e convulsioni. Inoltre, i potenti effetti antiossidanti della pianta potrebbero aiutare a proteggersi anche da alcuni disordini neurologici. Questa varietà di Scutellaria mostra piccoli fiori blu o viola.

La Scutellaria cinese, anche nota come Scutellaria baicalensis, deriva dalla specie americana ma è originaria della Cina e alcune zone della Russia. La varietà cinese vanta benefici per la salute unici ed era usata nella medicina tradizionale cinese nel trattamento di infezioni e infiammazioni. Inoltre, c'è motivo di credere che questa Scutellaria abbia valide proprietà antivirali ed antimicotiche.

LA SCUTELLARIA E L'ANSIA

La Scutellaria E L'ansia

L'ansia è una sensazione di preoccupazione o paura che può attenuarsi con il tempo oppure persistere fino a diventare cronica. Ognuno di noi conosce bene cosa significa essere preoccupati, magari per una scadenza imminente o per motivi familiari, eppure condizioni come il disturbo d'ansia generalizzato possono favorire l'insorgere quotidiano di tali sensazioni fino a farle diventare la normalità. Anche senza questa diagnosi, l'odierno stile di vita frenetico è sufficiente a mandare in tilt il riflesso lotta-o-scappa del corpo.

Per fortuna, esistono diversi alleati nel mondo vegetale in grado di affievolire queste sensazioni d'ansia, regalando al consumatore momenti di pace e rilassamento. Nel caso della Scutellaria, i fiori messi in infusione sono in grado di stimolare il rilascio di neurotrasmettitori, migliorando così l'umore.

Un articolo scientifico dal titolo "Phytochemical and biological analysis of Skullcap (Scutellaria lateriflora L.): A medicinal plant with anxiolytic properties" ("Analisi fitochimica e biologica della Scutellaria lateriflora L.: una pianta officinale dalle proprietà ansiolitiche") dà una descrizione di come la Skullcap aiuti ad alleviare l'ansia.

Gli autori attribuiscono le proprietà ansiolitiche ad alcuni composti presenti nella Scutellaria americana, ossia i flavonoidi baicalina e baicaleina. Secondo lo studio, questi composti si legano al recettore GABA-A al posto del benzodiazepine, affievolendo così l'ansia.

LA SCUTELLARIA E LO STRESS

Nonostante stress e ansia siano inestricabilmente legati fra loro, lo stress è considerato essere la reazione ad una minaccia mentre l'ansia la reazione allo stesso stress. Le differenze nelle definizioni ed nei sintomi possono risultare poco chiare, tuttavia la Scutellaria sembra dare aiuto su entrambi i fronti.

Uno studio intitolato "American Skullcap (Scutellaria lateriflora): a randomised, double-blind placebo-controlled crossover study of its effects on mood in healthy volunteers" ("Scutellaria lateriflora americana: uno studio incrociato, randomizzato, in doppio cieco e controllato con placebo degli effetti della pianta sull'umore di volontari sani") ha esaminato la somministrazione della Scutellaria americana su una popolazione di volontari lievemente affetti da ansia.

Ai 43 partecipanti sono state somministrate tre dosi giornaliere della pianta (350mg per dose) oppure dei placebo. Alla fine delle due settimane di test, i partecipanti a cui era stata somministrata la Scutellaria mostravano miglioramenti significativi nei disturbi dell'umore.

POSSIBILE DIMUNUZIONE DEL RISCHIO DI MALATTIE CARDIACHE

Possibile Dimunuzione Del Rischio Di Malattie Cardiache

Anche se molti studi sono stati condotti su ratti, la ricerca mostra che i composti presenti nella Scutellaria possono aiutare a ridurre il rischio di malattie cardiache. L'articolo dal titolo "Baicalein protects isoproterenol induced myocardial ischemic injury in male Wistar rats by mitigating oxidative stress and inflammation" ("La baicaleina protegge i ratti Wistar dai danni derivanti da ischemia miocardica indotta da isoproterenolo, mitigando lo stress ossidativo e l'infiammazione") si è concentrato nello specifico sulla baicaleina.

Durante lo studio, ai soggetti è stata somministrata baicaleina per via orale per 14 giorni. Al tredicesimo e quattordicesimo giorno, è stato iniettato isoproterenolo (ISO) per indurre lesioni al miocardio. Si è scoperto che il trattamento con baicaleina aveva innalzato i livelli degli enzimi antiossidanti difensivi. Dai risultati dello studio, gli autori hanno dedotto il potenziale cardioprotettivo della baicaleina e, quindi, della Scutellaria.

POSSIBILE INIBIZIONE DELLA CRESCITA DI CELLULE CANCEROGENE

La ricerca mostra che l'estratto di Scutellaria potrebbe rallentare e addirittura arrestare la crescita di alcuni tipi di cellule cancerogene, secondo uno studio pubblicato sull'International Journal of Molecular Medicine (Rivista Internazionale di Medicina Molecolare).

Questo studio si è concentrato sulla scutellareina, estratta dalla Scutellaria americana. Si è constatato che l'estratto diminuisce il tasso di proliferazione delle cellule di fibrosarcoma umano attraverso il processo della apoptosi. L'apoptosi è definita semplicemente come la normale e controllata morte delle cellule di organismi viventi durante la loro intera vita. Gli autori affermano che "in conclusione, i nostri dati suggeriscono che la scutellareina ha la capacità di attenuare la crescita del fibrosarcoma ed inibire la metastasi delle cellule cancerogene".

ASSUNZIONE DELLA SCUTELLARIA

Assunzione Della Scutellaria

Come accade per numerose cure a base d'erbe, è possibile assumere la Scutellaria in molte forme diverse. Tra queste troviamo tintura, infusi e capsule.

Per preparare una tintura, mettere in un vasetto mezza tazza di foglie di Scutellaria essiccate e coprire il tutto con della vodka 100 proof (approssimativamente 50 gradi). Lasciare in infusione per circa 6 settimane, agitando quotidianamente.

È bene acquistare la Scutellaria solo da fonti affidabili e credibili, visto che recentemente il mercato sembra esser stato invaso da prodotti di scarsa qualità. Tra questi, varietà mischiate a camedrio, un tipo di pianta nota per causare problemi al fegato.

È importante tener presente che la Scutellaria potrebbe interagire con alcuni farmaci e potrebbe essere pericolosa se ingerita da individui con condizioni fisiche particolari. È bene consultare sempre il proprio medico prima di provare nuove cure.

Il dosaggio consigliato di Scutellaria americana in forma essiccata è di 1-2g fino a 3 volte al giorno. Sebbene le tinture possono variare ampiamente in intensità e potenza, si consiglia un dosaggio di 2-4ml di tintura per 3 volte al giorno. È bene appurare quale sia il dosaggio appropriato prima di provare una forma nuova di assuzione della Scutellaria

Luke Sumpter

Scritto da: Luke Sumpter
Luke Sumpter è un giornalista basato nel Regno Unito, specializzato in salute, medicina alternativa, erbe e terapie psichedeliche. Ha scritto per media come Reset.me, Medical Daily e The Mind Unleashed, coprendo queste ed altre aree.

Scopri i nostri scrittori

Relativi Prodotti