Oltre ai Cannabinoidi: Flavonoidi, Terpeni e Terpenoidi della Cannabis

Pubblicato :
Categorie : BlogCannabis

Oltre ai Cannabinoidi: Flavonoidi, Terpeni e Terpenoidi della Cannabis

Ciascuna varietà ha aromi ed effetti specifici. Queste caratteristiche uniche non sono solamente il risultato dell'azione dei cannabinoidi, ma derivano anche da alcune altre molecole, meno conosciute: flavonoidi, terpeni e terpenoidi.

Alcune varietà sono più sedative, altre energetiche, talune sono in grado di elevare il vostro spirito trasportandolo nella terra dell'euforia, talaltre sono in grado di riversare una marea di ispirazione nella vostra testa e altre ancora vi offrono un po' di tutto ciò. Ma non sono solo i cannabinoidi i responsabili per tutti questi differenti effetti: molecole meno conosciute come i flavonoidi e i terpenoidi giocano un ruolo fondamentale dal punto di vista dell'aroma complessivo e dell'effetto di ciascuna varietà.

Spesso, la qualità generale di una varietà si misura in termini di livello di THC e, naturalmente, con un paio di boccate di erba di qualità ricca di THC si può arrivare molto in alto. Ma si tratta di un approccio alla questione troppo concentrato su un solo aspetto, il THC in questo caso. La stessa osservazione la si può fare dal punto di vista farmacologico, dove permane l'ossessione per il "principio attivo", in senso generale: che si tratti di THC o di vitamina C, la maggior parte delle ricerche dell'ultimo secolo sono state tutte tese all'isolamento delle componenti attive, estrapolandole dal loro ambiente naturale. Ed esistono delle buone ragioni per questo atteggiamento: è la chiave per la produzione di dosaggi e prodotti standard più affidabili e di qualità. La ricerca è più facile, quando ruota intorno ad un solo composto, escludendo l'insieme dei sistemi naturali complessi. E, infine, isolare i principi attivi permette di seguire procedimenti che potrebbero rivelarsi redditizi, molto più difficili da perseguire attraverso una preparazione più naturale.

Tutti concordano sul fatto che una buona cima vale molto più del suo livello di THC. A questo punto, i cannabinoidi sono ormai arcinoti e il CBD ha ottenuto il suo ruolo di secondo "principio attivo", in ordine di importanza. Ma ciò che questo tipo di approccio non rivela è che una "buona fumata" dipende molto più dal complesso equilibrio di tutti gli ingredienti, piuttosto che dalla singola percentuale di un composto isolato. Ciò è particolarmente vero nel caso di piante complesse come la Cannabis, in grado di produrre oltre 220 composti. Tra questi, 85 sono cannabinoidi, mentre altri 120 sono i cosiddetti terpeni ed una ventina circa rappresentano i flavonoidi.

Cosa sono i flavonoidi?

Il profumo ed il sapore che caratterizzano una varietà di Cannabis sono determinati, in parte, dai suoi flavonoidi, ovvero dalle molecole aromatiche. Alcuni flavonoidi, come quercetina, luteolina e kempferolo, sono naturalmente presenti in numerose piante. Ma flavonoidi presenti unicamente nella Cannabis sono quelli conosciuti come cannaflavine e non solo profumano, ma sono anche farmacologicamente attivi. Ad esempio, la cannaflavina A si è rivelata utile nella riduzione delle infiammazioni tramite l'inibizione della molecola infiammatoria PGE-2 ed è 30 volte più efficace dell'aspirina.

In maniera analoga al CBD, i flavonoidi modulano gli effetti del THC. Attraverso complessi meccanismi biochimici, i flavonoidi interagiscono con diverse parti del corpo. Alcuni interagiscono con i recettori degli estrogeni, altri agiscono come potenti antiossidanti o inibiscono i processi enzimatici.

Che cosa sono i terpeni e i terpenoidi?

I terpeni sono presenti in maniera naturale e in abbondanza tanto negli esseri umani quanto in piante ed animali, spesso con azione antiparassitaria. Analogamente ai flavonoidi, anche i terpeni sono in grado di scaturire aromi e sapori molto forti. I terpeni sono molecole volatili che evaporano facilmente e contribuiscono a creare il profumo delle cime. La ricerca ha scoperto che i terpeni hanno proprietà psicoattiva e contribuiscono, inoltre, a generare l'effetto complessivo di una varietà. Manifestano un'ampia gamma di effetti, inclusi quelli sedativi, ansiolitici, antinfiammatori, e molti altri. Forse stupirà sapere che fino al 30% del fumo della Cannabis è composto da terpeni e terpenoidi.

La differenza tra terpeni e terpenoidi sta nel fatto che i terpeni sono idrocarburi semplici, mentre i terpenoidi sono costituiti da gruppi funzionali addizionali. In natura, gli idrocarburi semplici, come i terpeni, rappresentano spesso i costituenti principali di molte molecole composite, come gli steroidi, i pigmenti e le vitamine. Nella Cannabis, i terpeni e il THC condividono un precursore biochimico, il geranil pirofosfato, che si sviluppa all'interno delle ghiandole resinose delle piante e, quindi, evolve in cannabinoidi e terpeni.

Come molti altri fiori e piante dall'odore molto forte, la Cannabis produce questi terpeni per attirare gli insetti "amici" e per allontanare i predatori. Diversi fattori, fra cui clima, condizioni meteorologiche, livello di maturazione della pianta, fertilizzanti utilizzati, tipologia del suolo in cui cresce la pianta e, anche, durata della fase diurna, hanno una certa influenza sulla produzione di terpeni in una pianta.

La grande varietà di aromi delle diverse qualità di Cannabis è davvero impressionante, ma la proprietà più affascinante dei terpeni è la loro capacità di interagire con gli altri principi attivi della pianta. I terpeni sono in grado di modificare la quantità di THC che passerà attraverso la barriera emato-encefalica. Ma la loro influenza riesce ad arrivare talmente lontano da riuscire a regolare l'azione dei neurotrasmettitori, come la generazione di dopamina e serotonina, alterando il loro grado di produzione e decomposizione, il loro movimento e la disponibilità dei recettori.

Mentre oltre un centinaio fra terpeni e terpenoidi sono stati identificati all'interno della Cannabis, noi andremo a proporvi qui di seguito i più importanti fra questi. Vi proponiamo, dunque, un breve elenco di terpeni, con il loro aroma e i loro effetti benefici.

Borneolo

Aroma: Mentolo aromatizzato, canfora.
Effetti: Sedativo, calmante.
Valore medico: Applicato dalla medicina tradizionale cinese per la terapia moxa e per ridurre lo stress.
Reperibile anche in: Cannella, galanga e assenzio.
Varietà con elevati livelli di Borneolo: The Church, Diamond Girl, Green-o-matic.

Carene

Aroma: Cedro dolce, pungente.
Effetti: Sconosciuti.
Valore medico: In aromaterapia viene utilizzato per assorbire liquidi in eccesso, lacrime, naso che cola, flusso mestruale abbondante e sudore.
Anche reperibile in: Cedro, pino, rosmarino.
Varietà con elevati livelli di Carene: El Niño, Lemon Skunk, King’s Kush.

Cariofillene

Aroma: Caldo, dolcemente speziato, legnoso.
Effetti: Sconosciuti.
Valore medico: Antinfiammatorio e analgesico. In dosi elevate agisce come bloccante del canale ionico di potassio e calcio. Si tratta di uno dei composti che contribuiscono alla speziatura del pepe nero.
Anche reperibile in: Pepe nero, luppolo, lavanda, rosmarino, chiodi di garofano, origano.
Varietà con elevati livelli di Cariofillene: Arjans Haze #2, Super Silver Haze, Nevilles Haze

Eucaliptolo

Aroma: Menta aromatizzata, canfora.
Effetti: Centrante, equilibrante e stimolante.
Valore medico: Utilizzato come calmante della tosse. Come antibatterico viene utilizzato sotto forma di collutorio o polvere per il corpo.
Anche reperibile in: Rosmarino, salvia, assenzio romano, tea tree, canfora, alloro.
Varietà con elevati livelli di Eucaliptolo: Kings Kush, ChemDawg, Bubba Kush.

Limonene

Aroma: Agrumi aspri (limone, arancia, pompelmo).
Effetti: Edificante, rinfrescante.
Valore medico: Antibatterico, anti-micotico, anti-cancerogeno. Migliora l'umore.
Anche reperibile in: Agrumi, rosmarino, menta piperita.
Varietà con elevati livelli di Limonene: OG Kush, Damn Sour, Diamond Girl, Super Lemon Haze, Jack the Ripper, Lemon Skunk.

Linalolo

Aroma: Dolcemente floreale, agrumi, dolciumi.
Effetti: Edificante e sedativo.
Valore medico: Aiuta a combattere l'ansia e a migliorare l'umore.
Anche reperibile in: Oltre 200 piante producono linalolo, fra cui la lavanda, la menta, il palissandro, gli agrumi, la betulla e, inoltre, alcuni funghi.
Varietà con elevati livelli di Linalolo: Amnesia Haze, Grape Ape, G-13, Lavender, Deep Purple, LA Confidential

Mircene

Aroma: Dolcemente fruttato, vegetazione verde, tropicale, terroso.
Effetti: Sedativo e rilassante.
Valore medico: antimicrobico, antisettico, analgesico, antiossidante, anti-cancerogeno. Migliora l'umore.
Anche reperibile in: Mango, luppolo, citronella, timo, guaiava, alloro dell'India Orientale, verbena e mircia.
Varietà con elevati livelli di Mircene: White Rhino, Sweet Mango Auto, K. Train, El Niño, Skunk #1, White Widow

Pinene

Aroma: Pino.
Effetti: Concentrazione mentale, prontezza di riflessi, stimolante della memoria. Contrasta alcuni degli effetti del THC.
Valore medico: Broncodilatatore, aiuta a combattere l'asma, agisce come antisettico, antibiotico e repellente per gli insetti.
Anche reperibile in: Aghi di pino, rosmarino, basilico, prezzemolo, aneto.
Varietà con elevati livelli di Pinene: Trainwreck, Cheese, ChemDawg, Super Critical, Jack Herer, Bubba Kush, Super Silver Haze

Terpineolo

Aroma: Dolcemente floreale, agrumi, lillà.
Effetti: Forte rilassamento fisico, probabile responsabile del blocco da divano.
Valore medico: Sconosciuto.
Anche reperibile in: Fiori di melo, arancio.
Varietà con elevati livelli di Terpineolo: Money Maker, White Rhino, Superbud