Cosa Significa La Sigla OG?

Pubblicato :
Categorie : BlogCannabis
Ultima modifica :

OG Kush


La OG Kush è attualmente la varietà di Cannabis più popolare al mondo, ma vi siete mai chiesti cosa significa la sigla OG? Cos'è esattamente la OG Kush? Analizziamo insieme questa misteriosa varietà Kush e le sue origini.

La OG Kush è salita fino alla cima della piramide delle migliori genetiche di marijuana. Era dal 1980, quando entrò in scena la Skunk No.1, che non si vedeva una varietà di Cannabis così speciale raggiungere un successo commerciale così grande, senza per questo compromettere la sua fama e popolarità.

Cerchiamo di svelare i segreti e le misteriose origini di queste due genetiche e dei loro nomi, mettendo in luce ciò che si nasconde dietro il successo della OG Kush.

L'ESEMPIO PIÙ RAPPRESENTATIVO

Assaporare una canna o un "blunt" ben girato di OG Kush è un'esperienza unica. Le sfumature aromatiche di questa particolare varietà Kush si distinguono a diversi metri di distanza. L'aspetto, gli odori e il suo potente "high" rendono questa varietà uno standard di qualità a cui molti di noi puntano.

Le cime resinose sono estremamente compatte. Il loro colore ricorda una pallida luce al neon verde, con riflessi quasi offuscati da una spessa glassa di cristalli, capaci di ipnotizzare lo sguardo di tutti gli stoner. Una miscela di profumi di gasolio, limone e pino che inebria profondamente le narici di chi la annusa. Al tatto, risulta molto compatta e se si prova ad ascoltare con attenzioni, si può quasi sentire una vocina sussurrare: "Ehi amico! Fumami, fumami!".

Per quanto riguarda gli effetti, la OG Kush è difficile da superare. I livelli di THC superiori al 20% posizionano la OG Kush tra le varietà di Cannabis per veri appassionati.
Effetti profondamente corporei, intensi sapori vecchia scuola e fedeltà alle sue origini Kush, una varietà di Cannabis per veri intenditori.

 

 

OG Kush buds

 

Sprigiona inoltre note speziate e al limone.

Gli effetti che provoca sono estremamente complessi e possono variare da individuo ad individuo, in quanto la natura stessa della Cannabis tende a colpire i consumatori in modo diverso. Tuttavia, per quanto prevalga apparentemente la genetica Indica, il suo "high" viene anche influenzato dai geni Sativa.

L'esperienza che offre è sia mentale che corporea e si avverte dopo pochi istanti, un dettaglio da prendere in considerazione se non l'avete mai provata e un incentivo in più per provarla se siete stoner esperti.

Questa potente combinazione di "high" cerebrale e stimolante con effetti corporei e rilassanti riesce a provocare un "blocco-divano" da non sottovalutare, capace di mettere k.o. anche gli stoner più esperti.

Molti fenotipi/cloni, incroci ibridi e altre versioni Kush sono oggi disponibili sul mercato internazionale, ma nulla è paragonabile alla straordinaria ed originale OG. L'imitazione, d'altronde, è la più grande forma di adulazione.

ORIGINI: LUOGHI SCONOSCIUTI

L'esatto lignaggio genetico della OG Kush è ancora avvolto nel mistero. Tuttavia, potremmo affidarci ad una teoria secondo la quale si tratterebbe di un ibrido piuttosto instabile di Chemdawg e Lemon Thai X Old World Pakistani Kush, la cui instabilità dà origine a fenotipi diversi.

Flowering OG Kush

Purtroppo, non siamo in possesso di prove concrete per sostenere queste tesi folkloristiche sulle origini della OG Kush. Non ci resta che valutare le poche informazioni che abbiamo.

La Chemdawg è un'altra leggendaria varietà. Pur tralasciando le sue possibili origini, la sua qualità potrebbe spiegare le cime strette e compatte ed i profumi di gasolio, accompagnati da sfumature di limone, della OG Kush. Inoltre, il suo "high" stimolante e Sativa potrebbe anche spiegare la sua discendenza da una Lemon Thai X Old World Pakistani Kush.

L'unica cosa che sappiamo di certo è che questa straordinaria varietà fu creata in California durante la metà degli anni '90, diffondendosi rapidamente nel resto degli Stati Uniti e, successivamente, in tutto il mondo.

COSA POTREBBE NASCONDERE IL SUO NOME? LA TESI DELL'OCEAN GROWN KUSH

A metà degli anni '90, due coltivatori californiani di Cannabis misero le mani su un'erba dalla qualità eccezionale. Le prime considerazioni furono "questi sapori possono provenire solo dalle montagne in cui cresce la Kush" (presumibilmente, notando le sfumature di limone di genetiche Thai e l'influenza di una Pakistani Kush). Questa prima considerazione fu prontamente ribattuta, affermando "secondo me si tratta di una genetica coltivata nelle zone oceaniche [ocean-grown]". A quanto pare, questo potrebbe essere l'esordio della storia della OG Kush.

Per cui, se guardiamo i fatti e proviamo ad usare un po' di buon senso, senza saltare a conclusioni affrettate, potremmo prendere per plausibile questa tesi.

Big Buddha Cheese  

I nomi di molte varietà di Cannabis provengono da luoghi misteriosi e situazioni bizzarre. Tuttavia, sono quasi sempre i nomi più semplici, quelli ispirati a banali aneddoti di vita quotidiana, a diventare leggenda.

La Skunk No.1 ha dato origine a innumerevoli ibridi e ad alcuni dei fenotipi più speciali del mondo, anch'essi diventati leggenda per le loro qualità. La "Cheese" è forse l'esempio più rappresentativo di fenotipo Skunk No.1, così pregiato e diverso dall'originale da diventare una varietà a sé stante.

Così semplice, inebriante e pregiata, la Cheese è tuttora l'erba più popolare del Regno Unito e dell'Irlanda. Se pensiamo alla OG Kush in questi termini, considerandola una varietà amata dai consumatori d'erba delle zone del Pacifico, allora avrebbe senso considerarla una Kush coltivata sull'oceano, "Ocean Grown".

LA TESI DEL TERMINE ORIGINAL GANGSTER KUSH

La sigla OG riferita a "Original Gangster" rientra nella terminologia hip-hop, un'altra possibile spiegazione del nome dell'OG Kush. La California, in modo particolare Los Angeles, è la patria del Gangster Rap di Nashville, un movimento hip-hop che esplose, casualmente, negli stessi anni dell'uscita della Kush, ad inizio anni '90.

L'influenza culturale dello stato della California non può essere sottovalutato. Inoltre, è possibile che i primi pionieri Kush della Valle di San Fernando fossero i leggendari Cypress Hill, i primi a battezzare un loro particolare clone Kush "Original Gangster Kush", per il suo suono particolarmente "cool".

Gli episodi più bizzarri e le vicende misteriose rendono questa storia ancora più interessante. Tuttavia, gran parte degli stoner sono indifferenti al vero significato della sigla OG, ciò che realmente interessa è che la OG Kush colpisce con una potenza esplosiva!

IL FUTURO DELLA OG KUSH

OG Kush Rocket

Tutti i dispensari autorizzati degli Stati Uniti hanno nel proprio menù una varietà OG Kush o un suo derivato. Quando a novembre verrà legalizzata la marijuana ricreativa in California, ci aspettiamo una coltivazione ed un consumo massivo di OG Kush.

La OG Kush ha conquistato anche il mercato europeo, principalmente in forma di seme. Tutte le banche del seme più famose hanno nel proprio catalogo una OG Kush, affiancata da almeno una mezza dozzina di suoi incroci ibridi. I coltivatori "domestici" europei che hanno scoperto i piaceri della OG Kush stanno contribuendo alla creazione di altrettanti fenotipi, da cui nasceranno nuove generazioni di ibridi.

         
  Top Shelf Grower  

Scritto da: Top Shelf Grower
Veterano della coltivazione della Cannabis ed originario di Dublino, Irlanda, oggi vive nel sud della Spagna. Impegnato nella diffusione delle sue recensioni, fino a quando non verrà catturato o ucciso.

 
 
      Scopri i nostri scrittori  

Relativi Prodotti