Nuovo studio: Il

Published :
Categories : BlogCannabis

Nuovo studio: Il

Il "dabbing" è al centro di una controversia: c'è qualcuno che lo ama, e qualcuno che lo ritiene una materia pericolosa. Oggi un nuovo studio sta chiarendo la situazione intorno a questo particolare modo di fumare: il dabbing è sicuro.

Lo studio, intitolato "Un nuovo metodo di consumare Cannabis: i pericoli del dab?", giunge alla conclusione che praticare il dabbing "non crea alcun problema o rischio in più rispetto ad altri modi di usare i fiori di Cannabis". Tuttavia, viene anche sottolineato che il dab "porta ad una maggiore tolleranza ed assuefazione (come definito dai partecipanti alla ricerca), lasciando presumere che questa pratica potrebbe portare ad una maggiore insorgenza di sintomi quali dipendenza".

Il dabbing rappresenta una tendenza piuttosto recente e non abbiamo ancora a disposizione molte informazioni circa la sicurezza di questa pratica. Un "dab" è un concentrato di olio di Cannabis estratto tramite butano che, passando attraverso l'erba, viene accumulato su una superficie calda dove evapora in pochi istanti, lasciando un forte e ricco profumo. Gli estratti di BHO sono molto potenti, anche per i fumatori più esperti, che hanno parlato di un'esperienza molto simile a quella provata durante la prima fumata di Cannabis. E ciò si ripete ogni volta che si pratica il dabbing.

Sembrerebbe che il reale pericolo provocato dal dabbing sia riconducibile, ancora una volta, all'ambiente proibizionista. Inoltre, produrre BHO può essere pericoloso se non lo si fa nella maniera corretta. Come per tutte le medicine, la sua produzione dovrebbe essere affidata alle mani di uno specialista in grado di conoscere rischi e pericoli del processo. Ciò non avviene quando si parla di mercato nero, ed è il motivo per cui la produzione di BHO realizzato in maniera "casalinga" è una delle maggiori cause di incendi domestici.

Analogamente, un altro pericolo reale deriva da una purificazione impropria di BHO. La maggior parte dei fluidi per accendini che vengono applicati durante il processo di estrazione contengono un'ampia gamma di altre sostanze difficilmente eliminabili, e quando ciò non avviene in maniera adeguata, le si ritrova nel prodotto finito. Il BHO richiede un'adeguata purificazione, il modo migliore sarebbe quello di utilizzare un evaporatore sottovuoto (il cui costo è piuttosto contenuto). Il BHO purificato in maniera errata è pericoloso e non andrebbe mai consumato.

Un secondo punto della questione riguarda il fatto che il dabbing rispecchia l'immagine diffusa che circola intorno alla Cannabis. I suoi fiori sono sempre stati visti come un qualcosa di innocente, mentre un concentrato dall'aspetto catramoso e appiccicoso non simboleggia più qualcosa di innocuo. L'aspetto di una sostanza, naturalmente, non dovrebbe essere indice della sua potenza o della sua tossicità, ma di fatto gli oppositori della Cannabis non hanno mai tenuto in considerazione questo aspetto, anzi.

comments powered by Disqus