Metodi per concentrare ed aumentare i livelli di alcaloidi

Published :
Categories : BlogColtivare CannabisSostanze psichedeliche

Metodi per concentrare ed aumentare i livelli di alcaloidi

I cactus sono bellissime piante, da avere intorno e da ammirare nel paesaggio. Ma se siete più interessati al loro contenuto di alcaloidi, ci sono un paio di cose che potreste fare per aumentarne

I cactus producono questi alcaloidi come meccanismi di difesa contro eventuali fattori di stress, pertanto è possibile innalzarne il livello applicando stress esterni controllati.

Stressare dall'esterno i vostri cactus potrebbe rivelarsi un terreno minato lungo cui muoversi: stressarli in maniera eccessiva potrebbe risultare fatale. Va notato, inoltre, che i cactus hanno un metabolismo lento, tanto che potrebbero aver bisogno di un'intera stagione di crescita prima di raggiungere contenuti di alcaloidi apprezzabili. Vi proponiamo qui di seguito alcuni metodi per innalzare gli alcaloidi del cactus ad un livello superiore.

Privazione di acqua

Si tratta, probabilmente, del metodo più comune per spingere la produzione di alcaloidi. I cactus possono essere privati d'acqua per poterli sottoporre a stress e, quindi, incrementarne i livelli di alcaloidi. Alcune testimonianze suggeriscono di non bagnare affatto i cactus per un'intera stagione, prima che si generi una grande spinta produttiva.

Ombra

Si ritiene che far vivere il vostro San Pedro in un luogo completamente all'ombra (ma non nell'oscurità) per qualche mese possa servire a spingere la concentrazione di alcaloidi presenti.

Sole

Un'esposizione troppo prolungata dei cactus alla luce solare può provocare una scottatura delle piante. Si tratta di uno stress estremo, ma bisogna sottolineare che una scottatura potrebbe rivelarsi fatale per il cactus. Potreste provare a tenere per qualche ora al giorno un paio di cactus alla luce diretta del sole, per osservare come si comportano prima di sottoporre a questo tipo di stress tutta la vostra piantagione.

Calore

Esporre i cactus a livelli eccessivi di calore (oltre i 35 gradi Celsius) per periodi di tempo prolungati può provocargli stress in grado di aumentarne i livelli di alcaloidi. Ancora una volta, fate attenzione a non esagerare.

Nutrimento

Un apporto extra di azoto potrebbe essere utile per il cactus, al fine di potenziarne la concentrazione di alcaloidi. Un eccesso di azoto può, infatti, spingere l'acqua all'esterno del cactus, provocando uno stress. Fate però attenzione: livelli troppo elevati di azoto possono causare bruciature da eccessi nutrizionali.

Doping chimico

Ricerche recenti hanno messo in luce come, aumentando i livelli dei precursori degli alcaloidi all'interno dei cactus, si possa provocare un aumento significativo e rapido del livello effettivo degli alcaloidi stessi. Il principale precursore, probabilmente il più interessante, è la dopamina, che viene trasformata dal San Pedro in mescalina. È possibile creare una soluzione di dopamina ed iniettarla all'interno di un cactus, prima della raccolta, in modo da spingere i livelli della mescalina.

Qui di seguito vi mostriamo come fare:

1. Non bagnate il vostro cactus per due settimane, prima di effettuare il doping.

2. Preparate una soluzione satura di dopamina a base libera con una soluzione di acido cloridrico 0.5 N. Se non poteste reperire la dopamina, è possibile usare una miscela di tiramina e di-idrossifenilalanina (dopa), che il cactus convertirà in dopamina.

3. Mettere 5cc di soluzione in una siringa.

4. Iniettate metà del contenuto della siringa sotto la pianta, nella zona circostante le radici. Iniettate l'altra metà nel tessuto verde alla base del cactus e in altri punti lungo lo stelo. Procedete lentamente e lasciate qualche istante l'ago nel tessuto per permettere un completo assorbimento della soluzione.

5. Attendete 4-8 settimane affinché la dopamina possa venire trasformata in mescalina dal cactus.

6. Il cactus, a questo punto, può essere raccolto, oppure potete ripetere nuovamente il procedimento di doping per aumentare ulteriormente il contenuto di alcaloidi.

Ed ecco fatto! Avete ora tutti gli strumenti conoscitivi necessari per diventare a pieno titolo un coltivatore di cactus!

comments powered by Disqus