Lievito: Il futuro della coltivazione della Cannabis?

Pubblicato :
Categorie : BlogCannabisColtivare Cannabis

Lievito: Il futuro della coltivazione della Cannabis?

Quando si parla di Cannabis, nulla batte la pianta stessa. Tuttavia, gli scienziati hanno scoperto un nuovo modo di produrla in laboratorio attraverso lo lievito, aprendo la strada ad un'infinità di nuove possibilità.

Giunge dagli scienziati tedeschi una curiosa novità: hanno geneticamente modificato, con successo, una varietà di lievito in grado di produrre THC come sottoprodotto. Lo lievito è un tipo di batterio che viene spesso utilizzato per cucinare e per la produzione di alcool. Tuttavia, negli ultimi anni, sono state scoperte nuove ed interessanti applicazioni, tra cui l'uso dello lievito per la produzione di sostanze oppiacee più pulite.

Per ora, la produzione di THC dallo lievito rimane un'operazione piuttosto complicata, dal momento che ciò deve avvenire in condizioni molto precise. Senza considerare che la quantità di THC prodotta è davvero molto ridotta. Nonostante ciò, si tratta comunque di un passo avanti, e ci si augura che questa nuova varietà di lievito possa diventare realmente efficace, in futuro, nella produzione di THC a scopi sia di ricerca che medici.

Sebbene possa sembrare piuttosto ovvio, la Cannabis è la fonte migliore e più abbondante di THC, i medicinali da prescrizione che lo contengono si basano prevalentemente su componenti isolati, piuttosto che su un mix di essi, come avviene in natura nella Cannabis. Il THC prodotto in laboratorio è già una realtà, ma questo nuovo metodo potrebbe migliorarne esponenzialmente l'efficacia, rendendo i medicinali a base di Cannabis molto più semplici. Gli scienziati che stanno dietro a questa scoperta, si augurano di riuscire a perfezionare il loro metodo tanto da arrivare a surclassare le stesse piante di Cannabis.

FARMACEUTICA O TOTALE ROVINA

È una triste realtà della nostra società contemporanea. Nonostante la Cannabis sia economica e facile da coltivare, facilmente reperibile, dall'elevato valore benefico, i governi continuano a preferire i prodotti farmaceutici. Per questo motivo, in qualche modo, potreste vedere questa novità sugli lieviti come una cattiva notizia, in quanto aumenta la presa delle case farmaceutiche sul dibattito intorno alla legalizzazione.

Tuttavia, questa forma di produzione di THC molto più tollerata potrebbe rendere il principio attivo più accessibile a coloro che lo ricercano, migliorando la nostra conoscenza sui cannabinoidi, e su ciò che sono in grado di fare o meno: quindi potremmo addirittura considerarla una buona occasione per il movimento pro-legalizzazione.

Ad ogni modo, una cosa è sicura: i cannabinoidi hanno un futuro all'interno della medicina moderna. Fortunatamente, l'ondata di legalizzazione continuerà a diffondersi in tutto il mondo, ma anche se il proibizionismo dovesse continuare a tenere le fila in alcuni Paesi, i farmaci a base di Cannabis sono qui per rimanerci, soprattutto ora che la loro produzione sta diventando sempre più facile.