Le sostanze psichedeliche non sono collegabili a problemi di salute mentale

Pubblicato :
Categorie : BlogScienzaSostanze psichedeliche

Le sostanze psichedeliche non sono collegabili a problemi di salute mentale

Esiste da tempo un acceso dibattito sull'eventualità che l'LSD ed altre sostanze psichedeliche possano causare, alla lunga, problemi di salute psichica. Oggi la ricerca inizia a sostenere ciò che sapevamo ormai da tempo, ovvero che non è così!

Esiste da tempo un acceso dibattito sull'eventualità che l'LSD ed altre sostanze psichedeliche possano causare, alla lunga, problemi di salute psichica. Oggi la ricerca inizia a sostenere ciò che sapevamo ormai da tempo, ovvero che non è così!

Recenti ricerche indicano che consumando una delle droghe psichedeliche più comuni al mondo, la psilocibina (ovvero funghi magici e l'LSD), non si aumenta il rischio di sviluppare un disordine mentale. Infatti, l'uso di sostanze psichedeliche ha dimostrato di avere un forte legame con la riduzione dei problemi di salute!

Su un campione di 130.000 soggetti presi in esame e in modo casuale, 22.000 di questi avevano fatto uso di psichedelici.

I numeri qui riportati sono stati rilevati dal team di ricercatori della Norwegian University of Science and Technology, che analizzò i dati messi a disposizione dal US National Survey on Drug Use and Health (Sondaggio Nazionale Statunitense su Uso di Droga e Salute). Avendo preventivamente studiato le possibili implicazioni dell'uso di sostanze psichedeliche durante il trattamento di patologie mediche, il secondo passo del team norvegese fu quello di investigare ogni possibile effetto collaterale a lungo termine. Ciò che emerse non fu, solamente, l'assenza di un maggiore rischio di malattie mentali, in relazione all'uso di LSD, psilocibina o mescalina, ma, piuttosto, la presenza di possibili benefici associabili a queste sostanze.

Basandosi sui dati emersi dal sondaggio nazionale sull'uso di droghe, è stato rilevato che un americano su sei ha fatto uso di psichedelici. Un ricercatore, a questo proposito, ha scritto: "La mancanza di relazione tra uso di sostanze psichedeliche e indicatori di problemi di salute mentale, sul vasto campione sottoposto al sondaggio, è emersa grazie agli studi clinici in cui LSD ed altri psichedelici sono stati somministrati a pazienti volontari".

Mathew Johnson, uno psicologo coinvolto in un esperimento per testare come, effettivamente, la psilocibina sia d'aiuto nel risolvere i problemi di depressione ed ansia in pazienti malati di cancro, si interessò a questo sondaggio. Ed arrivò ad affermare che: "Pare non sussistano prove che dimostrino un impatto complessivo negativo - ma piuttosto qualche traccia di beneficio - in relazione all'uso di sostanze psichedeliche".

La vera novità: gli psichedelici hanno proprietà benefiche!

Ciò che migliaia di "esploratori della conoscenza" sostengono da tempo sta dimostrando la propria credibilità grazie alle ricerche in corso: l'uso di sostanze psichedeliche non solo è sicuro, ma può addirittura portare ad un'esperienza dagli effetti benefici. Uno studio ha dimostrato che coloro che hanno fatto uso di psilocibina durante la loro vita, hanno ridotto significativamente il rischio di serie malattie mentali rispetto a chi non ha mai fatto uso di funghi psichedelici. Il team di ricercatori non è riuscito a dare delle risposte precise in merito, ma ha potuto ipotizzare che sensazioni di benessere e di una maggiore comprensione generale, riportati da chi ha fatto uso di psichedelici, potrebbero essere parte della soluzione, apportando queste sostanze riduzione dell'ansia e dello stress che solitamente accompagnano i disturbi psichici.

Come ogni studio, anche questo non è da considerarsi impeccabile e perfetto. Dal momento che, in questo caso, si è trattato semplicemente di un'analisi frutto di un sondaggio, esistono molte variabili che potrebbero controbatterlo. Per esempio, i problemi di salute mentali ereditari non sono stati tenuti adeguatamente in considerazione. Tuttavia, i risultati emersi sono positivi e ben auspicanti per future ricerche in questo ambito.

Nella battaglia per l'accettazione degli effetti benefici della droga, il team norvegese è giunto alla conclusione che "non possiamo escludere la possibilità che l'uso di sostanze psichedeliche possa avere effetti negativi sulla salute mentale di alcuni individui o gruppi, ma questi potrebbero, forse, essere controbilanciati dal livello di persone su cui gli effetti benefici prevalgono rispetto agli altri (...). [Tuttavia] recenti studi clinici hanno messo in luce effetti potenzialmente pericolosi e duraturi delle sostanze psichedeliche (...). Altri studi non hanno, invece, riscontrato evidenti problemi di salute o sociali fra le persone che avevano fatto uso di psichedelici, centinaia di volte, durante cerimonie religiose legalmente riconosciute".

Drug Harm Scores

E`necessario approfondire molto la ricerca, in maniera imparziale, sulle sostanze psichedeliche, ma per il momento di una cosa siamo certi: la guerra alle droghe non ha alcuna base scientifica e rappresenta uno dei più grandi crimini contro la libertà di espressione di tutti i tempi.

Bisogna ricordare che le sostanze psichedeliche possono ancora rappresentare un potenziale pericolo, se non affrontate con la dovuta cautela. Bisogna essere sempre sicuri di essere in un ambiente accogliente e privo di pericoli, prima di farne uso.