Le Migliori Erbe Per Preparare Capsule A Casa

Pubblicato :
Categorie : BlogCome si faErbe e Semi

 Erbe Per Preparare Capsule


Le compresse fatte in casa sono un modo facile ed appagante per iniziare ad assumere supplementi alle erbe. La maggior parte delle erbe ivi citate sono state studiate a fondo e hanno mostrato un ampio range di possibili usi.

Per un periodo di tempo incredibilmente lungo, svariati popoli si sono serviti delle erbe come fonte di nutrimento e cure naturali. Anche parecchi animali sono stati osservati mentre cercavano specie vegetali specifiche per ovviare a potenziali patologie.

Diverse regioni del mondo ci regalano una quantità ragguardevole di erbe, ognuna in grado di aiutarci a combattere specifiche condizioni patologiche e contribuire così al mantenimento di un buono stato di salute e all'espletamento ottimale delle funzioni biologiche. Gran parte dei farmaci moderni contiene ingredienti derivati dai costituenti di queste piante.

Per fortuna, grazie al mondo interconnesso in cui viviamo oggi, è facile procurarsi quasi tutte le erbe disponibili sul mercato. Ciò rende possibile l'ingresso della medicina erboristica nelle nostre vite come primo rimedio contro i malanni, ed anche come trattamento per patologie già esistenti.

Avere a disposizione le erbe nella loro forma essiccata e non processata ci dà la possibilità di prepararci le nostre medicine a casa, aumentando così la nostra autosufficienza e competenza. Ci sono molti modi di assumere le erbe e quindi numerosi metodi per trasformarle in medicine.

Preparare degli infusi e mangiarle direttamente crude sono i modi più semplici di assunzione. Creare estratti o olii essenziali è già un procedimento leggermente più complesso che richiede un po' di conoscenza in più e gli strumenti adatti. Ingerire le erbe tramite compresse è un altro modo sicuro e funzionale di assumerle.

PERCHÉ ASSUMERE LE ERBE IN COMPRESSE?

Perché Assumere Le Erbe In Compresse?

Prepararsi le compresse può essere un modo facile, funzionale e semplice per iniziare a prendere domestichezza con i preparati alle erbe. Il procedimento non richiede molto tempo, qualora si disponga dei pochi strumenti necessari.

Assumere le erbe in compresse è conveniente perché, una volta che il primo lotto è stato creato, non richiede ulteriori sforzi. Tutto ciò che serve è un bicchiere d'acqua per mandarle giù; e alcune persone non hanno neanche bisogno di quello!

COME SI PRENDONO LE COMPRESSE ALLE ERBE?

Come Si Prendono Le Compresse Alle Erbe?

Le compresse possono essere conservate a lungo e consumate al momento del bisogno. Molte persone scelgono semplicemente di includerle nella loro routine quotidiana, altre, al contrario, le prendono solo in caso di necessità. Va da sè che ciò dipende anche dal tipo di pianta/e impiegata/e.

Alcune persone sono riluttanti nei confronti delle compresse per il fatto di dover ingerirle intere. Per loro, le compresse possono semplicemente servire come metodo per conservare le erbe senza necessità di un dosaggio. In questo caso, basta svuotare il contenuto delle capsule da assumere in tè, zuppe, frappè o succhi.

COME PREPARARE LE COMPRESSE

Come Preparare Le Compresse

Preparare le compresse è un processo facile e veloce, se si dispone di una macchina per compresse. Tale macchina permette di produrre un gran quantità di compresse in poco tempo. È necessario disporre anche di alcune compresse vuote di dimensioni compatibili con la macchina in uso.

Per massimizzare la quantità di erbe contenuta in una compressa va impiegato un preparato in polvere. È possibile acquistare le erbe direttamente in polvere, oppure si possono polverizzare le foglie essiccate con un macinino per erbe.

Il primo passo consiste nel collocare le semi-compresse negli appositi spazi vuoti della macchina per compresse. Dopodiché, si mette la giusta quantità di erba in polvere nella macchina versandola nelle compresse aperte.

Quindi, si congiunge l'altra parte della macchina recante le seconde metà delle compresse. Il primo lotto è stato così creato. Scaricare le compresse in una bottiglia etichettata e ricaricare la macchina per il prossimo lotto.

LE ERBE MIGLIORI DA USARE

Ci sono molte erbe tra cui scegliere per preparare le proprie compresse, e ognuno ne preferirà alcune ad altre. Di seguito vi presentiamo alcune di queste erbe che noi riteniamo essere le più utili e stuzzicanti.

VALERIANA

Valeriana

La Valeriana volgarmente detta è una pianta a fiore perenne appartenente al genere Valeriana della famiglia delle Caprifoliaceae. La pianta può raggiungere i 150cm di altezza, esibisce fiori rosa o bianchi ed è indigena dell'Europa e dell'Asia. Il nome della pianta deriva dal verbo latino "valere", che significa essere forti e sani.

La Valeriana ha al suo interno numerosi meccanismi d'azione, responsabili di effetti sedativi ed antisettici dovuti ad una manciata di componenti biochimici della pianta. Questi includono alcaloidi, sesquiterpeni e flavononi.

Grazie alle sue proprietà sedative, la Valeriana è usata tradizionalmente in combinazione con altre erbe per contrastare disturbi del sonno come l'insonnia. Ci sono prove scientifiche che la Valeriana può aiutare su questo frangente.

Altre applicazioni tradizionali includono rimedi contro l'ansia, lo stress psicologico, mal di testa, emicrania, disturbi allo stomaco, depressione, tremori leggeri, epilessia, ADHD e fatica cronica. Il fatto che la Valeriana sia stata usata per trattare questi disturbi non implica necessariamente che ci siano riscontri scientifici a supporto della sua efficacia.

AFRICAN DREAM ROOT

African Dream Root

La African Dream Root, conosciuta anche con il nome scientifico Silene capensis (o undulata), appartiene al genere Silene della famiglia delle Caryophyllaceae. La pianta ha vita breve ed è perenne, con fiori che si aprono di notte e si chiudono con la luce del sole. La sua radice è stata usata dal popolo Xhosa, originario dell'Africa del Sud, per indurre sogni lucidi.

Infatti, è classificata come oneirogeno, ossia una sostanza capace di condurre il consumatore nelle terre dei sogni lucidi. La parola oneirogeno deriva dai termini greci "oneiros" e "gen" che significano rispettivamente "sogno" e "creare". A quanto si dice, la radice è usata dagli sciamani Xhosa durante i riti d'iniziazione.

Con la dicitura 'sogno lucido' s'intende l'esperienza onirica in cui si è coscienti di star sognando. Durante un sogno lucido, il sognatore è parzialmente sveglio e può controllare il sogno in molti modi diversi. Questa libertà profonda è uno stato mentale affascinante per molti, rendendo la African Dream Root uno strumento speciale per tutti quelli in cerca di lucidità.

DAMIANA

Damiana

La Damiana, anche chiamata Turnera diffusa, appartiene al genere Turnera della famiglia delle Passifloraceae. L'arbusto è indigeno del Texas meridionale, America Centrale, Messico e Caraibi. Questa pianta presenta fiori piccoli, con cinque petali e di un giallo vivo ed intenso.

La Damiana è conosciuta principalmente per il uso come afrodisiaco. I costituenti della pianta sono stati associati ad un rinvigorimento della salute e delle prestazioni sessuali, sia per individui maschi che femmine.

Altri usi tradizionali della Damiana includono il trattamento di mal di testa, enuresi notturna, depressione e costipazione. C'è anche chi sostiene che fumare la Damiana provoca un leggero 'high'.

La Damiana è stata studiata a fondo da diversi gruppi di ricerca, ed è stato trovato che potrebbe migliorare la soddisfazione sessuale e la frequenza degli orgasmi. È stata associata anche alla diminuzione della secchezza vaginale in donne con problemi sessuali.

GINKGO BILOBA

Gingko Biloba

Il Ginkgo biloba appartiene al genere Ginkgo della famiglia delle Ginkgoaceae. La pianta è indigena della Cina, del Giappone e della Corea ed è stata importata anche in Europa e negli Stati Uniti. Il Ginkgo è un albero dalle dimensioni importanti le cui foglie hanno la forma di una pala di ventilatore.

Questa pianta ha guadagnato popolarità grazie ai presunti benefici per la memoria e la cognizione. Ci sono dei riscontri scientifici a favore di queste ipotesi, con degli studi dimostranti che alcuni estratti di questa pianta sono tanto efficaci quanto i farmaci tradizionali in uso per il trattamento dei casi lievi e moderati della mallattia di Alzheimer.

Ulteriori ricerche suggeriscono che il Gingko possa migliorare la capacità di concentrazione e la velocità di pensiero negli adulti sani.

IPERICO

Iperico

L'iperico, conosciuto anche come Hypericum perforatum, appartiene al genere Hypericum della famiglia delle Hypericaceae. La pianta è indigena di alcune zone dell'Europa e dell'Asia ed è una pianta perenne. Ha dei caratteristici fiori gialli dalla forma a stella e può crescere fino ad un metro in altezza.

L'iperico ha guadagnato riconoscimento per la sua capacità di combattere la depressione e l'ansia. Può essere usata anche contro la mancanza di sonno e la perdita dell'appetito. Altri studi suggeriscono che l'estratto di iperico aiuta a migliorare l'umore e diminuire le sensazioni d'ansia.

Luke Sumpter

Scritto da: Luke Sumpter
Luke Sumpter è un giornalista basato nel Regno Unito, specializzato in salute, medicina alternativa, erbe e terapie psichedeliche. Ha scritto per media come Reset.me, Medical Daily e The Mind Unleashed, coprendo queste ed altre aree.

Scopri i nostri scrittori

Relativi Prodotti