La cannabis come trattamento del Disturbo Ossessivo Compulsivo?

Pubblicato :
Categorie : BlogCannabisCannabis terapeutica
Ultima modifica :

cannabis trattamento Disturbo Ossessivo Compulsivo


Non c'è dubbio sui benefici della cannabis medica per diversi disturbi. Chi soffre di dolore cronico, ansia e depressione utilizza l'erba da molto tempo, spesso con risultati sorprendenti. Cosa è il disturbo ossessivo compulsivo? La cannabis può essere un trattamento efficace per questo disordine mentale spesso sottovalutato? Scopriamolo!

La ricerca scientifica sull'uso terapeutico della cannabis è ancora agli inizi ma oggi anche gli scienziati più conservatori si trovano d’accordo sui suoi effetti medicinali. Oltre all'efficacia della cannabis come supporto al trattamento di disturbi fisici come il dolore cronico, i cannabinoidi hanno anche dimostrato un potenziale nel trattamento di numerose condizioni mentali, dalla depressione fino all'ansia e ai disturbi post traumatici. Quanto è realmente efficace la cannabis come trattamento del disturbo ossessivo compulsivo?

SOSTANZE PSICHEDELICHE PER IL TRATTAMENTO DEI DISORDINI MENTALI

L'uso di narcotici e psichedelici per il trattamento di disturbi mentali come il disturbo ossessivo compulsivo non è nuovo. La psilocibina, la sostanza attiva nei funghi magici, è stata recentemente studiata come componente in grado di mitigare i sintomi di un disturbo ossessivo compulsivo (DOC).

Diversi studi hanno esplorato l'efficacia della psilocibina sul disturbo ossessivo compulsivo, in genere con risultati positivi. Uno di questi studi, condotto presso l'Università dell’Arizona, prevedeva la somministrazione di psilocibina a intervalli regolari a pazienti affetti da disturbo ossessivo compulsivo. Non solo il trattamento ha dimostrato di essere sicuro, ma ha anche mostrato una significativa riduzione della gravità dei sintomi di questo disordine fra i partecipanti.

Naturalmente questo ci porta a domandare se la cannabis possa essere una soluzione efficace anche per i malati di disturbo ossessivo compulsivo. Ma prima di approfondire la questione, guardiamo che cosa è questa condizione mentale.

CHE COSA È IL DISTURBO OSSESSIVO COMPULSIVO?

Che Cosa È Il Disturbo Ossesivo Complusivo?

Oggi non è raro che qualcuno parli di se stesso o di altri dicendo di essere “ossessivo e compulsivo". Contrariamente al vero disturbo, queste persone di solito si riferiscono a manie come quelle per la pulizia e per l'ordine. In realtà, il "vero" DOC non è solo un tratto ossessivo della personalità di un individuo, ma può essere una condizione abbastanza grave, in grado anche di rovinare seriamente la vita di chi ne è malato.

Il disturbo ossessivo compulsivo viene spesso accompagnato da una serie di sintomi come il comportamento ossessivo, le azioni compulsive e una forte ansia. Per alcuni pazienti affetti da DOC, le ossessioni (il continuo ruminare attorno agli stessi pensieri) possono diventare così serie da impedire al paziente di lavorare o di avere normali rapporti sociali.

Le ossessioni irrazionali sono una cosa, ma le risultanti compulsioni sono il modo in cui il disordine è più riconoscibile. Queste comprendono comportamenti ripetitivi che si credono essere modi per il paziente di controllare le proprie ossessioni. Molte volte, il meccanismo scatenante del disturbo ossessivo compulsivo è la paura, o meglio, il timore delle conseguenze. Ad esempio, qualcuno può essere ossessionato da germi e malattie, temendo che possano danneggiare loro stessi o i propri cari. Questa paura spesso porta a un lavaggio compulsivo delle mani e la paura di toccare le maniglie delle porte.

Un altro esempio riguarda il malato di disturbo ossessivo compulsivo afflitto da pensieri morbosi che vive nella paura di ferire accidentalmente se stessi e gli altri. Anche questo può influire molto negativamente sulla vita quotidiana del paziente. Oggi il disturbo ossessivo compulsivo è normalmente trattato con una combinazione di terapia comportamentale cognitiva, psicoterapia e farmaci. I medici spesso prescrivono farmaci anti ansia e antidepressivi in quanto il disturbo ossessivo compulsivo è tecnicamente considerato una forma di ansia.

COME PUO’ LA CANNABIS AIUTARE IL DISTURBO OSSESSIVO COMPULSIVO?

Come Puo'La Cannabis Aiutare?

Cominciamo con alcuni avvertimenti: non tutte le persone che soffrono di DOC trovano utile la cannabis. Il disturbo ossessivo compulsivo si manifesta in modo differente sui singoli pazienti. Anche se molte persone con questo tipo di disturbo trovano che la cannabis li aiuta a rilassarsi e a godere di una pausa dalle loro ossessioni, altri sentono che i loro sintomi restano invariati o addirittura peggiorano con l'uso di cannabis.

È utile sottolineare che il livello di esperienza e la pazienza svolgono un ruolo in qualsiasi farmaco o terapia, tradizionale o alternativa come la cannabis, per lavorare in modo efficiente. Certi ceppi di questa pianta hanno effetti completamente diversi da altri, e per questo è anche importante determinare la giusta combinazione di THC e CBD per trattare efficacemente un disturbo ossessivo compulsivo.

VARIETA’ INDICA O SATIVA CONTRO IL DOC

Indica Vs. Sativa

Alla radice di questo disturbo si trovano ansia e paura. A differenza di cose come essere inseguiti da un animale feroce o di essere fisicamente malati, il disturbo ossessivo compulsivo si manifesta con pensieri irrazionali, quelli che non sono realmente utili per chi ne soffre. Per loro stessa natura i fattori scatenanti del disturbo ossessivo compulsivo sono imprevedibili e variano da persona a persona. In questi casi le varietà di cannabis indica più rilassanti possono forse fornire sollievo.

COSA SUCCEDE CON LE SATIVA?

Le varietà sativa producono un forte effetto cerebrale che può talvolta provocare o aumentare le sensazioni di ansia e di paranoia. Questo è il motivo per cui i ceppi sativa non sono normalmente raccomandati per coloro che soffrono di disturbi d'ansia.

I ceppi di cannabis indica provocano effetti differenti rispetto alle sativa. Queste varietà producono un effetto corporeo rilassante che "rallenta" piuttosto che stimolare la mente come fanno invece le varietà sativa.

Anche con queste indicazioni di massima bisogna tenere presente che ogni caso è diverso dall’altro. I ceppi più potenti possono talvolta causare sonnolenza, rendendoli non sempre ottimali per chi vuole assumere cannabis medica durante il giorno.

CBD CONTRO THC

THC Vs. CBD

Un'altra differenza tra i ceppi di cannabis è il loro diverso contenuto di THC e di CBD. Il THC è il principale composto psicoattivo nella cannabis, ed è responsabile di indurre gli effetti psicoattivi. I CBD è un cannabinoide con simile potenza ma non è psicoattivo e può lavorare in sinergia con il THC per mediare i suoi effetti psicotropi. Il CBD, pur avendo benefici medici, è un cannabinoide che viene utilizzato più per scopi medici piuttosto che ricreativi.

Si suggerisce ai pazienti con ansia di scegliere un ceppo con dominante CBD rispetto alle varietà ricche di THC. Bisogna però notare che esistono alcuni utilizzatori che giurano sugli effetti benefici del THC per la loro ansia. Questi sono solo racconti, ma in effetti l'euforia che si sperimenta dopo l'assunzione di THC può aiutare i malati di disturbo ossessivo compulsivo a combattere la depressione latente o conclamata.

THC

Il THC è il principale componente psicoattivo contenuto nella cannabis ed è il cannabinoide più abbondante prodotto da questa pianta. Il THC è responsabile dello “sballo” quando si fuma cannabis. La ricerca scientifica non è giunta ad una conclusione definitiva sui rapporti fra THC e ansia. Alcune persone dicono che THC li ha aiutati a combattere la loro ansia, mentre altri riferiscono che questo cannabinoide non ha fatto altro che peggiorare i loro sintomi. Proprio come con i farmaci tradizionali, non tutte le sostanze vanno bene per tutti i pazienti.

Sono anche stati eseguiti alcuni studi sugli effetti ansiolitici del THC, ma i risultati di queste ricerche sono inconcludenti. In uno di questi casi, la metà dei partecipanti di uno studio ha riportato che il THC ha ridotto la loro ansia, mentre l'altra metà ha riscontrato un aumento dei sintomi.

CBD

Nel caso si scopra che i ceppi con alto contenuto di THC non funzionano per il trattamento del proprio disturbo ossessivo compulsivo, resta sempre possibile provare i ceppi ricchi di CBD. Il CBD ha proprietà lievemente rilassanti e sembra che abbia un ottimo potenziale come agente ansiolitico e antipsicotico. Ed è proprio grazie a queste proprietà che le aziende farmaceutiche sono ora pesantemente impegnate nella ricerca sul CBD.

Alcuni studi suggeriscono che il CBD è anche una sostanza anti compulsiva e che quindi è in grado di trattare efficacemente i comportamenti di tipo ossessivo e compulsivo. La maggior parte delle ricerche sul CBD svolte fino a questo punto sono state eseguite solo su cavie da laboratorio. Sono ora necessarie ulteriori ricerche scientifiche su soggetti umani con disturbo ossessivo compulsivo per comprendere se questo cannabinoide può realmente essere efficace contro questo tipo di patologia mentale.

La cosa positiva è che non devi aspettare anni per vedere se il CBD funziona per te! Il cannabidiolo è legale in molti paesi e può essere acquistato come supplemento alimentare.

INIZIA CON BASSI DOSAGGI DI THC

L’esperienza dei pazienti consiglia finora di iniziare con basse dosi di THC. Questo non si applica solo a chi non ha precedenti esperienze con la cannabis: alcune delle ricerche relative all'interazione fra ansia e cannabis suggeriscono che il dosaggio svolge un ruolo importante. Una bassa dose di THC può essere molto ansiolitica, mentre dosi più elevate possono avere l'effetto opposto.

Dose elevate o frequenti di THC possono desensibilizzare i recettori cannabinoidi, rendendo meno efficaci i suoi effetti rilassanti. Quindi è meglio iniziare con dosi basse e non usare ceppi molto potenti di quelli che stordiscono pesante se vuoi trattare il tuo disturbo ossessivo compulsivo.

E IL CIBO A BASE DI CANNABIS?

Cibo A Base Di Cannabis

Per gli utenti di cannabis medica, gli “edibles” comportano alcuni vantaggi rispetto al fumo di marijuana. Questo metodo di consumo causa effetti più forti e permette di allungare il tempo tra una medicazione e la successiva. Il fumo offre un sollievo più rapido, ma in questo modo gli effetti dei cannabinoidi possono durare solo un'ora o due al massimo. Senza dover accendere canne molte volte durante il giorno per ottenere una potente dose di THC o CBD, basta semplicemente magiare del cibo a base di cannabis per evitare inutili perdite di tempo.

QUALI SONO LE VARIETA’ PIU’ EFFICACI CONTRO IL DOC?

Prima di cominciare con le nostre raccomandazioni vale la pena notare che i ceppi elencati qui sotto sono tutti molto potenti. Questi strain sono menzionati negli aneddoti dei pazienti per essere utili nel trattamento del disturbo ossessivo compulsivo, ma a causa della loro potenza devono essere utilizzati a basse dosi. Naturalmente gli effetti saranno diversi su ciascun individuo, per la stessa natura di questa condizione.

QUERKLE

Querkle è un ceppo a dominanza indica con un contenuto di THC molto elevato che raggiunge concentrazioni fino al 26%. Questo strain cresce robusto ed è raccomandato per chi sta cercando livelli di THC superiori alla media.

WHITE RHINO

White Rhino è un ibrido con imponenti quantità di THC e CBD, che lo rendono capace di enormi potenzialità medicinali!

CRITICAL KUSH

Critical Kush è un ceppo a dominanza indica con tonnellate (25%) di THC. Può produrre effetti molto forti e rilassanti per i pazienti cpon disturbo ossessivo compulsivo che sono in gradi di gestire la sua potenza.

C'è ancora molto spazio per lo sviluppo quando si tratta di studi scientifici sull'efficacia del trattamento del disturbo ossessivo compulsivo e dell'ansia con la cannabis. Tuttavia, con tanti ceppi ricchi di THC e CBD oggi disponibili, i pazienti possono cominciare a sperimentare individualmente utilizzando le diverse varietà di cannabis nel modo che più si adatta alle loro specifiche esigenze.

 

         
  Georg  

Scritto da: Georg
Stabilitosi in Spagna, Georg dedica gran parte delle sue giornate non solo al suo computer, ma anche al suo giardino. Mosso da una grande passione per la coltivazione della Cannabis e per la ricerca di sostanze psichedeliche, Georg è un vero esperto del mondo psicoattivo.

 
 
      Scopri i nostri scrittori  

Relativi Prodotti