La Cannabis aiuta a prevenire i danni cerebrali degli alcolici

Published :
Categories : BlogCannabisCBD

La Cannabis aiuta a prevenire i danni cerebrali degli alcolici

Una recente ricerca ha evidenziato come il CBD possa, potenzialmente, proteggere il cervello dai danni provocati dal consumo di alcool.

Negli ultimi anni la ricerca medica sulla Cannabis ha fatto passi da gigante, soprattutto per quanto riguarda il CBD, uno dei principali cannabinoidi della Cannabis. I primi risultati di questi studi hanno evidenziato un'ampia gamma di possibili cambiamenti positivi sui soggetti consumatori di questo componente.

A gennaio abbiamo scoperto che la ricerca ha evidenziato come il CBD possa avere effetti positivi sui danni al fegato legati all'abuso di sostanze alcoliche. Oggi nuovi studi stanno analizzando la possibilità che questo cannabinoide possa prevenire anche i danni cerebrali provocati dall'alcool. La ricerca, condotta dalla Facoltà di Scienze Farmaceutiche dell'Università del Kentucky, si basa su test condotti sui ratti (che, a quanto pare, hanno funzionalità molto simili a quelle umane) ed è stato rilevato che il CBD è in grado di ridurre fino al 50% la degenerazione della corteccia cerebrale provocata dal consumo di alcolici! Ciò che rende la faccenda ancora più interessante è che il CBD è stato somministrato ai ratti in due maniere differenti, sia per iniezione che per via epidermica. In entrambi i casi è stata rilevata la medesima efficacia di applicazione.

Il CBD può essere un trattamento?

Per quanto promettenti, questi risultati hanno bisogno di ulteriori conferme scientifiche, soprattutto tramite l'applicazione su soggetti umani, prima di poter affermare senza ombra di dubbio che il CBD possa avere un valore come trattamento in casi simili. Ma si tratta, ancora una volta, dell'ennesima conferma che si deve porre fine al proibizionismo, soprattutto se si mettono a confronto due sostanze come l'alcool e la Cannabis.

Quando paragonate la Cannabis all'alcool, sostanza legale praticamente ovunque, dovreste chiedervi seriamente il perché di una simile differenza di trattamento da parte dei governi. Perché mai qualcosa come l'alcool, con tutti i suoi lati negativi rispetto ai pochi benefici, debba essere considerato legale mentre la Cannabis no. Il Professor David Nutt, eminente figura nella politica sulle droghe, ha addirittura dichiarato che la legalizzazione e regolamentazione della Cannabis potrebbe ridurre fino a un quarto il consumo di sostanze alcoliche, con innumerevoli vantaggi ed effetti positivi tanto sulla salute umana che sulla società. Se tenete in considerazione questo aspetto, insieme all'idea che la Cannabis sia realmente in grado di prevenire i danni provocati dall'alcol, allora diventa lecito domandarsi se le attuali politiche in questo ambito non siano asservite a qualche altro tipo di potere.

Non ci resta che augurarci che il cambiamento arrivi in fretta. Tutte le prove, oggi a nostra disposizione, sui benefici della Cannabis stanno raggiungendo dimensioni spaventose: non bisogna ignorarle.

Per avere maggiori informazioni sul CBD potete visitare la nostra pagina Zamnesia CBD Shop.

comments powered by Disqus