L'Italia consente l'uso di medicine a base di Cannabis

Published :
Categories : Blog

L'Italia consente l'uso di medicine a base di Cannabis

Sativex® - farmaco prescrivibile a base di marijuana, prodotto dalla GW Pharmaceuticals (azienda medico-tecnologica di Cambridge). L'uso di questo medicinale è stato approvato e sarà introdotto su uno

Sativex® - farmaco prescrivibile a base di marijuana, prodotto dalla GW Pharmaceuticals (azienda medico-tecnologica di Cambridge). L'uso di questo medicinale è stato approvato e sarà introdotto su uno dei maggiori mercati europei. Sebbene, per il momento, verrà applicato per terapie solo in determinate e limitate condizioni, questo evento segna una certa rottura con gli atteggiamenti predominanti, fino ad oggi, in merito all'uso di Cannabis a scopo medico. Attualmente solo i pazienti affetti da Sclerosi Multipla, ad uno stadio medio o avanzato, potranno beneficiare del nuovo trattamento, laddove i convenzionali farmaci anti-spastici abbiano fallito.

Justin Gover, boss della GW Pharma, sottolinea che, con la recente approvazione, siamo già alla 21ima risoluzione in tal senso, a dimostrazione degli effettivi benefici procurati da questo farmaco in pazienti sofferenti di SM. "Concedendo ed approvando il rimborso del Sativex®, apprezziamo la lungimiranza delle Autorità italiane nel riconoscere il valore di una medicina per il trattamento di una malattia particolarmente debilitante come la Sclerosi Multipla, fino ad oggi non correttamente affrontata tramite l'utilizzo dei farmaci disponibili (...). Ora possiamo guardare avanti e lavorare con i nostri partner dell'Amirall, in vista di un lancio commerciale su questo importante mercato, nell'arco temporale di pochi mesi", ha aggiunto Mr. Gover.

La GW Pharma, che di recente ha superato con successo l'entrata nella borsa statunitense (NASDAQ) portando la società ad un valore di $31.2 milioni, sarà pronta al lancio del nuovo farmaco a Settembre. La compagnia che si occuperà della distribuzione in territorio italiano, la Almirall SA, che ha sborsato €250.000 per aggiudicarsi questo privilegio, si sta attualmente occupando di portare a termine la fase normativa e i dettagli relativi al prezzo del farmaco.

comments powered by Disqus