L'illuminazione nelle coltivazioni indoor: LED vs. HPS

Pubblicato :
Categorie : BlogCannabisColtivare Cannabis

L'illuminazione nelle coltivazioni indoor: LED vs. HPS

La battaglia LED vs HPS va avanti ormai da diversi anni. Date un'occhiata anche voi ai pro e ai contro di questi due sistemi d'illuminazione.

Quando si parlava di coltivazione indoor, le lampade HPS avevano la fama di essere il cavallo di battaglia di tutti i coltivatori del mondo. Tuttavia, da qualche anno, è nata una nuova tendenza nel campo dell'illuminazione: i LED. Questo settore emergente si sta sviluppando ad un ritmo vertiginoso, sia in termini di dimensioni che di qualità. Ciò ci ha spinti ad esaminare entrambi i sistemi, con il fine di valutarne i pro e i contro.

DIMENTICANDO I VECCHI PREGIUDIZI

Se avete mai avuto occasione di entrare in qualche forum con tematiche relazionate alla coltivazione della Cannabis, vi sarete sicuramente imbattuti in accesi dibattiti su quali sono i migliori sistemi d'illuminazione: HPS o LED. Fino a qualche anno fa, le conversazioni di queste piattaforme informatiche davano come indiscussi vincitori le lampade HPS. Certo, le prime generazioni di LED davano buoni risultati, ma l'investimento iniziale era troppo elevato e non garantivano risultati così eccezionali da spodestare dal trono le lampade HPS. Tuttavia, con il passare degli anni, le lampade a LED per la coltivazione hanno fatto passi da gigante, in termini di tecnologia e qualità, riuscendo ad abbassare notevolmente i prezzi di vendita. Ciononostante, si continuano a sentire pareri controversi sulla loro applicazione colturale. Il dibattito infuria ancora oggi, soprattutto tra i coltivatori più affezionati alle lampade HPS, sempre disposti ad attaccare un sistema d'illuminazione ancora poco collaudato. Dall'altra parte, invece, troviamo coltivatori più aperti alla sperimentazione, orgogliosi di cantare le lodi delle proprie coltivazioni illuminate da dispositivi a LED.

È per questa ragione che abbiamo deciso di lasciarci alle spalle i vecchi pregiudizi sull'illuminazione nelle coltivazioni indoor, analizzando nel dettaglio entrambi i sistemi, ma da un punto di vista esclusivamente pratico. Ci auguriamo di essere riusciti a metterli a confronto con totale imparzialità.

ILLUMINAZIONE CON LAMPADE HPS

Le lampade ad alta pressione di sodio, abbreviate con la sigla HPS, sono sempre state considerate i dispositivi più idonei per l'illuminazione in coltivazioni indoor. Si tratta di lampade con potenze eccezionali, che possono oscillare tra i 75 e i 4.000 Watt, hanno livelli di CCT ottimali per la crescita della Cannabis ed emanano una grande quantità di lumen. Sul mercato ne potete trovare di tutte le dimensioni e forme, il che rende la scelta piuttosto versatile.

I pro delle lampade HPS

- In generale, una lampadina HPS stimola un processo di fioritura molto più vigoroso, consentendo raccolti più abbondanti.
- Il sistema d'illuminazione HPS necessita un investimento iniziale molto più ridotto rispetto a quello da sostenere con i LED.
- Il prodotto HPS in sé è ormai standardizzato, il che lo rende facile da comprendere e prevedibile nei risultati finali.
- Sono molto potenti e non vi è dubbio che le piante di Cannabis ricevono un'elevata intensità di luce.

I contro delle lampade HPS

- Pur essendo più economiche delle luci LED, le lampade HPS sono assetate di corrente elettrica e il costo per mantenerle accese è molto elevato, soprattutto quando si dispone di un impianto con più lampade da 1000W.
- Le HPS generano molto calore, richiedendo un sistema di ventilazione appropriato per poter rinfrescare l'ambiente. Si tratta di un calore così elevato che le piccole stanze di coltivazione potrebbero raggiungere temperatura impraticabili.
- Queste lampade richiedono quasi sempre un alimentatore ed un riflettore per funzionare correttamente.
- Hanno una durata di vita più breve rispetto ai LED.

ILLUMINAZIONE A LED

Le luci a LED sono entrate nel mondo della coltivazione da pochi anni ed hanno avuto un esordio piuttosto traballante. Furono lanciate sul mercato come nuovi dispositivi in grado di aumentare le rese produttive e la potenza dell'erba, promesse poche volte mantenute (soprattutto quando si trattava dei modelli LED più economici). È per questo motivo che, ancora oggi, molti coltivatori affezionati alle HPS rimangono scettici di fronte ai dispositivi a LED per la coltivazione, sostenendo che chi vende un prodotto così eccezionale, quasi sempre, mente. Tuttavia, dalla loro comparsa, le luci a LED hanno percorso una lunga strada, arrivando oggi a tener testa ai sistemi d'illuminazione HPS. Il principale problema che continua ancora oggi a danneggiare l'immagine delle luci a LED è la loro vastissima gamma di modelli. Non sono ancora state standardizzate con la precisione delle lampade HPS e, di conseguenza, la loro efficacia può variare enormemente da una marca all'altra. Ricordatevi che se una luce a LED viene venduta ad un prezzo ridicolo e promette risultati eccezionali, quasi sicuramente nasconde un dispositivo poco affidabile. Le luci che dovete cercare sono quelle prodotte dalle compagnie più affermate in questo settore, in grado di proporre ai propri clienti lampade a prezzi elevati, ma dalla qualità eccezionale.

I pro delle luci a LED

- Le luci a LED più moderne hanno una qualità così alta da emanare la stessa qualità/intensità di luce delle HPS.
- Le luci a LED emanano un calore estremamente basso, così basso da non necessitare un impianto di ventilazione per ridurre le temperature.
- Offrono un'altissima efficienza energetica e non richiedono costi di elettricità folli come quelli delle HPS. Risparmierete sulla bolletta e non desterete alcun sospetto.
- Le luci a LED hanno una lunga durata di vita, che oscilla tra le 50.000 e le 100.000 ore.
- Molti coltivatori ritengono che le luci a LED sono in grado di favorire un miglior sviluppo delle cime durante la fase di fioritura, aumentando la potenza del prodotto finale.
- I dispositivi a LED tendono ad avere dimensioni piccole e non richiedono né un alimentatore né un riflettore (occupando meno spazio).

I contro delle luci a LED

- Le luci a LED possono rivelarsi un investimento iniziale molto costoso, soprattutto in relazione alle loro controparti HPS.
- Il mercato non dispone ancora di luci a LED standardizzate per la coltivazione.
- E, in quanto tale, le luci più economiche sono quasi sempre sinonimo di prodotto scadente, incapace di garantire risultati soddisfacenti. Ciò non fa altro che portare avanti la cattiva fama dei LED.
- Il fatto che le luci a LED non emanino quasi calore potrebbe essere uno svantaggio nelle aree più fredde del pianeta, dove molte volte viene sfruttata proprio l'illuminazione per mantenere temperature più stabili.
- Per quanto le cime possano svilupparsi con una qualità maggiore, le luci a LED offrono, generalmente, rese produttive inferiori.

CONCLUSIONI

Come avrete potuto notare, entrambi i sistemi d'illuminazione hanno vantaggi e svantaggi. Discutere sulla qualità dei due dispositivi ormai non è più così rilevante, per cui sarete voi stessi a decidere quali lampade utilizzare. In generale, forse per i costi iniziali più ridotti, le lampade HPS si adattano meglio alle esigenze di chi coltiva poche piante e solo per hobby. Tuttavia, se l'investimento iniziale non dovesse spaventarvi e siete alla ricerca di un'illuminazione dalla lunga durata di vita, allora i LED potrebbero fare al caso vostro. Inoltre, se le dimensioni della coltivazione indoor dovessero essere eccessivamente piccole per reggere temperature troppo elevate, con i LED avrete la possibilità di dimenticarvi completamente dei rischi d'incendio in una coltivazione indoor.

In ogni caso, se siete veramente intenzionati a spingere oltre le vostre piante di Cannabis (e disponete di sufficiente spazio dove farlo), allora sappiate che sempre più coltivatori usano in contemporanea sia lampade HPS che LED. Ciò offre i vantaggi di entrambi i dispositivi, evitando molti degli inconvenienti derivanti dall'uso di un solo sistema d'illuminazione. Ovviamente, le spese saranno ancora più elevate e, probabilmente, risulterà anche poco pratico per la maggior parte dei piccoli Grow Box. In ogni caso, ci tenevamo a dirvi che è una combinazione percorribile.

Le lampade HPS non avranno forse perso il loro trono, ma sono sicuramente scese di qualche gradino, dato che oggi non esistono né vincitori né vinti. Per analizzare e riportarvi tutti i pro e i contro ci siamo basati su dispositivi HPS e LED di primissima qualità. Le lampade HPS hanno raggiunto il picco della loro evoluzione tecnologica, mentre le luci a LED sono solo all'inizio. Chissà il futuro cos'avrà in serbo per noi.