Il trasferimento di Marc Emery nel carcere canadese è stato approvato dal Dipart

Pubblicato :
Categorie : Blog

Il trasferimento di Marc Emery nel carcere canadese è stato approvato dal Dipart

Marc Emery, editore del Cannabis Culture Magazine e fondatore di un gruppo per la legalizzazione della marijuana, venne arrestato dalla DEA il 29 luglio 2005*). Venne accusato di vendita illegale di s

Il trasferimento di Marc Emery nel carcere canadese è stato approvato dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti

Marc Scott Emery, il "Principe dello Spinello", editore del Cannabis Culture Magazine e fondatore di un gruppo per la legalizzazione della marijuana, venne arrestato dalla DEA il 29 luglio 2005*). Venne accusato di vendita illegale di semi di Cannabis per finanziare l'attivismo per la legalizzazione della marijuana. Dovrà scontare 5 anni di carcere, ma potrebbe venire trasferito presto in un carcere canadese.

La concessione, stilata il 13 luglio 2013 dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, approva di fatto il suo trasferimento dalla Medium Federal Correctional Institution di Yazoo City al Canada. Dopo che il consulente legale di Emery ha confermato ciò, sua la moglie Jodie ha dichiarato che si augura caldamente che il governo (Conservatore) canadese approvi velocemente tutti i termini per il suo trasferimento, ma finora le autorità canadesi non hanno ancora rilasciato nessun commento sulla vicenda di Emery.

La precedente richiesta di Emery per il trasferimento all'Istituto Penale canadese venne respinta nel 2011.

*) Il giorno in cui venne arrestato, l'amministratore della DEA, Karen Tandy, rilasciò una dichiarazione in cui affermava come il suo arresto fosse derivato da una direttiva politica, mirata a denunciare Marc per traffico di droga e per il suo favore nei confronti dell'attivismo per la legalizzazione della marijuana. Secondo Tandy questa operazione è stata "un duro colpo non solo per la vendita legale di marijuana in Canada e Stati Uniti, ma anche per il movimento per la legalizzazione della marijuana".