Il consumo di DMT è in aumento! 1,4 milioni gli americani ad averlo fumato

Pubblicato :
Categorie : BlogSostanze psichedeliche

Il consumo di DMT è in aumento! 1,4 milioni gli americani ad averlo fumato

Fino a qualche anno fa trovare DMT era piuttosto difficile, ma oggi le cose sono cambiate. Si è scoperto che circa 1,4 milioni di americani hanno provato questa sostanza. Data l'intensità degli effetti del DMT, è una notizia che non può che sorprendere.

La N,N-dimetiltriptamina è una sostanza talmente potente da essere considerata da alcuni la più potente in circolazione. Sembra strano che un composto presente in natura, in centinaia di piante e in alcuni mammiferi, possa essere così psicoattivo. Recenti studi hanno rilevato concentrazioni di DMT nel cervello dei ratti vivi, un vero e proprio passo avanti nella ricerca.

Il consumo di DMT ha ormai superato quello dell'Ayahuasca, una bevanda usata come parte integrante della spiritualità amazzonica, per millenni. Tuttavia, con l'avvento di internet, la formula chimica di base del DMT ha potuto girare il mondo. Testimonianze di psiconauti concordano nel dire che, assunta con una pipa, sotto forma di vapore, la percezione vissuta può essere descritta come il picco estremo di un'esperienza psichedelica. Con l'intensità esplosiva di un razzo, si viene travolti a livello cerebrale da un bizzarro universo psichedelico, fonte d'ispirazione delle opere di Terence McKenna. Pur suscitando forti reazioni da parte del pubblico, i suoi racconti sono ancora oggi considerati un'intrigante ed affascinante testimonianza di questa esperienza percettiva.

Che cos'è il DMT?

È impossibile trovare una definizione precisa per poter descrivere il DMT. Solo comparandolo con altre esperienze si può delineare a grandi linee il suo effetto. Anche se il DMT non è la sostanza psichedelica più potente in termini di concentrazioni di composti psicoattivi, provoca sicuramente una delle esperienze più travolgenti vivibili dall'uomo.

Il DMT è un alcaloide triptaminico con struttura chimica analoga a quella della serotonina e della melatonina. La psilocibina e la psilocina sono cugini stretti del DMT (come si può osservare dal 4-HO-DMT, nome chimico della psilocina). A differenza della psilocina, il DMT non è attivo per via orale. Sotto questo punto di vista, i funghi magici potrebbero essere considerati come la forma attiva, per via orale, del DMT (anche se i suoi effetti rimangono pur sempre diversi da quelli indotti fumando la sua forma chimica di base).

Non è ancora molto chiaro quale ruolo e funzione endogena possa avere il DMT sull'organismo di un mammifero. Il Dott. Rick Stassman, uno scienziato leader nel campo della ricerca clinica del DMT, ipotizza che questa sostanza è direttamente coinvolta nella creazione dei sogni. Tuttavia, non si conosce ancora la sua precisa funzione, anche perché i suoi effetti superano di gran lunga qualsiasi paradigma da noi utilizzato per descrivere il mondo che ci circonda.

Perché solo di recente si sente parlare di DMT?

Il DMT sta ricevendo particolare interesse da parte del mondo culturale in questi ultimi anni. Il libro e gli studi pubblicati dal Dott. Strassman hanno riacceso il dibattito su questa sostanza. Il suo documentario "The Spirit Molecule" e altri numerosi filmati hanno contribuito a rendere più accessibili le informazioni che circolano sul DMT.

Un altro fattore scatenante è la cultura dell'Ayahuasca, emersa in questi ultimi dieci anni. Sempre più turisti vengono attirati dall'Ayahuasca e dalla sua cultura radicata in Perù, dove il DMT diventa parte integrante dell'esperienza da loro vissuta. È grazie ai viaggi in Sud America se questa sostanza è potuta essere conosciuta da persone che, altrimenti, sarebbero rimaste ignare della sua esistenza.
Per approfondire ulteriormente il discorso sul DMT, vi consigliamo di vedere questo incredibile audio-video di McKenna: