Il Colorado prevede entrate per 1 miliardo di dollari dalle vendite di marijuana

Pubblicato :
Categorie : BlogCannabis

Il Colorado prevede entrate per 1 miliardo di dollari dalle vendite di marijuana

Gli incassi derivanti dalla recente legalizzazione della marijuana fanno prevedere che questa nuova industria possa arrivare a rendere al Colorado fino ad un miliardo di dollari, a partire dal prossimo anno fiscale.

In seguito alla recente legalizzazione della Cannabis a scopi ricreativi, il Colorado ha cominciato ad essere al centro dell'attenzione dei politici di tutto il mondo. E se c'è una cosa che i politici hanno in comune, è il desiderio di una crescita economica. Prendendo in considerazione le prime cifre e analizzando i giudizi provenienti da oltre i confini del Colorado, la legalizzazione sta cominciando a diventare un argomento molto interessante dal punto di vista economico.

Le nuove proiezioni di vendita, che prevedono entrate per un miliardo di dollari, spartiscono i proventi per un totale di $612.8 milioni di ricavi dalla Cannabis ricreativa e $344.9 milioni dalla marijuana terapeutica, a partire dall'anno fiscale 2014-2015, che inizierà nel mese di Luglio di quest'anno.

Nel Novembre del 2013, gli elettori del Colorado hanno espresso la propria approvazione nei confronti della vendita della marijuana per scopi ricreativi, ciò significa che, approssimativamente, 103 milioni di dollari usciranno dalle casse dello Stato per l'organizzazione del settore, ma potrebbero rivelarsi soldi spesi molto bene.

Ma tra le voci inserite nella previsione di bilancio presentata dal Governatore del Colorado John Hickenlooper il 18 Febbraio, ve n'è una che ha fatto infuriare l'intera comunità della Cannabis: egli intende investire 45.5 milioni di dollari, circa la metà dei proventi previsti dalla tassazione della marijuana, nella propaganda e nel proibizionismo anti-droga. Il Governatore, inoltre, invita alla formulazione di nuove tasse aggiuntive sulla marijuana, da applicare come deterrente "per tutelare la sicurezza e la salute pubbliche e per prevenire il consumo fra i minorenni". Così, in sostanza, sarebbe sua intenzione impiegare praticamente il 50% degli incassi fiscali per combattere il prodotto che genererebbe le tasse stesse: si tratta di pura follia!

E così, mentre avvocati ed aziende lavorano alacremente per sviluppare un mercato proficuo legato alla marijuana, generando, fra l'altro, potenziali nuovi posti di lavoro ed una ripresa economica, gli esponenti pubblici eletti democraticamente sono impegnati a sviluppare nuove tattiche per sperperare milioni di dollari nella guerra allo spinello. Anche truccato e imbellettato, un maiale rimane pur sempre un maiale.

Hickenlooper ha dichiarato al New York Times che fumare spinelli "rende rallentati e goffi": se questo fosse vero, deve aver in qualche modo esagerato lui stesso in questo senso. Le prossime elezioni dimostreranno quanto tendenzialmente goffo sia il suo stesso atteggiamento.