I Peggiori Tipi di Sballo

Pubblicato :
Categorie : BlogCannabisConsumo Di CannabisEducazione alla droga

Tipi di Sballo


La cannabis può allo stesso tempo trattare certi sintomi, ed esserne la causa. Fra questi, attacchi di panico, depressione, ed ansia. Ma come distinguere le cose? In parte, si tratta di comprendere i diversi tipi di cannabis e cannabinoidi, ed in parte si tratta di sperimentare. Scoprite quale varietà funziona meglio per la vostra condizione

Sebbene fumare o mangiare cannabis sia un'esperienza in larga misura piacevole, ci sono alcuni tipi di “sballo” che possono essere dei veri guastafeste. Per una parte, chi ne fa uso può sperimentare sensazioni di intensa euforia, rilassamento e creatività, se non addirittura concentrazione. Le cose non vanno tuttavia sempre così. Alcuni utilizzatori sperimentano con la cannabis anche degli effetti davvero negativi, come apatia, attacchi di panico, paranoia, e perfino insonnia. In certi casi, i pazienti che sperimentano tali effetti finiscono per sentirsi molto peggio di quanto si sentissero in principio.

QUALI SONO I PEGGIORI TIPI DI SBALLO?

Vi sono diversi effetti negativi che vengono riportati comunemente dagli utilizzatori, e che possono essere causati da numerosi fattori; tra questi il metabolismo personale, lo stato mentale, o perfino la varietà che si utilizza. Ironicamente, la marijuana può essere d'aiuto per molti dei sintomi che può essa stessa provocare.

Essenzialmente, i cannabinoidi agiscono nell'organismo come regolatori. In molti casi, ciò significa che i sintomi negativi migliorano o spariscono completamente. In certi altri casi però, la cannabis può esacerbare queste condizioni. Mentre molti di questi effetti indotti sono passeggeri, dovreste cercare immediatamente assistenza medica nel caso fossero persistenti.

Dato che ci son persone che possono essere effettivamente allergiche alla cannabis, dovreste sollecitare assistenza medica anche in caso non vi sentiate bene per più di qualche ora dopo aver cominciato a notare questi sintomi.

Ci sono due opzioni da prendere in considerazione se la vostra erba vi fa star male. Una, smettete completamente. L'altra? Cercate un altro tipo di erba. Per fortuna, esistono molte varietà che possono essere adatte alla vostra particolare fisiologia.

PARANOIA

Paranoia

Gli sbirri stanno per sfondare la porta? Ho spento il gas? Gli alieni stanno per atterrare? Per quanto queste sensazioni possano sembrare ridicole a chi non soffre di attacchi di panico o paranoia, possono essere una cosa molto reale per chi ne è affetto. E sì, la marijuana può anche esacerbarli.

Il miglior modo per far fronte alla paranoia? Primo, riconoscerla per ciò che è. Se il vostro cuore batte forte, o state sudando, cercate di tornare in voi. Chiedete a voi stessi se c'è alcuna ragione per questa sensazione orribile e improvvisa. È sempre d'aiuto richiamarsi alla memoria il fatto di aver assunto una sostanza psicoattiva.

Il riconoscimento è comunque solo il primo passo. Se non riuscite a calmarvi in nessun altro modo, bevete acqua o cercate di mangiare qualcosa. Anche questo avrà una conseguenza sullo sballo in sé, ed aiuterà a riportarvi a terra.

Potreste anche provare con un'altra varietà di marijuana. Molte persone che fanno uso di cannabis sperimentano di tanto in tanto degli effetti secondari negativi temporanei. Per di più, oggi sono state sviluppate molte varietà per affrontare in maniera specifica il problema della paranoia.

INSONNIA

Insonnia

L'impossibilità di dormire è un problema medico in sé e per sé. L'insonnia è spesso causata da certe condizioni soggiacenti, e può essere determinata da depressione o tensione nervosa. Fino al 30% degli adulti soffre di insonnia. Peggio ancora, il 95% di coloro cui sono stati prescritti dei narcotici “tradizionali” spesso accusano un “doposbornia” la mattina dopo. Questa è la ragione per cui la cannabis medicinale sta diventando un'alternativa di primo livello ed un ausilio naturale del sonno.

La ricerca riguardante la cannabis mostra che THC e CBD influenzano il sonno in molti modi, spesso positivi. In effetti i cannabinoidi possono aiutare i pazienti ad addormentarsi, e possono anche influenzare e migliorare la qualità dello ciclo stesso di sonno.

Le varietà Indica sono generalmente considerate le più efficaci per l'utilizzo come ausili per il sonno. Avete difficoltà a dormire a causa della canna che vi siete appena fumati? Peccato. La prossima volta, provate un'altra varietà di cannabis, ce ne sono tante fra cui scegliere.

Per esempio, c'è la CBD Shark Shock. Questa varietà a dominante Indica è anche zeppa di CBD, per garantirvi una lunga e confortevole dormita. Questa pianta piccola e compatta è produttiva in appena 8 settimane. Ha un profumo dolce e fruttato, con una sorprendente fragranza di aglio.

Bubba Kush è una varietà di quasi pura Indica, e anch'essa servirà allo scopo; vi ritroverete a contare le pecore in tempo zero. Questa varietà, sinonimo di comodo intorpidimento, ha un alto contenuto di THC, al 16%. Richiede inoltre appena 8-9 settimane di fioritura per produrre dei fiori ricchi di resina che vi porteranno rapidamente nel mondo dei sogni.

LETARGIA

Letargia

Torpore e comportamento pantofolaio sono uno stereotipo altamente negativo, associato con i 'fattoni'. In effetti è una delle molte percezioni errate riguardo a questa droga ed a chi ne fa uso. La cannabis può evidentemente far addormentare le persone; tuttavia, vi sono molti tipi di cannabis che non determinano questa reazione. Infatti, le varietà Sativa tendono a generare uno sballo mentale ed un alto livello di concentrazione, che premette alle persone di creare, fare esercizio, e lavorare.

Se non volete fare uso di caffeina per rianimarvi, o se la vostra erba attuale vi sta rendendo intorpiditi, non preoccupatevi; la soluzione a questo è semplice. Scegliete una varietà con un più elevato contenuto di Sativa; tali varietà sono chiamate “dominanti Sativa”. E ve ne sono anche parecchie fra cui scegliere.

Ad esempio, Energy Haze dà agli utilizzatori una sensazione di enorme vigore ed energia. Creata a partire da un incrocio fra Kali Mist e Northern Light, questa dominante Sativa è nota per il suo stono esaltante. Con un tempo di fioritura di appena 10-11 settimane, questa è una pianta molto produttiva; e l'effetto è anche migliore.

Anche la New York Cityy tenta di portar bene il suo nome, procurando uno “high” energetico instillato di Sativa. Questa varietà, Sativa al 70%, vi dà rendimenti massicci di 500 grammi per pianta, e produce fiori in 80 giorni. 

ALTRI CONSIGLI

Assunzione Per Via Alimentare

Mentre molte persone consumano la marijuana fumandola, gli utilizzatori a scopo medicinale stanno sempre più passando ad un'assunzione per via alimentare. Questo si deve a diverse ragioni. La prima è ovviamente in relazione con la salute. La seconda, però, è in rapporto al modo in cui la cannabis lavora nel corpo umano. Quando la si mangia, gli effetti dei cannabinoidi sorgono più lentamente, ma durano più a lungo. Ciò influisce anche sulla capacità dell'organismo di scivolare gradualmente in un sonno ristoratore, permettendo al cervello ed al corpo di riposare per un più lungo periodo di tempo. Qualunque sia il metodo di consumo che scegliete, avrà degli effetti sulle vostre reazioni, e sarà perciò opportuno che facciate voi stessi la prova.

Se i sintomi che state trattando con la marijuana medicinale persistono senza alcuna ragione per un periodo di tempo prolungato, dovreste cercare assistenza medica.

Marguerite Arnold

Scritto da: Marguerite Arnold
Con anni di esperienza di scrittura alle spalle, Marguerite dedica il suo tempo ad esplorare il settore della cannabis e gli sviluppi del movimento di legalizzazione.

Scopri i nostri scrittori

https://www.zamnesia.com/it/blog-cannabis-e-sonno-top-5-delle-migliori-varieta-contro-l-insonnia-n267

Relativi Prodotti