Una Guida Completa All’Olio Di Cannabis CO₂


Ultima modifica :
Pubblicato :
Categorie : BlogCannabisCome si faConsumo Di Cannabis

Una Guida Completa Per Consumare Concentrati Di Cannabis


Con gli estratti di cannabis che stanno guadagnando così tanta attenzione, Zamnesia è qui per presentarvi uno sguardo approfondito sull'estrazione a biossido di carbonio, sulle sue implicazioni mediche, e su come puoi fare i tuoi estratti a CO₂ in tutta sicurezza a casa!

Le estrazioni di cannabis stanno diventando esponenzialmente sempre più diffuse, e c'è una buona ragione per questo. Gli estratti di alta qualità sono in genere molto meno dannosi da consumare rispetto ai fiori fumanti in una canna o in un bong. Le estrazioni hanno un’alta concentrazione di cannabinoidi, permettendo un dosaggio molto potente, se necessario. Gli estratti possono essere consumati praticamente in qualsiasi modo: trasformati in alimenti e ingeriti, inalati sotto forma di liquidi per penne elettroniche, in oli e resine per vaporizzatori o dab, o anche rollati in una canna tradizionale.

Il principale vantaggio delle estrazioni è che rimane poca o nessuna materia vegetale da bruciare. Quando inali un estratto, non inali materiale bruciato perchè la sostanza viscosa semi-solida si sublima istantaneamente in forma gassosa, senza la formazione di radicali liberi tossici. In sintesi, questo offre un'esperienza di assunzione più potente e "sana".

Ma attenzione! Non tutte le estrazioni sono uguali. Per estrarre il maggior numero possibile di cannabinoidi, di solito è necessario un solvente. Ce ne sono a dozzine: alcuni polari, altri non polari, alcuni utilizzano derivati del petrolio altamente combustibili, altri utilizzano gas inerti più rispettosi dell'ambiente. Questo è il caso dell'estrazione con biossido di carbonio (CO₂), che rappresenta la forma più elevata di quest'arte. E puoi anche farla a casa tua in sicurezza, come spiegato qui di seguito.

UNO SGUARDO RAPIDO AL BUTANE HASH OIL, PER COMPRENDERE MEGLIO I BENEFICI DELLE ESTRAZIONI A CO₂

UNO SGUARDO RAPIDO AL BUTANE HASH OIL

Prima di esplorare in modo approfondito le estrazioni a CO₂ esaminiamo le estrazioni a butano, note anche come BHO (Butane Hash Oil). È abbastanza semplice da realizzare a casa, anche perché i materiali sono economici e facilmente reperibili. Il problema è che il butano è una sostanza altamente infiammabile e pericolosa da gestire. Quando comprimi la camera di estrazione, il butano può diventare un esplosivo molto volatile.

Non solo. Dopo il processo di estrazione è necessario eliminare il butano rimanente nella miscela. Questa è un’operazione che la grande maggioranza degli estrattori domestici non esegue. E così si trovano letteralmente a fumare pure particelle di butano a base di petrolio insieme ai cannabinoidi. Per eliminare completamente questo componente tossico, è necessaria una camera a vuoto da laboratorio per la degassificazione. Questo dispositivo aumenta notevolmente i costi, e viene quindi spesso trascurato a causa di ignoranza o avidità di denaro.

Per aggiungere al danno anche la beffa, per fare legalmente BHO è necessario seguire un protocollo specializzato per l'utilizzo e lo smaltimento di materiali molto pericolosi. La maggior parte delle giurisdizioni ha leggi piuttosto severe sui requisiti per compiere queste operazioni. Sono necessari, ad esempio, dei sistemi HEPA di estrazione dell’aria con appositi filtri, materiali antistatici e non infiammabili ovunque, una gestione speciale del magazzino, e molte altre complicazioni.

Estrattore In Vetro EHLE-X-traktVedere Estrattore In Vetro EHLE-X-trakt

ESTRATTI A CO₂ RISPETTO AL BHO

ESTRATTI A CO₂ RISPETTO AL BHO

I sistemi di estrazione a CO₂ possono sembrare più costosi, con una spesa che varia da diverse centinaia a diverse migliaia di dollari. In realtà è più costoso eseguire estrazioni BHO nel modo giusto. Il sistema a CO₂ risulta meno costoso nel funzionamento a lungo termine ed è molto più rispettoso dell'ambiente, non lascia residui, non è infiammabile e non è tossico (se il contenuto d'aria rimane sotto i 4000 ppm). Il biossido di carbonio può anche essere riciclato e riutilizzato.

Il processo di estrazione richiede un operatore molto qualificato se si prevede di eseguire estrazioni allo stato supercritico, ad esempio per preservare i terpeni, o per la rimozione del THC prima di estrarre il CBD. Negli altri casi, le unità subcritiche sono semplici da usare e molto più economiche. Come puoi immaginare, gli estratti a CO₂ sono gli esempi migliori del più puro olio di cannabis che l'uomo conosca.

ESTRAZIONE A BIOSSIDO DI CARBONIO SUBCRITICA RISPETTO A SUPERCRITICA

ESTRAZIONE A BIOSSIDO DI CARBONIO SUBCRITICA RISPETTO A SUPERCRITICA

La maggior parte dei gas può passare dalla forma liquida a quella gassosa. Tutto quello che devi fare è controllare la pressione e la temperatura. Un esempio lo vedi ogni giorno nella tua cucina: quando si fa bollire l'acqua a pressione atmosferica a livello del mare (circa 14,7 psi), è necessario raggiungere i 100°C affinché si trasformi da liquida a gasssosa. Se sei sull'Everest a 8.850 metri di altezza, la pressione atmosferica scende a circa 4,86 psi, quindi avrai bisogno solo di 69°C per far bollire l'acqua. Questo processo è chiamato evaporazione. Quando inverti le condizioni, il gas si condensa e si trasforma in forma liquida.

Allo stesso modo, pressurizzando il biossido di carbonio in un contenitore, alla fine si trasformerà in un liquido. Quando il liquido lascia il contenitore, la pressione del CO₂ cala così rapidamente da farlo tornare immediatamente alla sua forma gassosa. In questo esempio consideriamo solo la modifica della pressione rimanendo a temperatura ambiente. In termodinamica, questi punti di svolta sono chiamati "punti critici" o "stati critici", e si verificano quando l'equilibrio è rotto e le proprietà fisiche delle molecole cambiano.

La scienza ha scoperto un fenomeno molto intrigante: se modifichi sia la temperatura, sia la pressione oltre i loro punti critici, alcuni gas si comporteranno in un modo molto strano. Agiranno sia come liquido, sia come gas allo stesso tempo, aprendo la strada per applicazioni molto interessanti. I liquidi supercritici hanno valori di tensione superficiale molto bassi e si diffondono attraverso i solidi come un gas. Allo stesso tempo, possono dissolvere i singoli componenti chimici in modo efficiente, come se fossero dei liquidi. Sembra quasi fantascienza!

Il punto critico del biossido di carbonio si trova a circa 31°C a una pressione di 1083 psi. Se la temperatura diminuisce, ritorna alla forma liquida subcritica. Il mantenimento di una temperatura costante e la diminuzione della pressione otterranno lo stesso effetto. A 31°C e 600 psi, il biossido di carbonio subcritico liquido ritornerà allo stato gassoso, separandosi dall'olio senza lasciare residui.

In condizioni supercritiche è possibile manipolare la temperatura e la pressione a livelli predeterminati, in modo che il CO₂ si comporti in modo leggermente diverso dal punto di vista cinetico. Di conseguenza, l’interazione con l'erba avverrà in un modo diverso. L'arte dell'estrazione supercritica di alta qualità si basa sulla messa a punto del sistema in modo da ottenere esattamente i cannabinoidi e i terpeni che desideri, nelle quantità che ti servono.

ESTRAZIONE A CO₂ INDUSTRIALE E DOMESTICA

ESTRAZIONE A CO₂ INDUSTRIALE E DOMESTICA

Entrambe le tecniche di estrazione subcritica e supercritica funzionano essenzialmente allo stesso modo. L'unica vera differenza è la complessità delle apparecchiature utilizzate. Una buona unità di estrazione supercritica è anche in grado operare allo stato subcritico, ma un'unità di produzione subcritica non è in grado di raggiungere condizioni supercritiche. Le unità subcritiche non sono peggiori a causa di questo. Sono semplicemente differenti.

Se stai pianificando di realizzare un'operazione commerciale che prevede la produzione di derivati della cannabis, come cibi, bevande, aromi, oli di CBD, oli ad alto contenuto di THC, liquidi per sigarette elettroniche con diversi sapori, tinture sublinguali, creme per uso topico e altro ancora, allora avrai bisogno di un’unità supercritica di alta qualità e di un operatore dedicato.

Il funzionamento delle unità subcritiche è abbastanza facile da imparare. Non sarai esattamente in grado di selezionare specifici terpeni, ma avrai il prodotto finale più puro e potente possibile. Questa selezione è tecnicamente chiamata "frazionamento".

NOTIZIA CORRELATA
Le Differenze Tra Un Concentrato E Un'Infiorescenza

Fumare una canna, inalare una profonda boccata di bong o accendere un blunt sono i metodi più usati dai consumatori di marijuana.

UNO SGUARDO VELOCE AL PROCESSO SUPERCRITICO INDUSTRIALE

Il processo può variare leggermente a seconda di variabili come i volumi e le scelte di singoli produttori, ma la maggior parte delle estrazioni a CO₂ supercritico condivideranno tutti i passaggi di base. In teoria questi sono sistemi a circuito chiuso. Inizia preparando la tua cannabis di migliore qualità bene essiccata e affinata. Nel dispositivo di estrazione si trova una camera dove posizionare e tenere sigillata la materia vegetale. Questa camera è chiamata "vaso di estrazione".

Avrai un serbatoio di biossido di carbonio con una valvola che si apre e lascia fluire il gas in una pompa a pressione. La pompa quindi spinge il CO₂ in una camera di riscaldamento per superare la forma liquida ed entrare in uno stato supercritico. Questa è spesso definito come "accumulatore". Il biossido di carbonio supercritico passa attraverso il vaso dell'estrattore e attraverso l'erba, estraendo tutta la roba buona in un olio, e lasciando indietro la materia vegetale.

Questo mix passa quindi alla camera successiva, chiamata "separatore". Qui, la pressione viene abbassata in modo che il biossido di carbonio ritorni al suo precedente stato liquido, e subito dopo di nuovo in forma di gas. Come risultato, il gas uscirà completamente fuori dall'olio. Il CO₂ viene ricatturato per un futuro riutilizzo, mentre l'olio viene raccolto per ulteriori trattamenti e purificazioni.

Ad esempio, supponiamo di aver impostato i parametri dell'unità per frazionare l'olio in modo da raccogliere solo THCA e cera. Si potrebbe fare un "invernaggio" su questa cera aggiungendo alcool puro e scendendo a temperature sotto lo zero. Questa operazione costringerà i grassi e le cere a separarsi dagli oli essenziali contenenti THCA, che viene quindi filtrato. Ciò che rimane è l'olio essenziale di THCA caricato con etanolo, che viene quindi posto in un distillatore rotante per rimuovere completamente l'alcol. Il rimanente è a dir poco un olio THCA di purissima qualità.

ESTRATTI DI CO₂ INDUSTRIALI DA ZAMNESIA

ESTRATTI DI CO₂ INDUSTRIALI

Zamnesia offre un gran numero di oli e prodotti con CBD realizzatI con il processo di estrazione a CO₂. I produttori più affidabili e affermati utilizzano entrambi i metodi di estrazione subcritica e supercritica per produrre un'ampia selezione di prodotti a base di CBD, come capsule, creme, cristalli e, naturalmente, oli. Ad esempio i Cannabis Chrystals di Endoca, con un incredibile contenuto di CBD al 99%, sono prodotti tramite estrazione supercritica a CO₂. Questo vale anche per tutti i prodotti CibdolRaw Oils del produttore olandese Medihemp.

Altri oli di Endoca sono realizzati con un metodo di estrazione a biossido di carbonio subcritico, come gli oli Medihemp non grezzi. Ancora una volta, ciò non significa che questi prodotti siano di qualità inferiore, ma per una ragione o per l'altra è stato utilizzato un metodo diverso durante la produzione. Ad esempio, nei casi in cui il produttore desidera produrre lotti più piccoli, il processo subcritico potrebbe essere la scelta migliore.

ESTRAZIONE A CO₂ CASALINGA

Ti mostreremo ora un metodo rapido per eseguire un’estrazione "kief" a CO₂ a casa. L'estrazione casalinga di CO₂ con ghiaccio secco (spiegata qui di seguito) è un metodo di estrazione subcritico fai-da-te che permette di ottenere lo stesso concentrato di alta qualità, ma il processo è meno efficiente.

Per realizzare in modo sicuro un sistema di estrazione a biossido di carbonio in casa, sono necessarie queste cose:

  • Guanti resistenti al calore (Attenzione! La temperatura del ghiaccio secco è di -78°C. Ti può bruciare se lo tocchi!)
  • Ghiaccio secco
  • Fiori e trim di alta qualità
  • Alcuni sacchetti-filtro con retina di finezza diversa (25/75/150/220 micron, ad esempio)
  • Secchio pulito
  • Barattoli

Si inizia mettendo il sacchetto con la dimensione della maglia più fine nel secchio. Metti l'erba nel sacco e lascia cadere il ghiaccio secco (usando i guanti)! Inizia a scuotere molto rapidamente. L'erba si congelerà e i tricomi inizieranno a staccarsi e a cadere da fiori e ritagli. Dopo circa 3 o 4 minuti, rimuovi il sacchetto e raccogli il kief dal secchio. Questo sarà il kief della migliore qualità che puoi ottenere. Conservalo in un barattolo di vetro o un contenitore simile.

Continua a ripetere il processo (usando la stessa erba) ma usando i sacchi a maglie più larghe.
Il risultato è un'estrazione di tricomi ad alto rendimento e di diverso grado.

Ice-O-Lator

Vedere Ice-O-Lator

ESTRATTI A CO₂ E MEDICINA

Se oggi ti stai curando con prodotti a base di cannabis, dovresti prendere in considerazione gli estratti a CO₂. Li troverai più puliti e più facili da dosare con precisione rispetto ad altri metodi.

Il fattore limitante di una buona estrazione a CO₂ è la cannabis utilizzata. Se la pianta raccolta è veramente biologica e senza pesticidi, gli oli ottenuti con biossido di carbonio sono i puri. Poiché l'olio estratto con CO₂ sublima senza combustione, non vi sono i tipici rischi associati alla combustione di materiale vegetale. Gli alti livelli di biossido di carbonio hanno anche un effetto collaterale sull'erba: distrugge tutti i tipi di muffe, microbi, batteri, insetti e acari.

Inoltre, gli oli supercritici da biossido di carbonio possono essere calibrati per ottenere la massima efficacia. Mancano purtroppo studi approfonditi su patologie specifiche e sui possibili rimedi basati sui cannabinoidi. È probabile che l’aumento delle ricerche e la prevedibilità di questa metodologia miglioreranno ulteriormente le estrazioni a CO₂. Ospedali e centri di ricerca in tutto il mondo sono ora in grado di portare i dati statistici a un nuovo livello di complessità. Gli estratti a biossido di carbonio senza dubbio contribuiranno in modo significativo al progresso della medicina. Gli oli a base di CBD stanno già iniziando una nuova era di innovazione nel settore della cannabis.

ESTRATTI A CO₂ E MEDICINA

Guest Writer

Redattore Ospite
Di tanto in tanto, abbiamo l'occasione di collaborare con redattori ospiti qui a Zamnesia. Si tratta di persone provenienti dagli ambienti più diversi, il che rende inestimabili la loro conoscenza ed esperienza.

Scopri i nostri scrittori

Relativi Prodotti