Grande Successo per la Birra alla Canapa in Europa

Pubblicato :
Categorie : Arte & CulturaBlogEuropa
Ultima modifica :

Grande Successo per la Birra alla Canapa in Europa

Immaginate la scena: siete seduti nel dehor di un bar, in un assolato pomeriggio d'estate, sorseggiando una birra ghiacciata. Ora, immaginate che la birra contenga aromi e sapori della vostra Cannabis preferita. Da non crederci!

Ebbene sì, sembra proprio che si prospetti un futuro promettente per la canapa! Anche la birra alla canapa sta avendo sempre più successo in tutta Europa. Sì, avete letto bene, birra e Cannabis unite in un santo vincolo. Ora, prima che vi rechiate in cucina per riempire un bicchiere di birra con cime di Cannabis, il procedimento per realizzare una buona birra richiede passi più complessi.

     

Queste birre non contengono tracce di THC, in quanto realizzate con estratti di canapa privi del componente psicoattivo. Scolarsi 8 medie di una birra che ubriaca e provoca effetti psicoattivi non ha mai dato buoni risultati. Inoltre, eliminando il THC si rinuncia anche al principio attivo che rende illegale la Cannabis. Ciò significa che la birra alla canapa può essere bevuta ovunque, senza rischiare alcuna ripercussione legale. Questa situazione ha aperto nuovi orizzonti per i produttori di birra in tutta Europa e non solo in Germania e Repubblica Ceca (i primi ad aver mosso i primi passi in questo mercato).

In passato, molti produttori di birra avevano provato a mettere insieme questi due elementi, ma gran parte dei tentativi commerciali non erano andati a buon fine. Il primo esperimento fu fatto a Berlino, nel 1996. Si lanciò sul mercato Turn, una birra alla canapa di poco successo che, in poco tempo, scomparve dagli scaffali dei supermercati. Solo nel 2001 la Cannabis Club Suds ottenne il primo grande successo del settore. Prodotta dalla fabbrica di birra bavarese Weissenohe, con questa birra si definirono gli standard di qualità che sarebbero poi stati seguiti da tutte le altre birre alla canapa, dal 2001 ad oggi.

 

 

 

Hemp Valley Beer

Ciò che sorprende maggiormente della birra alla canapa è che, nonostante la mancanza di THC, riesca ancora a mantenere tutte le altre qualità più amate e conosciute dai consumatori di marijuana di tutto il mondo. Mantenere gli aromi ed i sapori della Cannabis ed aggiungere oli essenziali di canapa non poteva che dare risultati assolutamente emozionanti. Sappiate comunque che esistono anche birre alla Cannabis contenenti THC, ma sono soprattutto commercializzate negli Stati Uniti. Tornando alla storia della birra alla canapa, il mercato segnò un importante punto di svolta nel 2005, quando la Repubblica Ceca decise di cimentarsi nella produzione di questa birra. Da allora, la sua fama iniziò a diffondersi ovunque, anche grazie alle normative sempre meno restrittive sul consumo di Cannabis. Oggi, è una buona opportunità di business per qualsiasi inversore, e anche le più piccole ed indipendenti industrie di birra hanno deciso di muoversi in questa direzione, nella speranza di poter offrire i sapori e gli aromi più distintivi.

Le birre ceche, come la Hemp Valley Beer e la KonoPi (cannabeer), sono, insieme alla Cannabis Club Suds precedentemente menzionata, diventate le pietre angolari della birra alla canapa. Anche se disponibili soprattutto nei Paesi di produzione e in occasione di fiere sulla Cannabis, come la Cannafest a Praga, la loro popolarità sta crescendo. Trattandosi di birre assolutamente legali e vivendo in una società sempre più favorevole all'uso di questa pianta, un giorno, forse non troppo lontano, potreste ritrovarvi a sorseggiare una birra alla canapa nel bar sotto casa. "Cameriere, una birra ghiacciata alla canapa per favore!"

 

         
  Lucas  

Scritto da: Lucas
Lucas anche è redattore part-time e visionario a tempo pieno. Un anonimo psiconauta atterrato nella società in giacca e cravatta, lavora per portare alle masse le prove evidenti prodotte dalla ragione.

 
 
      Scopri i nostri scrittori  

Relativi prodotti