Germania: La Corte autorizza la coltivazione privata di Cannabis a fini terapeut

Pubblicato :
Categorie : BlogCannabisLeggi sulle droghe

Germania: La Corte autorizza la coltivazione privata di Cannabis a fini terapeut

Un vero e proprio colpo di scena. La Corte Amministrativa di Colonia ha riconosciuto ai malati cronici il diritto di coltivare privatamente la propria Cannabis.

In appena due settimane, cinque pazienti di nazionalità tedesca hanno già presentato richiesta per poter coltivare privatamente la propria Cannabis. Tuttavia esistono alcune clausole. Sarà infatti un giudice a decidere a chi concedere questo speciale permesso, esaminando accuratamente ogni singolo caso. Sembra che tre pazienti abbiano già portato a casa la loro personale vittoria, ma la questione è destinata ad assumere dimensioni gigantesche. Questo importante passo avanti servirà come base per autorizzare le future licenze a fini terapeutici. Inoltre, questa importante sentenza ha costretto l'Istituto di Medicina dello Stato tedesco (BfArM) a rivalutare la propria posizione in merito alla coltivazione privata di Cannabis per scopi medici.

All'interno della sentenza è specificato che ogni caso verrà esaminato ed approfondito singolarmente, in modo da poter garantire che vengano soddisfatti tutti i requisiti. Uno dei principali criteri su cui si basano queste linee guida è la sicurezza all'interno delle coltivazioni. Ogni paziente deve garantire che tutte le fasi di coltivazione saranno tenute sotto stretta sorveglianza. La mancanza di sicurezza e protezioni in molte coltivazioni indoor è uno dei principali motivi per cui il BfArM non ha mai approvato le piantagioni private. In un comunicato stampa, la Corte Amministrativa di Colonia ha annunciato che:

"Fino ad ora sono stati soddisfatti tutti i requisiti solo in tre casi. Ciò significa che l'accesso tramite terze parti a questa pianta e ai prodotti da essa derivanti potrà essere accettabilmente eliminato grazie alla coltivazione indoor. Le modalità verranno analizzate nel dettaglio a seconda delle singole esigenze".

Questo è da considerarsi un grande passo avanti per la Germania!